L’app f.lux sbarca anche sullo store Windows per aiutarvi a contrastare i disturbi del sonno

Edoardo Carlo Ceretti -

Ormai chiunque fa uso per lunghi tratti della giornata di un dispositivo dotato di display. Durante il giorno, nelle ore in cui i raggi del sole illuminano i nostri ambienti, l’unico modo per questi display per rendersi perfettamente visibili è l’emissione di un’alta quantità di luce blu. Tuttavia, verso sera, quando il sole tramonta e calano le tenebre, questo eccesso di luce blu può risultare fastidiosa o addirittura dannosa per i nostri occhi, come rivelato da alcuni studi scientifici. Negli ultimi tempi quindi, si stanno diffondendo app (o funzioni integrate nei sistemi operativi) in grado di ridurre tali emissioni. Una delle più famose è senza dubbio f.lux, da tempo disponibile su un gran numero di piattaforme e da oggi scaricabile anche dal Windows Store.

L’eccessiva esposizione dei nostri occhi alla luce blu può, nel migliore dei casi, inibire la produzione di melatonina un ormone prezioso nella regolazione del nostro sonno, nel peggiore può addirittura agevolare lo sviluppo di patologie dell’occhio. L’app f.lux ci viene in aiuto, mostrandosi in un’interfaccia curata ed intuitiva, tramite cui è possibile impostare l’orario in cui si preferisce che l’emissione di luce blu venga ridotta (sono presenti anche delle preimpostazioni consigliate), la velocità con cui questa transizione si deve compiere (è consigliato impostarla su una transizione graduale) e la temperatura colore che il display assumerà a transizione completata.

LEGGI ANCHE: RaiPlay: l’universal app ufficiale arriva sullo store Windows

L’app f.lux non si presenta come una universal app, ma piuttosto come il classico .exe, già da tempo disponibile per Windows (così come per Mac, Linux, Android e iOS), con la comodità di poterlo installare e in seguito aggiornare tramite lo store. Attualmente non è quindi possibile installarla su dispositivi Windows 10 Mobile. Vi lasciamo qui sotto il badge che reindirizza al download dell’app.

Via: Neowin