131125192112-bitcoin-file---s021433689-horizontal-gallery

Craig Wright non ha il coraggio di provare di essere il creatore di Bitcoin

Cosimo Alfredo Pina -

Craig Wright è l’imprenditore australiano che ad inizio settimana aveva ammesso pubblicamente di nascondersi dietro allo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, misterioso creatore del protocollo della criptovaluta Bitcoin, ma che adesso fa marcia indietro.

Se inizialmente Wright aveva dichiarato di poter dimostrare di essere effettivamente il creatore dei bitcoin, adesso ha pubblicato sul suo sito un comunicato dove spiega di non avere il coraggio di uscire totalmente allo scoperto.

“Mi dispiace. Pensavo di potercela fare. Credevo di poter mettere dietro le spalle anni di anonimato. Ma dopo gli eventi di questa settimana e mentre mi stavo per preparando a pubblicare le prove del fatto che posso accedere alle chiavi iniziali [i primi bitcoin] non ce l’ho fatta. Non ho il coraggio. Non posso.”

Wright non smentisce quindi di essere il creatore di Bitcoin ma in effetti, non volendo o potendo fornire prove, i dubbi sono più che leciti, ancor più se si considera che all’imprenditore basterebbe semplicemente inviare bitcoin dall’indirizzo di Satoshi.

A questo punto viene davvero da chiedersi se quella di Wright sia tutta una messa in scena, forse nel tentativo di sviare le attenzioni mediatiche e della community della criptovaluta che da dicembre gli sono piombate addosso. Non sarebbe comunque la prima volta che un falso Satoshi Nakamoto viene alla luce; sarà questa davvero l’ultima volta che si parla di questo quasi mitologico personaggio della rete?

Via: Tech CrunchFonte: Craig Wright