Windows-10-logo

Microsoft fa luce sulle licenze Windows 10 per i beta tester

Giuseppe Tripodi -

Qualche giorno fa abbiamo parlato della possibilità per gli Insider di continuare a utilizzare Windows 10 anche senza aver acquistato una licenza e senza aver eseguito un aggiornamento da Windows 7 o Windows 8.1.

La situazione si era poi complicata, a seguito di una modifica nelle condizioni di Microsoft, che avevano fatto un po’ di confusione sulla questione (di seguito evidenziate in un tweet di Tom Warren di The Verge):

Adesso, Microsoft ha finalmente fatto chiarezza su chi potrà continuare a utilizzare Windows 10 gratuitamente dopo il 29 luglio.

LEGGI ANCHE: Windows 10 sarà disponibile il 29 luglio: ecco cosa c’è di nuovo

Spiegandola in poche parole, ci sono due possibili scenari: che decidiate di rimanere dei beta tester o che preferiate uscire dal programma Insider.

Nel primo caso la copia di Windows 10 che utilizzate sarà effettivamente legale e genuina nonostante non abbiate pagato nulla per avere una licenza; d’altra parte, continuerete a ricevere aggiornamenti frequentemente e vi troverete ad utilizzare anche versioni di pre-release che potrebbero soffrire di qualche bug di gioventù.

In alternativa, ossia qualora decidiate di terminare il periodo di testing, per poter utilizzare Windows 10 dovrete acquistare l’apposita licenza, oppure eseguire gratuitamente l’aggiornamento da Windows 7 o Windows 8.1.

In definitiva, la situazione è molto semplice: potete scegliere di continuare ad “aiutare” Microsoft facendo da beta tester e utilizzando il suo software gratuitamente, oppure utilizzare Windows 10 da normali utenti procurandovi una licenza valida. Un equo compromesso, non trovate?

Via: TheVerge
  • Ora non vedo di che lamentarsi per nessuno. Brava MS

  • Molto meglio il sistema usato prima: chi collaborava alla beta (aka: non basta installare il prodotto ma inviare dei report periodici sul suo funzionamento, bug, suggerimenti, eccetera) veniva omaggiato con una copia gratuita dello stesso.