privacy final

I siti monitoreranno il vostro stato d’animo, ma solo per un web migliore

Cosimo Alfredo Pina -

Non è certamente un segreto che durante la normale navigazione tutti noi lasciamo una traccia dei nostri clic. A raccogliere ed organizzare questi dati sugli internauti ci pensano i servizi di web analytics, appunto analisi del web.

Questi sistemi aiutano i gestori di siti e i servizi di pubblicità mirata, compresi quelli di Google, a capire come gli utenti si muovano sulla rete. Come accennato ad oggi i dati facilmente ottenibile con gli strumenti di web analytics sono quelli relativi alle pagine visitate e al tempo di permanenza, ma una ricerca portata avanti presso la Brigham Young University potrebbe portare tutto su un livello decisamente più umano.

LEGGI ANCHE: Sicurezza e privacy durante la navigazione, grazie a queste estensioni

I ricercatori hanno infatti realizzato un algoritmo capace di intuire, in base ai movimenti del mouse, lo stato d’animo del navigatore; suona inquietante non trovate? Eppure lo scopo di questo sistema non è quello di tenere sotto controllo il popolo del web.

Il tutto è incentrato invece a migliorare l’esperienza di navigazione: interfacce poco chiare ed esperienze utente frustranti potrebbero diventare un ricordo del passato, o almeno questo è quello che auspica Jeffrey Jenkins, direttore dello studio.

Per il momento però questo “psicologo del web” deve ancora trovare un’applicazione e prima che aiuti i web designer a migliorare le proprie creazioni ci vorrà ancora un po’.

Via: The Next Web