Facebook sta creando il tasto “non mi piace”

Emanuele Cisotti - Lo stavate aspettando ed è in arrivo. Il tasto "non mi piace" di Facebook, però, potrebbe essere più buono di quello che stavate sperando.

Tutti almeno una volta, per scherzo almeno, avranno espresso il loro dispiacere per l’assenza di un tasto “non mi piace” a fianco di quello “mi piace” su Facebook. I motivi possono essere molteplici e quello più classico è quello che non si apprezza quello che qualcuno ha detto ho condiviso sul social network.

Capire i motivi del perché un tasto simile non esista è abbastanza semplice: Facebook non vuole trasmettere odio verso altre persone e non vuole incitare discussioni bellicose nei post, visto che il messaggio negativo di un “non mi piace” per molti versi sarebbe molto più potente di un “mi piace”, specialmente ora che in molti sono ormai abituati a questo sistema di interazione. Un altro motivo poi è sicuramente la volontà di impedire che si possa mettere non mi piace a post sponsorizzati delle aziende.

Oggi però cambia tutto. Mark Zuckerberg ha dichiarato durante una sessione di Q&A:

People have asked about the ‘Dislike’ button for many years … and today is a special day, because today is the day that I actually get to say we are working on it and are very close to shipping a test of it,

Mark Zuckerberg

Il tasto “non mi piace” (dislike in inglese) esiste e presto sarà in prova, anche se non sappiamo per quali e quanti utenti. Su come verrà implementato non ci sono molti dettagli, ma Zuckerberg aggiunge

We don’t want to turn Facebook into a forum where people are voting up or down on people’s posts […] That doesn’t seem like the kind of community that we want to create: you don’t want to go through the process of sharing some moment that was important to you in your day and have someone downvote it.

Mark Zuckerberg

In pratica il “non mi piace” servirà a dimostrare empatia nei confronti di un post triste di un amico e non tanto a votare negativamente un post. “Non vogliamo creare un forum dove si vota in positivo o in un negativo un messaggio”: questo è il punto chiave. Come verrà implementato lo scopriremo nelle prossime settimane.

Fonte: The Verge