sincronizzazion app windows 10 roaming data

La sincronizzazione tra dispositivi Windows 10 funziona come il teletrasporto di Star Trek

Cosimo Alfredo Pina

Vi siete mai chiesti come fanno le app Windows a rimanere sincronizzate tra smartphone, tablet e PC? La risposta arriva direttamente da Microsoft che, in un post dedicato agli sviluppatori, paragona il suo sistema di sincronizzazione al teletrasporto di Star Trek.

Il sistema si basa infatti sui roaming app data, piccoli pacchetti di file (massimo 100 KB) che possono essere “teletrasportati” da un dispositivo all’altro. L’impressione per l’utente è infatti quella che i dati vengano spostati da un dispositivo all’altro, ma in verità quello che accade è che per ogni sincronizzazione vengono effettivamente ricreate delle copie, un po’ come la smaterializzazione/rimaterializzazione della tecnologia della USS Enterprise.

LEGGI ANCHE: Con Windows 10 potrete pagare la vostra connessione tramite il Windows Store?

Un paragone decisamente simpatico che potete approfondire, soprattutto se siete sviluppatori per l’ecosistema Windows, grazie ai due interventi (1 e 2) che Microsoft ha dedicato a come implementare al meglio la sincronizzazione di dati tra dispositivi.