Su Windows 10 ARM girerà qualsiasi software, parola di Microsoft

Giuseppe Tripodi Ed è subito rumor su Surface Phone

Tra le tante novità annunciate ieri al Build 2017, Microsoft ha confermato ufficialmente che le installazioni di Windows 10 su ARM saranno in grado di eseguire le app x86 scaricate da internet, anche al di fuori del Windows Store.

Questa notizia potrebbe passare in secondo piano a chi non comprende le implicazioni, quindi cerchiamo di spiegare perché si tratta di un annuncio importante. Per chi non lo sapesse, l’architettura ARM è quella alla base di numerosi chip per smartphone, quali il nuovissimo Qualcomm Snapdragon 835: Microsoft aveva già annunciato portatili basati su questo SoC entro la fine dell’anno ma, finora, non potevamo dare per certo che non si parlasse di qualche versione “ridotta” di Windows 10.

LEGGI ANCHE: Ubuntu e altre distro Linux saranno “app” per Windows 10

Al contrario, ieri Microsoft ha dissolto ogni dubbio, confermando che Windows 10 su ARM potrà eseguire qualsiasi tipo di software x86 scaricabile da internet (i cari, vecchi file .exe), senza limitazioni di sorta. Questo sarà possibile grazie all’ARM emulation layer, una componente di Windows 10 che si occuperà di far girare correttamente le app, senza alcuna modifica richiesta da parte di chi sviluppa il software.

Inutile precisare che tra le righe si legge ancora una volta la lontana possibilità del tanto atteso Surface Phone, smartphone in grado di sostituire il PC grazie a Continuum ed eseguire qualsiasi tipo di app ma, considerando le delusioni del passato, forse è meglio andarci con i piedi di piombo.

Via: MSPU
  • Però se uscisse una versione ARM di LibreOffice non sarebbe male.

    • Davide

      una volta colti i vantagi, tutti vorranno portare i propri applicativi sullo store. Se per settembre ci sarà un buon numero di applicativi i prodotti che usciranno si venderanno bene.

      • Soprattutto se, poi, li facessero multiOS 🙂
        (perché usare le suite di Google e/o Microsoft sotto Android mica mi aggrada più di tanto)
        E, comunque, potrebbe essere una via per rilanciare l’asfittico mercato W10Mobile

        • Davide

          Potrebbe esserci un bel rilancio dei Tablet Windows che troverebbero finalmente un autonomia degna

          • E questo sarebbe molt interessante, dato che è da un po’ che vorrei prendermene uno, magari un cinese sui 150/200€, per sostituire il mio vetusto LG GPad 8.3, che sta mostrando gli anni 🙂

          • Davide

            Io ho un chuwi v8 plus con Windows 10 va abbastanza bene ma l’autonomia è pessima, considera che se lo metto la sera con 100% di carica sul comodino senza usarlo, la mattina neanche si accende Ed ha tipo 3 mesi. I Tablet Windows vengono usati in maniera molto meno smart rispetto la controparte android, se ci fossero le stesse app mobile e qualche applicativi win32 sarebbe sicuramente tutto molto diverso.

          • E’ un peccato perché è un mercato che (Surface a parte, sono di altra categoria in tutto, a cominciare dal prezzo) potrebbe avere un grosso potenziale, soprattutto in ambito lavorativo dato che i tablet android, per quanto belli possano essere, difettano proprio all’interno di quell’ambito.
            Magari i prossimi convertibili con il nuovo Win 10S potrebbero essere interessanti, se non costeranno uno sproposito 🙂

  • ILCONDOTTIERO

    L’ultimo treno passerà nel 2018 dopodiché non farà più fermate , si sbrigassero invece di fare continui rimandi .
    Basta proclami , su deve vedere all’opera tutti i frutti .
    La gente vuole adesso quello che vuole cominciare ad usare per il domani .