pubblicità google

Google ha fatto installare 3 miliardi di app con la sua pubblicità

Cosimo Alfredo Pina

Il mercato ancora florido delle app mobile offre ampie prospettive di guadagno per i big della tecnologi che hanno fatto della pubblicità il loro principale mezzo di monetizzazione. Google e Facebook sono i primi due grandi nomi in questo campo e proprio queste aziende negli ultimi mesi si starebbero sfidando in un testa a testa sulle pubblicità delle app.

Vi sarà infatti sicuramente capitato di incappare in uno dei banner che vi invitano a provare una certa app o un gioco per il vostro smartphone/tablet. Non è un caso se negli ultimi tempi questo tipo di pubblicità si sta intensificando. Alcuni analisti di mercato specializzati in questo campo hanno infatti riportato come Google abbia raggiunto l’importante traguardo di 3 miliardi di app (per altro non definitivi) installate grazie al suo circuito pubblicitario. A maggio se ne stimavano 2 miliardi.

LEGGI ANCHE: AdBlock Plus ha già aggirato la nuova pubblicità di Facebook, ovviamente

Un numero notevole e significativo quando affiancato a quello che Facebook aveva reso noto lo scorso aprile di aver raggiunto i due miliardi di app o giochi installati da clic derivati dai banner sul social blu. Adesso le aziende dovrebbero essere alla pari anche se non è da escludere il sorpasso di Google. L’incremento notevole di BigG, che stando agli esperti starebbe penalizzando significativamente il business di Facebook, sarebbe dovuto ai nuovi strumenti che Google ha messo a disposizione di sviluppatori e software house.

pubblicità google installazioni app

Tra questi anche le Universal App Campaigns lanciate allo scorso Google I/O, le campagne pubblicitarie per le app che coprono un gran numero di prodotti Google, risultati della ricerca, YouTube, Play Store e molto altro. Alcuni sviluppatori hanno infatti fatto notare come in termini di costo (le campagne pubblicitarie sono molto costose) e ritorno le pubblicità di Google sarebbero migliori.

Per Facebook si prospettano tempi duri, almeno su questo fronte, visto che anche Apple ha più volte dichiarato di essere pronta a potenziare il concetto di promozione a pagamento sui suoi App Store; staremo a vedere nei prossimi mesi tutti questi stimoli quali novità, o meglio contromisure, porteranno sul social blu.

Fonte: Venture Beat