AdBlock Plus ha già aggirato la nuova pubblicità di Facebook, ovviamente

Cosimo Alfredo Pina -

Giusto pochi giorni fa, Facebook ha introdotto nuovi strumenti per dare all’utente un modo più facile per controllare e plasmare in base ai propri interessi la pubblicità su sul social blu. In concomitanza faceva anche un altro importante annuncio, ovvero che d’ora in avanti cercherà di aggirare i sistemi come AdBlock, che tolgono banner ed inserzioni pubblicitari dall’esperienza di navigazione.

In effetti nel post ufficiale di inizio settimana i riferimenti ad AdBlock Plus erano tutt’altro che nascosti e ovviamente la contromossa non ha tardato ad arrivare. Con l’ultima versione dell’estensione, promettono i creatori, tornerete (ovviamente sulla versione web da desktop) a non vedere più le pubblicità sulla bacheca o sulla colonna di destra.

LEGGI ANCHE: Facebook lancia la sfida ad AdBlock

In quella che si preannuncia una lunga guerra a turni Facebook ha già risposto a questa contromisura, spiegando che “i sistemi per il blocco della pubblicità sono uno strumento rozzo”; stando a Facebook, infatti, nel tentativo di aggirare il sistema l’ultima versione di AdBlock rimuoverebbe anche i normali post di amici e pagine. Per questo sarebbe già al lavoro per (ri)sistemare le cose, cosa che ovviamente non va giù al team di AdBlock Plus:

“Questo tipo di battaglia tra la comunità open source dell’ad-blocking e gli aggiratori va avanti da quando i sistemi per il blocco della pubblicità sono stati inventati; quindi è molto probabile che Facebook adatterà il codice per rendere i filtri inutili. Ogni volta che questo accadrà la comunità troverà un altro stratagemma, che Facebook potrebbe aggirare di nuovo, e così via…”

Una risposta che non stupisce troppo e che ci anticipa chiaramente come potrebbe davvero svilupparsi la questione. Per Facebook quindi si prospetta un’aspra battaglia, ma considerando che il suo business multimiliardario è basato proprio sulla pubblicità e la chiara presa di posizione, resta difficile riuscire ad immaginare un dietrofront.

Via: The VergeFonte: AdBlock Plus