G Suite

Google si riorganizza con i nuovi Suite, Cloud, Team Drive e Docs aggiornato (video)

Cosimo Alfredo Pina -

Google Suite, Team Drive, Cloud – Ricche novità per l’universo Google che nelle ultime ore non solo ha lanciato il suo nuovo blog, ma ha anche rivisto la struttura di alcune delle sue app, tra l’altro aggiornandone qualcuna, e servizi.

Una bella riorganizzazione è effettivamente necessaria tra i tantissimi prodotti che Google offre e dopo il lancio di un sito per le news unificato il cammino in questo senso viene intrapreso con le novità che vi illustriamo di seguito.

Google Suite, il nuovo Google App for Work

Partiamo con le soluzioni dedicate al settore aziendale, ovvero quelle che fino ad oggi si sono state chiamate Google Apps for Work (ancor prima Google Apps for Your Domain) e che da oggi si rinominano un più elegante G Suite. A tal proposito Google ha dichiarato che “il nome riflette meglio la missione dell’aiutare le persone ovunque siano a lavorare ed innovare insieme”.

LEGGI ANCHE: Google lancia The Keyword, un blog unificato per tutte le sue ultime news

Concetti astratti a parte, Ryan Tabone, direttore del product management per G Suite, ha spiegato che BigG voleva rendere chiaro all’utenza aziendale che questa è una collezione di strumenti integrata e non un raccolta di singoli prodotti.

Inoltre la G del logo è visibilmente la stessa adottata da Google nei nuovi prodotti, inclusi gli ancora ufficialmente inediti Pixel e nuovi Chromecast.

Google Team Drive

Sempre dedicato al mondo aziendale arrivano le novità di Team Drive, che riguardano sia Drive, ovviamente, e anche Hangouts. Sul servizio di archiviazione online arriva la possibilità (per ora solo tramite un programma di beta) di avere uno spazio condiviso con controllo approfondito di permessi ed utenti.

Per quanto riguarda Hangouts adesso i meeting supportano fino a ben 50 partecipanti, che possono connettersi da ogni tipo di dispositivo, anche da web (senza alcun plug-in aggiuntivo). Anche questa novità è accessibile solo con un programma di anteprima.

Google Cloud

Le novità indicate nei paragrafi precedenti vengono incluse in questo round di novità in un unico grande contenitore: Google Cloud, che raccoglie anche Google Cloud Platform e tutti i servizi per il settore enterprise, compresi anche i Chromebook con licenza aziendale.

Novità per Google Drive, Calendar, Docs, Sheet

Google Drive quick access

Come accennato in apertura Google ha aggiornato anche diversi dei suoi prodotti, tra l’altro alcuni di questi fanno parte proprio della G Suite. Su Google Drive arriva la funzione Quick Access, una funzione basata su algoritmi di machine learning (un’intelligenza artificiale) che promette di rendere l’uso della ricerca molto più sporadico.

Quick Access è infatti in grado di prevedere quali file, tra quelli presenti su Drive, l’utente vorrà aprire, magari perché appena condivisi o aperti in una certa fascia oraria. Si tratta dell’ennesima integrazione di questo tipo di soluzioni, vista su Google Foto o su Inbox con le Smart Replay; questa per Google Drive arriva per ora solo su Android e solo per G Suite.

Altra (non del tutto) novità riguarda Calendar ossia la finora rimasta appannaggio di Android funzione Smart Scheduling. Questa aiuta a scegliere l’ora migliore per, ad esempio, una conferenza di lavoro in base a vari fattori, come gli altri impegni dei partecipanti. Anche Smart Scheduling è gestita da un’IA ed è esclusiva di G Suite ma adesso arriva anche sull’app iOS di Google Calendar.

google documenti explore

Passando alle web app per l’ufficio di Google qui troviamo un’interessante funzione, soprattutto perché non riguarda solo solo per l’universo G Suite. Su Fogli, Documenti e Presentazioni arriva la scheda Explore che permette di avere suggerimenti, analisi e strumenti di editing veloce basati sul contenuto del documento.

LEGGI ANCHE: Andromeda arriverà il 4 ottobre

Insomma da Google un sacco di novità a cui tra l’altro, lo saprete sicuramente già, si aggiungeranno tutte quelle del prossimo 4 ottobre, quando arriveranno anche i nuovi smartphone Pixel.

Via: TechCrunch