toshiba licenziamenti marzo 2016

Le perdite miliardarie di Toshiba causeranno 6.800 licenziamenti

Cosimo Alfredo Pina

Dopo lo scandalo risalente a luglio, quando l’ex-CEO Hisao Tanaka si dimetteva per falso in bilancio, Toshiba non sta vivendo un periodo facile. Infatti nel 2015 il colosso giapponese ha perso la notevole cifra di 4,5 miliardi di dollari.

Questo nonostante l’importante vendita a Sony, della sua divisione dedita ai sensori fotografici. Proprio per queste perdite, Toshiba ha deciso di razionalizzare le sue risorse, con taglio da ben 6.800 posti di lavoro.

LEGGI ANCHE: Il CEO di Toshiba si dimette: falsi profitti da 1,22 miliardi di dollari

La pesante manovra sarà messa in atto entro il prossimo 31 marzo 2016 e riguarderà principalmente il settore PC. Nel futuro di Toshiba si punterà tutto sul settore enterprise, pur senza abbandonare, almeno in un primo momento, il mercato consumer.

I suoi notebook ed affini continueranno ad essere distribuiti negli Stati Uniti ed in Giappone, forse unendo i suoi sforzi in VAIO, l’azienda rinata dalle ceneri dei computer Sony.

Via: Windows Central