Telecom TIM

Telecom analizza i risultati: il successo passa dalle connessioni veloci

Cosimo Alfredo Pina

Per Telecom è tempo di conti e resoconti. L’ultimo consiglio di amministrazione ha infatti esaminato ed approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2015.

A sovrintendere il tutto Giuseppe Recchi, presidente del gruppo, che ha commentato:

“Il nostro piano per la banda ultra-larga in Italia prosegue spedito: in questi primi 9 mesi dell’anno abbiamo posato circa 1,2 milioni di km di fibra, ad una velocità di 180 km posati ogni ora.[…] Abbiamo già raggiunto oltre il 40% della popolazione con la fibra e l’86% con la tecnologia LTE, anche grazie al forte impulso che abbiamo dato agli investimenti innovativi dedicati allo sviluppo di reti e servizi di nuova generazione, che oggi rappresentano il 40% del totale a livello domestico.”

L’espansione delle infrastrutture Telecom continua anche se il fatturato al terzo trimestre del 2015, di 14,9 miliardi di euro, risulta più basso del 6,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

LEGGI ANCHE: Un (altro) imprenditore francese ha acquistato un’importante quota di Telecom Italia

Tuttavia Marco Patuano, Amministratore Delegato di Telecom Italia, spiega che “I risultati del terzo trimestre confermano il trend di miglioramento dei ricavi, soprattutto dal mobile che evidenzia un incremento dell’1,5% rispetto al terzo trimestre 2014 e una solida ripresa rispetto anche agli altri periodi”.

Concludento Patuano ha dichiarato come “L’obiettivo è quello di garantire un miglior servizio ai nostri “concorrenti-clienti””; il successo e la crescita di Telecom sembra quindi passare dalla fibra e dalle connessioni mobile veloci.

Da utenti finali non possiamo che auspicare che questo obiettivo si possa concretizzare al più presto, magari non solo con le connessioni ultra veloci, per ora appannaggio dei grandi centri abitati, ma anche laddove manchi anche una “banale” ADSL.

Via: Mondo3