fibra ottica final_3

Sbloccati 3 miliardi per la banda ultralarga pubblica, in attesa dell’ok dall’Europa

Cosimo Alfredo Pina

Era inizio gennaio quando il sottosegretario del ministero dello Sviluppo economico e delle comunicazioni Antonello Giacomelli annunciava l’iniziativa pubblica con cui lo Stato si impegna a portare la fibra, nota anche come connessione a banda ultralarga, in 7.300 comuni tagliati fuori dagli operatori perché “a fallimento di mercato”.

Alcuni giorni fa si è tenuta la conferenza Stato-Regioni che porta avanti il progetto. Sono infatti stati sbloccati i fondi necessari a far partire il progetto per la fibra a gestione pubblica.

Il fondo dedicato allo sviluppo digitale sarà da 3 miliardi di euro, uno in meno rispetto a quanto auspicato in principio. Questo risparmio è stato possibile grazie al fatto che alcuni operatori hanno rivisto il proprio interesse ad espandere la banda ultralarga, da qui la necessità di meno soldi.

LEGGI ANCHE: La fibra ottica in Italia sarà pubblica: il governo la porterà in 7.300 comuni senza operatori privati!

A mettere in atto il progetto per la fibra pubblica, che in alcune zone sarà comunque realizzata con il contributo degli operatori, sarà Infratel che si occuperà soltanto del lato tecnico logistico, lasciando la gestione a Stato e Regioni.

L’ultimo freno al piano per potare la connessione veloce nei comuni “a fallimento di mercato” è quello dell’Unione Europea che dovrà dare il via definitivo. Giacomelli ha dichiarato che ci vorranno pochi giorni per ottenere le autorizzazioni da Bruxelles. Poi sarò il tempo dei bandi; dopo di questi sarà questione di “alcune settimane” per vedere l’inizio dei lavori.

Un intervento in un certo senso storico, per il settore delle infrastrutture e delle telecomunicazioni italiane, che sarà organizzato con una gestione in cluster che promette di portare la fibra da almeno 30 Mb/s su almeno 7.300 comuni entro il 2018, a partire da Abruzzo, Calabria, Marche, Lazio, Puglia, Sardegna, Lombardia, Toscana.

Via: Mondo3
  • Matteo Bottin

    Ma il Veneto è sempre il più sfigato? No perché non sento mai news di sto genere dalle mie parti e si sentono voci di connessioni nella pianura veronese da far impallidire i centri montanari più remoti…

    • CAIO MARIZ®

      Pensare che a Verona c’è la fibra, nei comuni confinanti si viaggia a 5 mega LOL

      • Matteo Iervasi

        Io sono proprio in uno di quelli 🙁
        E quando vado in città all’università arriviamo a 50mbit/s (sia download sia upload), che per me è una cosa assurda xD

  • Mattia

    “Che si f0ttan0 i liguri!” – Cit.

  • floop

    ma non l’avevano già fatto?
    da me in un paesino sperduto della Calabria già hanno fatto tutto e infatti parte del paese è servito dalla fibra fttc o questi 3mld servono per la ftth ?

    • RixSka

      Il tuo, purtroppo, e` un caso limitato.

  • Psyco98

    “Scusi, Europa, possiamo stanziare soldi nostri per la fibra?”
    “E rischiare di diventare un paese civile? Ma anche no! Poi ci chiedereste anche di non essere sfruttati…”
    “Giusto, è che uno se lo scorda”

  • Gian Luca

    Purtroppo buona parte di questi soldi si sa già che scompariranno per magia, alcune zone dimenticate da Dio rimarranno tali, in altre ci saranno problemi logistici assurdi, poi forse finiranno i soldi, o le linee che arriveranno saranno scarse anche se la pubblicità dirà che arrivano a 100 mega. Purtroppo non mi illudo più che qualcosa cambi in maniera così radicale, specialmente al sud, ma anche al centro e al nord.
    Non voglio fare polemica, abito in provincia di Modena e sono coperto dalla fibra, ma purtroppo la realtà del digital divide è abbastanza grande in Italia….