windows 10 final

Stanchi degli avvisi per aggiornare a Windows 10? Ecco come disattivarli!

Cosimo Alfredo Pina -

Se usate un PC Windows e non siete ancora passati all’ultima versione è molto probabile che abbiate ricevuto più di un sollecito ad effettuare l’aggiornamento. Se però non volete aggiornare da Windows 7 o Windows 8.1 a Windows 10 e volete disattivare gli avvisi e l’app Ottieni Windows 10, qui di seguito vi riportiamo come procedere.

Frutto della incalzante campagna per la massima diffusione del sistema operativo Microsoft, l’app Ottieni Windows 10 può essere infatti disattivata tramite un paio di semplici passaggi che però richiedono modifiche al registro.

Per questo vi invitiamo, in caso fosse intenzionati a procedere, di effettuare un backup del registro stesso e per sicurezza del vostro PC prima di proseguire con la disattivazione degli avvisi.

LEGGI ANCHE: Microsoft porterà Windows 10 desktop sugli ARM? Ecco i primi indizi

Vi ricordiamo inoltre di dare un’occhiata al calendario pubblicato di recente da Microsoft che indica le scadenze per il supporto di Windows 7 e Windows 8.1, piuttosto prossimi sulle piattaforme hardware più recenti.

Disattivare l’aggiornamento a Windows 10 – Passaggi preliminari

Prima di procedere alla disattivazione degli avvisi per aggiornare a Windows 10 dovrete installare gli aggiornamenti KB3065987 su Windows 7 Pro e KB3065988 su Windows 8.1 Pro, entrambi relativi all’attivazione del nuovo gestore per i Criteri di gruppo.

Download KB3065987 per Windows 7

Download KB3065988 per Windows 8.1

Sulle versioni Home dei vecchi Windows dovrete procedere necessariamente alla modifica del registro (metodo 2 di questa guida).

Metodo 1 – Bloccare l’aggiornamento a Windows 10 con il gestore dei Criteri di gruppo

Il primo metodo, purtroppo disponibile solo sulle versioni Pro di Windows, è il più facile e non richiede modifiche al registro di sistema, per procedere vi basterà, dopo aver installato gli aggiornamenti menzionati nel precedente punto, seguire questi passaggi

  1. Aprite la maschera di Esegui, premendo Win + R
  2. Nella casella di testo digitate “gpedit.msc” e premete invio
  3. Nella finestra navigate tra le cartelle seguendo questo schema “Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Windows Update”
  4. Cercate la voce “Disattiva l’aggiornamento all’ultima versione di Windows tramite Windows Update” e premete due volte per aprire la relativa finestra dove dovrete attivarla

Così gli avvisi da Windows Update saranno disattivati, ma non l’app Ottieni Windows 10. Se volete “sradicare” qualsiasi riferimento alla più recente versione del sistema operativo dovrete procedere con modifiche a livello di registro di sistema (vedi dopo metodo 2).

Metodo 2 – Bloccare l’aggiornamento a Windows 10 con l’Editor del Registro

Se avete un PC con la versione Home di Windows dovrete effettuare delle modifiche al registro di sistema in quanto il gestore dei Criteri di gruppo non è disponibile. Prima di procedere vi rinnoviamo l’invito ad effettuare un backup, con cui poter tornare indietro in caso di problemi.

  1. Avviate l’Editor del Registro, premendo Win + R e lanciando “regedit”
  2. Navigate nel registro e raggiungete “HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate” (se “WindowsUpdate” non fosse presente create la relativa chiave con il tasto destro)
  3. Nella casella a destra del navigatore premete con il tasto destro e selezioante “Nuovo” e poi “DWORD (32-bit)”
  4. Date il nome “DisableOSUpgrade” alla nuova voce e come valore impostate 1

Disattivare l’app “Ottieni Windows 10” con l’Editor del Registro

Se volete disattivare l’app “Ottieni Windows 10” su Windows 7 o Windows 8.1 dovrete ricorrere necessariamente alla modifica del registro, anche in questo caso previo backup.

  1. Avviate l’Editor del Registro, premendo Win + R e lanciando “regedit”
  2. Navigate nel registro e raggiungete “HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\GWX” (se “GWX” non fosse presente create la relativa chiave con il tasto destro)
  3. Nella casella a destra del navigatore premete con il tasto destro e selezioante “Nuovo” e poi “DWORD (32-bit)”
  4. Date il nome “DisableGwx” alla nuova voce e come valore impostate 1

Una volta effettuati i cambiamenti vi basterà riavviare il computer per continuare a godervi la vostra vecchia versione di Windows preferita, ma ricordate che la campagna di aggiornamento gratuito finirà il 29 luglio 2016.

Per questo, in caso vogliate riattivare il tutto vi basterà seguire i passaggi riportati nella prossima sezione della guida.

Riattivare l’aggiornamento a Windows 10 e l’app “Ottieni Windows 10”

Per tornare indietro e quindi riattivare la notifica e la possibilità di aggiornare a Windows 10, ammesso che il vostro PC sia idoneo, dovrete prima procedere in due modi diversi, in base alla versione Windows 7 o Windows 8.1 installata sul vostro PC e poi seguire una procedura comune per attivare nuovamente “Ottieni Windows 10”.

Se state usando la versione Pro vi basterà seguire i passaggi del primo metodo, quello basato sul gestore dei Criteri di gruppo, e una volta giunti nella finestra relativa alla disattivazione dell’aggiornamento selezionare “Non configurata” invece di “Attivata”. Questo annullerà anche eventuali modifiche al registro (chiavi WindowsUpdate e DisableOSUpgrade).

Se invece usate Windows 7 o Windows 8.1 Home dovrete tornare a modificare il registro, pertanto il consiglio è quello di effettuare un backup del registro o ancora meglio di sistema.

  1. Avviate l’Editor del Registro, premendo Win + R e lanciando “regedit”
  2. Navigate nel registro e raggiungete “HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows”
  3. Cliccate con il tasto destro sulla voce “WindowsUpdate” e selezionate “Elimina”, confermando l’azione

Il passaggio comune a Windows Home e Pro è quello per la riattivazione dell’app “Ottieni Windows 10” che prevede la modifica del registro; ancora una volta il consiglio è quello di un backup di sicurezza.

  1. Avviate l’Editor del Registro, premendo Win + R e lanciando “regedit”
  2. Navigate nel registro e raggiungete “HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows”
  3. Cliccate con il tasto destro sulla voce “GWX” e selezionate “Elimina”, confermando l’azione

Riavviate il computer per tornare allo stato iniziale.

Fonte: Windows Central
  • fillobotto

    Ma chi e per quale motivo vorrebbe restare a windows 7?

    • Andrea HighBreed Lomba

      Non tutti i PC supportano l’aggiornamento…

      • fillobotto

        Hai ragione, ma sono veramente pochi. Ho un Dell Inspirion 6400 (anno 2007), che era nato con Vista, portato appena possibile al 7 e successivamente aggiornato al 10. A parte qualche scazzottata coi driver video, ora funziona egregiamente per la sua età.

    • Personalmente upgradando a 10 ho trovato sì velocità e prestazioni, ma anche parecchi bug, per ora non aggiorno, male che vada aggiornerò direttamente a redstone

    • Chi non ha una scheda audio, o altra periferica, suppartata per mancanza cronica di driver?
      Chi preferisce il menu di 7, con le item list “on mouse over” senza dover cliccare su uno stupido triangolo e senza dover installare software di terze parti?
      Chi con il PC ci lavora e ha bisogno di pieno supporto sia HW che SW?
      A parte questi?
      Beh, nessuno.

      • fillobotto

        Se con il PC si lavora e si ha bisogno di pieno supporto, ci si affida ad aziende che producono componenti e software seri. Le case produttrici in questione avevano già tutti i driver pronti per l’uscita ufficiale.
        Se invece fai il puntiglioso parlando di tendine, click, tap e quello che vuoi beh…sto perdendo tempo

        • Vallo a dire a quelli di ESI che sono degli incompetenti. O a Creative. Giusto le prime due che mi vengono in mente (la prima non ha aggiornato e ho rimesso 7, la seconda…downgrade a 7 anche in quel caso)

    • Terminal_Dogma

      Chi, come me, ha un portatile non nuovissimo ma ancora prestante e con funzionalità hardware/software con non sono state aggiornate a Win 10 (come il mio Sony Vaio F del ontano 2010 che su win 10 ha metà dei tasti multimediali non funzionanti ed il sensore di luminosità non funzionante, giusto per fare un esempio… e Sony stessa non lo segnala come compatibile con win 10)

  • Andrea HighBreed Lomba

    Gwx control panel, molto più semplice, gratuito, portable e con un click elimina anche le cartelle di installazione scaricate senza avvisi all’utente