Notebook e desktop soffrono l’esplosione del settore mobile (foto)

Cosimo Alfredo Pina

Il dato riportato da ComScore, azienda specializzata in analisi di mercato, non stupisce troppo ma conferma una realtà a cui partecipiamo più o meno consciamente tutti i giorni; la sua ultima ricerca, che prende in esame gli ultimi tre anni, ci ricorda che la nostra vita digitale è ormai svolta principalmente sui dispositivi mobile.

I dati sono relativi agli Stati Uniti, ma la tendenza è certamente riparabile a livello globale, ed indicano che la maggior parte del tempo passato dagli utenti nel mondo digitale è di fronte allo schermo di un dispositivo mobile, sia questo uno smartphone o un tablet.

Statistiche uso desktop mobile ComScore settembre 2016_3

Proprio i telefoni, con la loro enorme crescita in termini di funzioni, usabilità e parco app, detengono il 58% di quello che ComScore definisce il “tempo digitale”, mentre notebook e desktop sono fermi al 33%, l’11% in meno rispetto al 2015. Ovviamente il primo a soffrire questa espansione degli smartphone (+80% di crescita dal 2013, rispetto al 3% dei desktop) è Windows che ormai si posiziona al quarto posto nella lista dei prodotti più remunerativi di Microsoft, dietro anche al gaming (leggasi Xbox).

“Il settore mobile è cresciuto così tanto che adesso è la piattaforma digitale dominante. L’attività totale su smartphone e tablet ammonta a due terzi del tempo digitale e le app per smartphone detengono la metà di questa quota. […] La praticità di smartphone e tablet e l’innovazione che gira intorno al mondo delle app ha completamente rimodellato il panorama digitale in favore del mobile”

Secondo ComSore ci sono ancora fasce di età, quella over 65, che preferiscono mouse e tastiera, ma la cosa cambierà sicuramente nei prossimi anni. Vi ritrovate in queste statistiche o per necessità di lavoro o per vostra scelta preferite ancora l’uso del caro buon

Via: MSPowerUserFonte: ComScore