Su Windows 10 ARM girerà qualsiasi software, parola di Microsoft

Giuseppe Tripodi Ed è subito rumor su Surface Phone

Tra le tante novità annunciate ieri al Build 2017, Microsoft ha confermato ufficialmente che le installazioni di Windows 10 su ARM saranno in grado di eseguire le app x86 scaricate da internet, anche al di fuori del Windows Store.

Questa notizia potrebbe passare in secondo piano a chi non comprende le implicazioni, quindi cerchiamo di spiegare perché si tratta di un annuncio importante. Per chi non lo sapesse, l’architettura ARM è quella alla base di numerosi chip per smartphone, quali il nuovissimo Qualcomm Snapdragon 835: Microsoft aveva già annunciato portatili basati su questo SoC entro la fine dell’anno ma, finora, non potevamo dare per certo che non si parlasse di qualche versione “ridotta” di Windows 10.

LEGGI ANCHE: Ubuntu e altre distro Linux saranno “app” per Windows 10

Al contrario, ieri Microsoft ha dissolto ogni dubbio, confermando che Windows 10 su ARM potrà eseguire qualsiasi tipo di software x86 scaricabile da internet (i cari, vecchi file .exe), senza limitazioni di sorta. Questo sarà possibile grazie all’ARM emulation layer, una componente di Windows 10 che si occuperà di far girare correttamente le app, senza alcuna modifica richiesta da parte di chi sviluppa il software.

Inutile precisare che tra le righe si legge ancora una volta la lontana possibilità del tanto atteso Surface Phone, smartphone in grado di sostituire il PC grazie a Continuum ed eseguire qualsiasi tipo di app ma, considerando le delusioni del passato, forse è meglio andarci con i piedi di piombo.

Via: MSPU