La Toscana è la prima regione ad aderire al progetto Italia WiFi

Vezio Ceniccola -

Annunciato lo scorso dicembre, Italia WiFi è un progetto che prevede la creazione di una rete internet senza fili unica per tutto il territorio italiano, utilizzabile gratuitamente sia dai cittadini italiani che dai turisti.

La prima regione a prendere parte all’iniziativa sarà la Toscana. Dopo aver già realizzato la rete Francigena toscana Wifi, il servizio Italia WiFi sarà lanciato in versione sperimentale in Versilia, nota zona turistica soprattutto nella stagione estiva.

Nella giornata di ieri, l’assessore regionale al turismo e alle attività produttive Stefano Ciuoffo ed il sottosegretario del Ministero dello sviluppo economico con delega alle telecomunicazioni Antonello Giacomelli hanno firmato il protocollo di Intesa sul progetto.

Oggi si aggiunge un altro tassello del puzzle per la realizzazione di una rete wi-fi nazionale che consentirà ai cittadini e ai turisti di avere un’unica e semplice modalità di accesso a tutte le reti federate, pubbliche o private, superando l’attuale frammentazione di reti e modalità di registrazione e/o accesso. Il progetto prevede di potenziare i punti di accesso wi-fi nei luoghi del turismo e della cultura e porre le basi per la costruzione di un ecosistema dei dati del turismo, che consentirà di sfruttare la potenzialità delle informazioni e della rete per far nascere nuovi servizi innovativi.

Sottosegretario Antonello Giacomelli

Che ‘Italia WiFi’ parta dalla nostra regione non può che renderci soddisfatti. E’ assolutamente indispensabile colmare il gap tecnologico che separa l’Italia dal resto d’Europa su questo punto. Il Piano Regionale di Sviluppo della Regione Toscana 2016-20 va in questa direzione. La realizzazione di una rete unica wifi, che su tutto il territorio nazionale consenta a cittadini e turisti di collegarsi con una unica chiave d’accesso, è quanto già da noi attuato sulla via Francigena e sappiamo quanto questo possa essere un valore aggiunto per il territorio. Una volta a regime inoltre consentirà anche di monitorare con maggior accuratezza i flussi turistici e quindi di tarare le strategie di offerta.

Assessore Stefano Ciuoffo

LEGGI ANCHE: La banda larga in Italia cresce sempre più

Ma il progetto Italia WiFi non si ferma qui. Nei prossimi mesi, il Ministero dello sviluppo economico coinvolgerà sempre più regioni ed enti per estendere la rete unica nazionale, creando un sistema che possa essere di facile accesso e di larga diffussione. L’obiettivo è quello di riunire nel progetto le reti pubbliche già esistenti e crearne di nuove dove non presenti, favorendo la comodità di connessione tramite un’unica forma di autenticazione.

Una rete pubblica gratuita potrebbe essere davvero molto utile sia ai cittadini italiani che ai turisti, soprattutto con l’avvento della stagione estiva. Speriamo, dunque, che il progetto continui a fare passi in avanti nei prossimi mesi e che si diffonda il più possibile nella Penisola.

Via: Mondo3