google chrome final

Brotli è il nuovo algoritmo di compressione di Chrome: meno batteria e dati consumati, maggiore velocità!

Lorenzo Delli

Così come i nomi delle release di Android sono ispirati a dolci quali gli eclair, i biscotti gelato e i marshmallow, anche i nomi dei diversi algoritmi di compressione di Chrome sono ispirati a prodotti commestibili.

Il precedente algoritmo, Zopfli, doveva il suo nome ad un tipo di pane prodotto in Svizzera, lo Zopf, una variante del più classico Hefezopf (o Hefekranz). Brotli, il nome del nuovo algoritmo di compressione di Chrome, è invece ispirato a Brötli, altro prodotto tipico che si può trovare nelle panetterie svizzere.

LEGGI ANCHE: Chrome potrebbe ricevere una homepage più interattiva, con i vostri “interessi”

Sta di fatto che Google, proprio in queste ore, ha annunciato l’imminente arrivo di Brotli, il nuovo algoritmo di compressione di Chrome rivelato questo settembre e già in fase di studio dal 2013 che sostituirà presto il corrente algoritmo Zopfli, lanciato oramai tre anni fa. Brotli dovrebbe essere tra il 20 e il 26% più efficiente di Zopfli, grazie anche all’introduzione di un nuovo formato che comprime ancora di più dati ma che non registra aumenti considerevoli di tempo in fase di decompressione.

Il formato ancora più compresso permetterà a detta del team di Chrome un miglior utilizzo dello spazio e un caricamento delle pagine ancora più veloce. Inoltre, sempre a detta del team, tale algoritmo apporterà significativi miglioramenti anche agli utenti mobili: si prevede che grazie a Brotli verrà ridotto il consumo di batteria e di dati da parte di Chrome.

Brotli è già disponibile su GitHub ed il team, visti i significativi miglioramenti che l’algoritmo introduce, si augura che venga utilizzato non solo in Chrome ma anche su altri browser.

Via: EngadgetFonte: Google
  • realist

    Ottimo sistema per mobile.
    Ha solo un difetto… Enormemente grave.
    Non supporta le estensioni adblock.

    • edivad98

      Che poi per Google è un pregio enorme

    • Matteo

      Mah, si ricade sempre nel solito discorso sulla “eticità” nell’uso di adblock.
      Personalmente su mobile non lo uso e questo algoritmo mi farebbe molto piacere, se attua quanto promesso.