Ma quant’è figo guardare la TV sulla NVIDIA Shield! (foto e video)

Nicola Ligas -

Con l’ultimo aggiornamento della NVIDIA Shield TV, è stato aggiunto il supporto ai TV Tuner USB, via Plex Pass. Abbiamo quindi colto al volo l’occasione per provare Hauppauge Win TV-DualHD, un dongle USB pensato per vedere i canali televisivi su PC e laptop, ma che ora si sposa perfettamente anche con il box di NVIDIA. Chiariamo, come già accennato, che per avvalersi di questa funzione è necessario essere abbonati a Plex. Qui trovate tutte le formule disponibili: si va da 4,99€ per un mese, a 119,99€ per l’abbonamento a vita. Si tratta quindi di una formula pensata principalmente per chi sia già utente Plex Pass, anche perché di per sé la visione dei canali TV su un box che è già collegato ad un televisore non è una killer feature. D’altro canto potrebbe essere proprio questo il bonus che vi spingerà ad abbonarvi a Plex Pass, che è facilmente considerabile uno dei migliori media center che ci siano.

Fatte quindi le dovute premesse, come si comporta il TV Tuner di Hauppauge su Shield TV? Molto bene, una volta superata la configurazione iniziale. A proposito di questa, segnatevi assolutamente questo link. Si tratta di una pagina del supporto NVIDIA, che vi guiderà passo passo nel setup dell’account Plex Pass sulla Shield e nella sintonizzazione dei canali TV. Avrete infatti bisogno di un browser (potete anche usarne uno sulla Shield stessa, ma è scomodo: meglio PC o smartphone), dal quale dovrete visitare l’indirizzo https://www.plex.tv/link/, digitando il codice presente nell’app di Plex sulla Shield. Una volta che Plex Pass sarà abilitato nell’app sul box, dovrete sintonizzare i canali, e per questo vi servirà sempre un browser e l’indirizzo https://app.plex.tv/web/app. Ci vuole quasi più a dirlo che a farlo, e comunque la procedura è semplice.

Al termine, avrete tutti i vostri canali televisivi pronti all’uso su Plex. Chiariamo che il segnale viene preso direttamente dall’antenna, collegata al dongle USB, e non via internet. C’è un minimo buffering all’inizio della trasmissione di ogni canale, ma a parte questo non ci sono differenze qualitative rispetto a quanto vedreste senza passare per la Shield. Ce ne sono però di pratiche, derivanti dall’utilizzo di Plex. Anzitutto avrete una guida TV sempre aggiornata, che vi mostrerà delle schede per ogni film, programma TV, notiziario ed altro. Ciascuna scheda è corredata da immagini, descrizione, orario di inizio e durata del programma, sia per quelli attualmente in onda, che per i prossimi venturi. In questo modo avrete un colpo d’occhio su tutto ciò che potrebbe interessarvi che troverete in TV, colpo d’occhio che tra l’altro è realizzato con una buona grafica, il che non guasta mai (vedi video).

Avrete comunque la possibilità di consultare i vari canali in modo “classico”, ovvero nell’ordine RAI 1, 2, 3, Rete 4, Canale 5, Italia 1, ecc., con la programmazione attualmente in onda, ma sempre strutturati con schede dedicate, come descritto sopra. In ciascuna di queste schede, oltre al pulsante per iniziare la trasmissione, troverete quello per registrarla. È una funzione utilissima per gli show non ancora in onda, la cui registrazione partirà e si fermerà automaticamente, e potrete gestire i vari programmi in registrazione, tramite opportuna coda. A questo proposito occorre però una precisazione. NVIDIA consiglia almeno 32 GB di memoria interna libera per registrare i programmi. Questo significa o avere la Shield da 500 GB, o aver montato una memoria aggiuntiva sulla Shield da 16 GB (microSD almeno Classe 10 o pendrive USB 3.0). Plex DVR richiede infatti fino ad 8 GB di cache per ogni ora di registrazione, quindi capirete il perché dell’esigenza di tanto spazio. In caso contrario, la registrazione fallirà inesorabilmente.

Nella confezione dell’Hauppauge Win TV-DualHD troverete anche un piccolo telecomando, utile per muovervi nell’interfaccia di Plex, ma pensato soprattutto per chi non stesse usando la Shield, dato che se siete alla TV avrete senz’altro a portata di mano un telecomando. Presente anche una “prolunga” USB, utile se non poteste collegare direttamente il dongle al vostro dispositivo per carenza di spazio, ed infine c’è anche una piccola antenna, in modo da sintonizzare i canali anche in mobilità. Dalle prove che abbiamo fatto, quest’ultima è appunto la classica ultima spiaggia nel caso non abbiate una normale antenna a portata di mano, ma è comunque bene che sia stata inclusa nella confezione.

L’utilizzo di questo dongle su PC è poi ancora più semplice, e non richiede né Plex né alcun abbonamento. Vi basterà scaricare il software gratuito per Windows che trovate sul sito ufficiale, collegare il dongle alla porta USB e ad un’antenna TV, e sarete in onda. O meglio, riceverete i programmi in onda.

Dobbiamo ammettere che avere la TV su Plex ci è piaciuto più di quanto avremmo pensato, soprattutto per l’ottima panoramica dei contenuti, che permette di scoprire facilmente qualcosa di interessante da vedere sui tanti canali presenti sul digitale terrestre. Alcuni di questi non li avremmo nemmeno visitati senza un colpo d’occhio tanto efficace. La funzione DVR “automatico” è poi un bonus non indifferente, soprattutto se seguite regolarmente tanti show in TV regolarmente. A seguire trovate la nostra video prova, così che possiate osservare il tutto in azione e capire se può fare al caso vostro.

NVIDIA Shield

NVIDIA Shield

confronta modello

Ultime dal forum:

  • Merlino

    Nicolas, una domanda, Ma funziona anche all’estero?!!

  • Pol Pastrello

    NVIDIA Shield ha aggiunto il supporto ai TV Tuner USB (quali chipset?) a tutti i TV tuner USB oppure solamente a quello di Hauppauge?
    Per vedere la TV via DVB-T che è free bisogna pagare 4,99€ a Plex Pass? Che senso ha pagare il pizzo mensile?
    Visto che Nvidia Shield in quasi la totalità dei casi viene collegato ad una TV, che senso/utilità ha avere questo supporto aggiuntivo?
    La prolunga serve per mettere il dongle USB in una posizione che sia raggiungibile dal telecomando ad infrarossi; altrimenti se l’attacchi dietro allo Shield col piffero che funziona il telecomando!
    PS. Io il dongle USB DVB-T lo utilizzo anche da PC Linux, quindi non è vero che va solo su m$ wincozz

    • Il “pizzo mensile” non è per vedere la TV, è per Plex Pass, che ti offre ben altri servizi ed è sempre esistito indipendentemente da questa funzione.
      Il senso di avere la TV su Shield l’ho detto nel video e scritto: hai il supporto alla registrazione digitale, ed una guida TV molto più evoluta di quella sul televisore.
      La prolunga serve anche per un PC che se ha le porte vicine e ci metti il dongle rischi di non poter collegare altre cose.
      Infine, questo TV Tuner supporta ufficialmente solo Windows. Non l’ho provato su Linux, ma non escludo possa comunque funzionare. Tu hai proprio questo qui?

      • Pablo Galattico

        Ciao. …interesserebbe anche a me un dongle usb per il digitale terrestre da abbinare al mio portatile Windows 10…..questo dell’articolo costa troppo….mi sapresti consigliare un dongle interessante rapporto qualità/prezzo e che riesca a ricevere anche i canali in full hd? Se poi abbia anche la funzione di registrazione non sarebbe male ma non è prioritaria!Ne conosci?

      • Pol Pastrello

        Ho tre USB Dongle; quello di sky (Avermedia), uno cinese con AF9135 e uno con RTL2832U. Vanno su Linux, anche se per far andare l’AF9135 ho dovuto fare il mix tra due driver, uno per il video e uno per l’audio.
        Con Linux si può sfruttare il TV Dongle in Kodi; ma bisogna installare e configurare un paio di programmi ed add-on. Si ottiene più o meno lo stesso risultato di Plex Pass.
        Comunque per la registrazione digitale la puoi fare anche da windows con il sw fornito oppure da ProgDVB o altri sw che puoi trovare più o meno liberi …
        Sono troppi 4,99€ mensili; se fosse un costo una-tantum ragionevole, ma qui è un vero pizzo!

    • Pablo Galattico

      Ciao. …interesserebbe anche a me un dongle usb per il digitale terrestre da abbinare al mio portatile Windows 10…..questo dell’articolo costa troppo….mi sapresti consigliare un dongle interessante rapporto qualità/prezzo e che riesca a ricevere anche i canali in full hd? Se poi abbia anche la funzione di registrazione non sarebbe male ma non è prioritaria!

      • Pol Pastrello

        Se hai l’USB Dongle di Sky (Digital Key della Avermedia) va bene anche questa. Altrimenti ci consiglio di acquistare un USB Dongle basato su “RTL2832U R820T”. Occhio ai modelli con connettore MCX Antenna, altrimenti dovrai comprare anche un adattatore MCX a RF antenna. Sui siti cinesi si trovano a 8€, su Amazon a circa 12€. Con questo chipset possono essere utilizzati anche come scanner radio (radioamatori). Tutti possono registrare, è il software a corredo che lo fa, invece di visualizzare lo stream di dati ricevuto lo memorizza semplicemente sull’HD, quindi la qualità di registrazione è la medesima di quella di trasmissione, lo stream non viene convertito.

        • Da quello che leggo su aliexpress sono solo T e non T2, pertanto mancano i canali HD
          Tipo il primo della lista: https://it.aliexpress.com/wholesale?catId=0&initiative_id=SB_20170706102754&SearchText=RTL2832U+R820T

          • Pol Pastrello

            Sbagliato, con i miei dongle ricevo anche i canali in HD con il DVB-T. Del T2 forse se ne parlerà dopo il 2020 o il 2022 (la proroga), ma se avranno già cablato in fibra tanto vale andare con la rete internet invece che con questi accrocchi!

          • HD a 1080p reali? Non è che è la TV a metterli a 1080? Prendi i canali dal 501 in poi? Perché a quel punto li compro subito 🙂

          • Pol Pastrello

            Si, ad esempio ora sto guardando il 507 che arriva 1920×1088 25 16:9 in H.264 a 6723kbit circa, invece del 7 che arriva 720×576 in MPEG2 a 5300kbit!
            L’unico “problema” è che devi avere un PC abbastanza potente altrimenti tende ad andare a scatti ..

          • Ma si possono usare al posto di un decoder BVB-T/T2? Oppure devono essere connessi per forza a un PC o similari?

          • Pol Pastrello

            Lo stream ricevuto tramite il connettore dal cavo coassiale dell’antenna viene passato all’USB. Il tuner stesso lo comandi dalla porta USB, quindi come lo colleghi ad un monitor? La presa USB che hanno alcuni televisori è solo un connettore host che server come player di foto, musica e video oppure per la registrazione su supporto, quindi supporta solo filesystem.
            Il televisore dovrebbe avere il supporto per questo specifico tipo di USB dongle con uno specifico chipset. Già molte TV faticano con le chiavette wifi che non sono con uno specifico chipset, figuriamoci con questi dongle non previsti!

          • Ok, capito, missione impossibile 🙂

          • Pol Pastrello

            Non è del tutto impossibile; se la TV è smart ed ha un SO con i driver dello stesso chipset del DVB-T USB tuner potrebbe pure funzionare. Ma a mio avviso saranno casi più unici che rari. Tizen e WebOs poi non penso proprio. Ci sono molti DVB-S (decoder satellitari), l’esempio tipico è quello di Sky con USB tuner Avermedia, che lo supportano frequentemente.

  • Ma il dongle Hauppage è anche DVB-T2? Se si, è interessante, altrimenti… com’era… ah, si: “scaffale” 😀

    • DVB-T, DVB-T2 e DVB-C

    • Pol Pastrello

      Lo sai vero che il DVB-T2 non conta una fava senza l’H.265? E probabilmente verrà tutto saltato in blocco visto che nel 2020 toglieranno anche i canali 50-59 (700MHz venduti alla telefonia mobile) e che nel frattempo dovremmo avere una infrastruttura per passare alla TV 4K via cavo (fibra ottica). Pensare di tenere ancora in vita un dinosauro come la TV terrestre è una pazzia; la stessa TV via SAT entrerà molto in crisi …
      Quindi farsi seghe mentali con il T2 è proprio inutile … meglio spendere meno di 10€ e prendere un dongle cinese …

      • Ma senza T2 (e h265) i canali HD come i prendono?
        Se è vero quanto dici, e non ho motivo di pensare che tu mi stia mentendo, mi hai dato un ottimo motivo per liberarmi dellle mie due televisioni (un vecchio plasma 720p in sala e un 22″ 1080p in cucina che è l’unico che uso), smettere di pagare il canone e sostituirli con dei monitor attaccati a uno scatolo cinese che veicola video in streaming dal PC 🙂

        • Pol Pastrello

          Senza H.265 integrato nel ricevitore non è detto che il tuo PC ce la faccia, a meno che hai un i7 ultrapompato o un TV Box con GPU che supporta questo formato.
          E’ già da 2 anni che si paga solo per aver l’elettricità, non per avere dispositivi che sono in grado di ricevere il segnale televisivo. Fatti un generatore elettrico e staccati dall’Enel!

          • No, ho un normale i5, però di tv box che supporta h265 (almeno a parole) è pieno gearbest, bangood, aliexpress e altri siti cinesi (ed amazon, ebay, ecc) (veramente il canone ora è una voce della bolletta elettrica).
            Ma i canali HD, T2 e sat a parte, ci sono altri modi per vederli o no? Quelli veramente HD, intendo 🙂

          • Pol Pastrello

            Per l’HD utilizza TivùSat con la parabola e la smartcard TivùSat color oro che viene fornita assieme al decoder TivùSat, altrimenti ti costa una cifra.
            Altrimenti prova con le IPTV, ma in questo caso non tutti i canali sono garantiti in HD.
            Il canone, per scovare i “furbetti” che non lo pagavano, è stato inserito nella bolletta elettrica da un paio d’anni; infatti il gettito è aumentato considerevolmente ed hanno pure abbassato lievemente il costo.
            Comunque per passare al 4K o al futuro 8K bisognerà utilizzare la fibra ottica, la TV via cavo, le trasmissioni radio diventerebbero poco efficienti visto che servirebbero almeno 20 mega a singola TV, se su un mux vuoi far stare almeno 4 emittenti ti servirebbero almeno 100 mega … se tu volessi passare a 8K avresti una sola emittente per mux.
            Per ora è inutile; infatti il consorzio televisivo non sta spingendo per il cambio con il T2 proprio perché sarebbe un costoso passaggio che avrebbe una vita utile di pochissimi anni, tanto vale passare a qualcosa di più serio!

          • Grazie, ma vorrei spendere il meno possibile dato che avrei intenzione di sostituire le tv con dei monitor 🙂
            Ergo no satellite, IPTV Netflix a parte sono morte (ma non desidero abbonarmi)… che rimane?

          • Pol Pastrello

            Monitor da 50″? La scelta tra i monitor si riduce molto quando vai oltre i 32″.
            Il SAT non è incompatibile con i monitor, i decoder hanno l’uscita HDMI. Esistono IPTV con stream erogati direttamente dalle TV convenzionali sulle loro pagine internet che sono stati raggruppati su Kodi; ma su questi non ci puoi fare affidamento al 100%, potrebbero non andare. Altrimenti ci sono le piattaforme a pagamento (Netflix, Infinity, Now TV, etc), ma se non vuoi abbonarti non esistono botti piene e mogli ubriache!

          • E chi ha lo spazio per un 50″? Ho visto un Samsung 37″( ho spazio fino a 42″, ma non ne trovo) veramente interessante (“solo” 2K, prezzo umano). Ma non mi sono sbattuto più di tanto a cercare finora 🙂
            Stavo pensando a uno Zidoo più che allo Shield 🙂

          • Pol Pastrello

            Non ho presente se Zidoo supporta gli USB Dongle; i PC li supportano, i TV Box quasi nessuno …

          • E allora mi prendo un minipc random… si, ma a quel punto addio canali 500+, e non mi serve a nulla.

          • Pol Pastrello

            Acquistando un normale televisore risolveresti il problema dei canali 500+: un USB dongle ti servirebbe solamente per i pc windows. Oppure ti prendi un TV Box con su Windows con Apollo Lake.
            Arrivi troppo presto; con Android O i TV Box probabilmente inizieranno ad adottare anche un tunver DVB-T …

          • Quello della cucina è nuovo (il problema è che mi incasina i canali DVB-T dato che La7, per esempio, me la ritrovo sul 154 e non sul 7, e se cambio va in tilt… mai più Akai), quello della sala è un glorioso plasma che manco morto do via (a meno di passare a una configurazione full monitor e streaming). Magari aspetto i primi tv-box Android con tuner integrato 🙂
            Oppure vado di TV Box Windows 🙂

          • Pol Pastrello

            Akai è un marchio caduto in disgrazia; è tra i più economici non a caso. I problemi con LCN sono comunque all’ordine del giorno.
            Per bypassare il tuo problema potresti sintonizzare manualmente tutti i MUX saltando quello con La7 “farlocca” che ti mette al 7 per sintonizzarlo alla fine in questo modo andrà sul 154 lui in caso di conflitto.
            I TV plasma sono HD, non FHD, e consumano come una stufetta elettrica.

          • Il problema, su quel tv,, è che a parte RAI 1 e RAI 2, tutti gli altri sono sbagliati. E’ possibile che abbia il firmware adatto a un’altra nazione, ma o provo tutte le lingue (e sono parecchie) o me lo tengo così 🙂
            Vero quanto dici sui plasma, ma hanno un nero che levati.
            Però, vedi, io sono un tv user strano: a parte qualche tg la tengo spenta 🙂
            A parte quando non metto un BR o un DVD nell’Oppo.

          • Pol Pastrello

            Non è che hai una voce nelle impostazioni dell’Akai per attivare il LCN che è disabilitata? Nei decoder il numero dei canali dipende se attivi o meno il LCN. Potrebbe avere altri nomi, prova a controllare, non conta tanto il paese, questo definisce solo da che frequenza partire a quale arrivare.

          • Opzione trovata, era nascosta bene *_*
            Grazie 🙂

          • Pol Pastrello

            Ottimo, mi fa piacere! In questo modo puoi utilizzare il tuo TV “umanamente”. A tal proposito tiene in considerazione che spesso i sw forniti con i tuner USB peccano in questo senso; sono gratuiti e manca proprio la possibilità di ordinare i canali a piacimento o tramite LCN e casomai lo stesso sw a pagamento lo fa! Un modo per indurti ad acquistare la versione completa del sw fornito a corredo in versione lite?

          • Probabilmente 🙂

          • Giocas

            “I plasma sono HD, non FHD” è una delle + grandi minchiate mai lette 🙂
            Pol Pastello, da te che conosco bene anche su altri blog non me l’aspettavo! 🙂

          • Pol Pastrello

            Ottimo. Saprai che la tecnologia dei TV plasma è vecchia ed è stata progressivamente abbandonata in favore di quelle LED. Quindi non avrai nessun problema a fornirci un elenco di almeno 50 modelli di TV Plasma FHD e qualcuno in 4k appena usciti … fatti non pugnette! 😉

          • Giocas

            lo so benissimo che sono usciti di produzione, ciò non toglie che per almeno 6-7 ANNI siano stati venduti quasi esclusivamente Plasma Full-HD come il mio Panasonic o i gloriosi Pioneer KURO, tutt’ora considerati fra i migliori TV mai prodotti.

          • Pol Pastrello

            Appunto, stai proprio parlando di una marca, Panasonic, che ha puntato sul plasma anche quando era già morto e sepolto continuando a proporlo “aggiornato” al FHD. Sulle grandi dimensioni costavano pure meno all’acquisto, ma poi il risparmio te lo giochi tutto utilizzandolo; avrai Enel che è felicissima dei tuoi neri inarrivabili … 😉
            Anche una Ferrari ha prestazioni ineguagliabili ma pochi l’acquistano e la utilizzano quotidianamente.

          • Giocas

            fidati, non sai di cosa parli.
            Tutte le marche (e basta una banale ricerca su Google) hanno venduto Plasma per svariati anni. LG, Samsung, Philips.
            Tutte.
            Per i consumi non ne ho mai parlato, perchè non è oggetto di questa discussione. Ovviamente consumano di più, è palese.

          • Pol Pastrello

            Lo sanno anche le mosche che per alcuni anni, non svariati, sono stati proposti dei TV con dimensioni notevoli a prezzi contenuti, visto che un pannello plasma costava notevolmente meno. Se uno si prendeva il mega televisore ad un prezzo contenuto il motivo c’era. Consuma e scalda di più …
            Samsung ed LG lo tenevano a catalogo solo per i costi contenuti visto che parallelamente offrivano LCD e LED, Panasonic si è arresa con molto ritardo ed in parte ne ha pagato le conseguenze (percentuale di mercato ridicola se paragonata con i Coreani).
            Comunque se sono così validi e preformanti perché non li realizzano anche in 4K? Perché mantenere in vita per anni una tecnologia col destino segnato? Il FHD per il plasma è stato solo un inutile prolungamento dell’agonia ai quali erano già destinati ai tempi dell’HD.

          • Giocas

            E’ esattamente il contrario, mi spiace. I Plasma erano la fascia alta, gli LCD quella bassa. Poi vennero i LED e le cose giustamente cambiarono. Il resto delle domande non ha senso nè attinenza. Ciao

          • Pol Pastrello

            Allora, il FHD sul plasma il primo prototipo fu realizzato nel 2006 ma al mercato i primi prodotti arrivano tra il 2007-8. Attorno al 2010 il LED iniziò a fare piazza pulita e nel 2014 il plasma era definitivamente morto ed abbandonato. Quindi di cosa stiamo parlando? Di 2 o 3 anni di limitatissimo mercato per le sue caratteristiche negative (consumi e calore) e poi una agonia che l’ha portato alla morte?
            I plasma erano fascia alta nel senso che pur costando meno potevano permetterseli quelli disposti a pagare una bolletta elettrica salata; quindi la fascia bassa (LCD) con immagini più scadenti costava molto di più mentre la fascia alta con immagini di qualità molto elevata costava molto meno. Pieoneer che hai citato perché dopo aver fatto il primo FHD ha abbandonato questa tecnologia? Non lo trovi assurdo? Se lo stesso che lo migliora non crede lui stesso in quello che ha fatto, ci sarà un motivo, non trovi?

          • Giocas

            E’ tutto esattamente l’opposto di quello che hai scritto.

            I Plasma costavano molto di più, prezzo giustificato da una qualità d’immagine nettamente superiore agli LCD.
            Ti copio e incollo alcuni passaggi, presi a caso da una recensione di un Plasma Samsung (marca scelta appositamente, per non tirare in mezzo Panasonic e Pioneer).

            Per la fonte ti basterà fare copia e incolla.

            “Quando si parla di plasma sono tutti molto attenti. Il plasma è sempre
            stato il paladino della qualità suprema e c’è sempre molta attesa per i
            nuovi modelli.”

            ” Il plasma ha un pannello molto più veloce tecnologicamente parlando dell’LCD e il crosstalk è meno visibile”

            “Passando invece a Mostri contro Alieni la qualità del 3D sul plasma continua a sembrarci superiore rispetto a quella dei LED, meno scie, meno crosstalk e un’immagine anche più rilassante, meno enfatizzata.”

            “Un’ultima parola su consumi e altre performance. Il TV consuma meno di 1 Watt in stand by e 241 watt come consumo medio, con un costo di gestione annua ci circa 50 euro.”

            Per rispondere alla tua domanda “ma di cosa stiamo parlando”…beh stiamo parlando che per almeno 5 anni (un’eternità) chi voleva la massima qualità video e poteva permetterselo (costavano molto di più) aveva una scelta obbligata: Plasma.

  • Giocas

    peccato per il video che ha una risoluzione nemmeno a 720P, inaccettabile su un blog che parla di tecnologia nel 2017.

    • Quoto, ma penso che lo carichino anche su YT

      • Giocas

        così è inaccettabile