upthere cloud no sincronizzazione

Upthere: il cloud che funziona senza sincronizzazione

Cosimo Alfredo Pina

I servizi di archiviazione cloud si stanno sempre più affermando come il futuro della gestione dei file personali. La praticità di poter accedere ai propri contenuti da più dispositivi e la sicurezza di avere una copia sulla nuvola sono senz’altro i due vantaggi chiave di questo successo.

Tuttavia non mancano gli inconvenienti come la file duplicati oppure le sincronizzazioni saltate. A risolvere tutte le problematiche dell’attuale tecnologia cloud ci prova Upthere, un servizio sviluppato da Bertrand Serlet, ingegnere software proveniente da una lunga esperienza dentro Apple.

Upthere vuole infatti “rivoluzionare” il concetto di cloud, eliminando la sincronizzazione e sfruttando lo spazio di archiviazione remoto come un vero e proprio disco di rete. Per questo il tutto gira intorno ad una serie di app che permettono la gestione e la creazione di certi tipi di contenuti.

Al momento sono disponibili le prime due: Upthere Camera, che permette di scattare foto e creare album condivisi, e Upthere Home, dedicato alla gestione di un po’ tutti i tipi di file.

LEGGI ANCHE: Spazio cloud illimitato per le foto per gli utenti Amazon Prime

Disponibili come beta chiusa per iOS, Android, e Mac i due prodotti permettono accedere direttamente ai contenuti senza bisogno di doverli scaricare o sincronizzare sui vari dispositivi. Ovviamente anche Upthere non è esente da problemi; il più evidente è senz’altro quello che in assenza di connessione non sarà possibile accedere ai propri file.

Forse Upthere anticipa anche troppo i tempi, sopratutto se si pensa ad un suo utilizzo in zone dove la rete scarseggia in quantità e qualità; tuttavia i più curiosi possono già richiedere di partecipare alla beta chiusa, iscrivendosi sul sito ufficiale del servizio.

Via: The Verge