Sistemi Apple sicuri? OS X e iOS sono i più vulnerabili del 2015, mentre Android è solo 20°

Nicola Ligas -

Quali sono stati i software con il maggior numero di vulnerabilità nel 2015? Doveste tirare a indovinare forse non avreste pensato a quelli di Apple, data la loro fama di sicurezza, ed invece OS X ed iOS sono primo e secondo, con 384 e 375 vulnerabilità rispettivamente. Segue al terzo posto del podio il sempiterno Adobe Flash Player, con 314 vulnerabilità, ma Adobe vuole per sé tutte le posizioni fino alla sesta, in particolar modo con software correlati ad AIR.

Troviamo poi un trittico di browser, capitanati ovviamente da Internet Explorer, con Chrome e Firefox ad inseguire (231, 187 e 178 vulnerabilità rispettivamente).

E Windows? A questo punto dovremmo spiegarvi la natura di questa lista, creata dal CVE Details, che ha raccolto i dati forniti dal National Vulnerability Database (NVD) in merito alle Common Vulnerabilities and Exposures (CVE), ovvero tutte quelle vulnerabilità pubblicamente rese note (che non è affatto detto corrispondano al totale). In questo elenco però Windows, al contrario di altri OS, è stato diviso per numero di versione, ed è solo dal 10° posto in poi che lo troviamo. C’è tra l’altro da dire che così facendo non solo gli è stata tolta rilevanza come sistema operativo in sé, ma che non è comunque corretto fare la somma delle vulnerabilità versione per versione, dato che lo stesso tipo di falla può affliggere release diverse dell’OS.

LEGGI ANCHEUna falla di sicurezza espone i dati personali degli utenti di Steam

Insomma, tanto per tirare le somme, non abbiamo troppi dubbi che sommando le sole vulnerabilità di Windows desktop l’OS schizzerebbe al primo posto, ma è difficile dirvi di quanto. Lode comunque a Windows 10 che è solo 35° con 53 vulnerabilità.

Altri nomi notevoli sono quello di Ubuntu all’11° posto, e di Android che è solo 20°, anche se a questo punto occorre sottolineare che una classifica basata sul numero di vulnerabilità non evidenzia minimamente la gravità delle stesse, elemento che invece ha la sua importanza.

Trovate comunque l’elenco completo da spulciare qui sotto in galleria, seguito da quello delle “aziende più vulnerabili“, dove Microsoft, Adobe ed Apple detengono le rispettive tre posizioni del podio.

Via: Venture Beat