Microsoft Flow

Flow, l’IFTTT di Microsoft, adesso disponibile per tutti

Andrea Centorrino

Abbiamo avuto modo di conoscere Flow ad aprile, quando Microsoft lo rilasciò in beta: si tratta di un’interpretazione della società di Redmond del celebre servizio di “interconnessione” IFTTT (IF-This-Then-Than), ma destinata prettamente al mercato aziendale.

Tramite Flow, sarà possibile far si che, al verificarsi di un determinato evento, se ne scateni un altro (ma anche più di uno): ad esempio, inviando un tweet con una determinata parola chiave, sarà possibile far partire una notifica push ed un’email. In confronto, per replicare lo stesso risultato con IFTTT sarebbe necessario creare due “ricette” diverse.

Al momento, nonostante l’integrazione con servizi importanti come Slack, Calendario Google, Instagram, Office 365, Twitter e Dropbox (che portano il totale a 58 servizi supportati), Flow è ancora lontano dai 366 di IFTTT, anche se fra questi, molti sono orientati all’IoT (Internet-of-Things) consumer.

LEGGI ANCHE: Tutte le ultime novità su Windows 10

La natura prettamente aziendale si vede già dalle caratteristiche del servizio: gli amministratori IT delle varie aziende potranno decidere quali servizi far utilizzare, a chi, quando e dove (ad esempio, solo in sede, o anche in viaggio). Inoltre, nonostante il servizio sia gratuito fino a 750 richieste mensili, superato questo numero bisognerà pagare un canone che parte da 5$.

Vedremo quale sarà l’accoglienza che la rete (e le aziende) riserveranno a questo nuovo servizio Microsoft: lo stacco con IFTTT è netto, ma le risorse non mancano. Voi lo avete provato? In caso, potrete scaricare le app per le relative piattaforme dai badge sottostanti, mentre alla fonte trovate maggiori dettagli ed alcuni modelli per iniziare ad “automatizzare”.

App-Store-badge

Play-Store-badge

Via: The VergeFonte: Microsoft Flow
  • Ema

    Si ma tasker non lo batte nessuno

    • CreXZor

      Tasker ha il grosso difetto di essere troppo ma troppo macchinoso, per capire come utilizzarla al meglio devi saper programmare e conoscere le basi di un qualsiasi linguaggio per seguire la logica

      • Ema

        Quando l’ho provato non conoscevo neanche le basi dell’html, in realtà basta usare la logica e provare più volte. Sono comunque d’accordo che effettivamente è più difficile da usare rispetto a IFTTT e simili

    • Giovanni Calice

      Esiste anche ifttt semplicemente per i meno esperti.

      • Ema

        Io non ho detto che altri siano meno validi o semplici da usare, ho detto che tasker non lo batte nessuno nel senso che ci si può fare qualsiasi cosa, anche senza moduli già “impacchettati”, e quindi le possibilità sono molte di più

        • Giovanni Calice

          Tasker è ottimo ma decisamente più complessi e diverso per certi versi da quello presentato qui…ifttt è più sulla stessa linea.