Plex Cloud Amazon Drive

Plex Cloud: il media server personale va sulla nuvola di Amazon Drive

Cosimo Alfredo Pina

Plex su Amazon Drive – Plex è una delle soluzioni più popolari per la gestione e l’accesso alle raccolte di file video (principalmente film e serie TV) e musicali di un certo volume su un server locale, sia questo un PC, un NAS o un sistema realizzato ad hoc.

Adesso le funzioni diventano più a portata di tutti grazie all’integrazione di Plex con Amazon Drive, il servizio di cloud arrivato meno di un mese fa in Italia che per 70€ l’anno offre spazio di archiviazione illimitato (i primi tre mesi sono in prova gratuita).

LEGGI ANCHE: Amazon Drive arriva in Italia, 3 mesi di prova gratuita per il cloud illimitato

Di fondo il concetto rimane lo stesso e sarà possibile utilizzare Plex con la relativa app disponibile per tutte le principali piattaforme – Android, iOS, web, Windows 10 – per accedere al proprio media center personale. La differenza è che con Plex Cloud, questo il nome del Plex Server adattato per Amazon Drive, file video si troveranno sul vostro spazio Amazon Drive piuttosto che su un disco fisso locale.

Per sfruttare Plex Cloud vi servirà un account Plex Pass, che costa 4,99€ al mese, 39,99€ all’anno o 150€ per una licenza a vita. A questo ci dovete aggiungere il costo di Amazon Drive, sul quale potete comunque conservare tutti i vostri altri file.

Per chi ha una raccolta multimediale importante e una connessione che offra un upload decente Plex Cloud potrebbe essere una valida alternativa soprattutto perché elimina del tutto la parte di configurazione e manutenzione dell’hardware, non sempre così economico o infallibile. Sarà questa innovazione a portarvi sulla nuvola di Amazon?

Via: Venture Beat
  • Dominick

    Ma quelli di Plex, le hanno lette le condizioni di utilizzo di Amazon Drive?

    “Video: MP4, Quicktime, AVI, MTS, MPG, ASF, WMV, Flash e OGG. Per i video di durata inferiore ai 20 minuti e più piccoli di 2 GB, è possibile eseguire lo streaming tramite il sito Web di Amazon Drive e le applicazioni mobili. Lo streaming di Amazon Drive non è disponibile per i video di durata superiore a 20 minuti o più grandi di 2 GB. Tuttavia, tali video possono essere archiviati in Amazon Drive per essere scaricati e visualizzati offline.”

    Ovvero, non sono supportati gli .MKV e soprattutto non si può fare lo streaming dei video superiori ai 20 minuti (è comunque supportato l’archiviazione ed il download).
    A cosa stracazzo mi dovrebbe servire sto Plex Cloud?

    • Fabrizio Arosio

      Ad uploadare video privati e personali… O pensavate davvero che vi avrebbero fatto uploadare i vostri 8TB di film e serie tv 1080 pirata scaricate dalla rete?

      • Dominick

        no no, ci mancherebbe.
        Difatti tutti quelli che si abbonano a Plex, pagano 5 euro al mese per streammare i video della comunione nel televisorone del soggiorno.

        p.s. ti è sfuggito l’oggetto della mia critica, che non è assolutamente rivolta ad Amazon e alle sue condizioni, che rispetto assolutamente, ma a Plex, che pensa di far pagare un abbonamento per far fare lo streaming a qualcosa che non ha mercato.

        • Fabrizio Arosio

          Ma infatti è ovvio a tutti che il 95% degli utiizzatori di plex o qualsiasi media server video lo usa per guardarsi film e serie pirata, ma finchè stanno sul tuo nas privato occhio non vede….
          Più che altro mi chiedo, ma quale sarebbe un esempio di utilizzo “legale” di un server plex su NAS?? Seriamente. Quanti sono quelli che si comprano una serie dvd e poi stanno una settimana a settare e rippare tutte le puntate? (e anche così non so se sarebbe legale).

          • RiccardoC

            l’uso legale è paradossalmente impedito dalle major stesse; se non infarcissero di DRM i video che “vendono” uno potrebbe tranquillamente gestirsi in casa la propria copia locale dei file acquistati (stavolta senza virgolette) tramite Plex e simili.
            D’altra parte mi sembra evidente e sotto gli occhi di tutti come il DRM non scalfisca minimamente il ricorso alla pirateria.

    • Dante

      Provo a pensarla in modo differente:
      Una volta caricati tramite Amazon Cloud, anche file superiori a 2Gb lo streaming viene fatto processare tramite Plex che ovviamente permette la visione.
      Il formato MKV viene letto da Plex e non da Amazon Cloud.
      Lo stesso per la visione mobile, che non passerà tramite Amazon Cloud ma sempre tramite Plex.
      Sicuramente da capire il fatto di caricare file esageratamente grandi e di non fare la fine di Onedrive dop che Microsoft ha capito che tutti stavano salvando i propri film pirata sul Cloud.
      Ma poi la Privacy dov’è??

    • RiccardoC

      mi sembra un po’ confusa quella parte di condizioni d’uso; io la intendo così:
      per i video dei tipi elencati è disponibile lo streaming solo per i file più corti di 20 minuti e più piccoli di 2GB, per tutto il resto il drive lo puoi usare solo come archivio di file.
      Dello streaming credo se ne occupi in ogni caso Plex.
      Poi chiaro che rimane tutto da vedere come si potrà comportare Amazon nel caso succeda, come è probabile, che il loro drive si ritrovi pieno al 99% di file pirata.

      • Kedryn

        La intendi bene. Ci puoi mettere quello che vuoi. Sono vientate solo alcune estensioni che poi andrebbero in conflitto con i loro server. A fare lo streaming po e’ Plex Cloud, non Amazon, quindi il problema non sussiste.

        • RiccardoC

          grazie per la risposta: secondo te c’è il rischio che limitino il servizio quando si renderanno conto che il 99% dei contenuti degli account con più di un 1TB conterrà per lo più filmati pirata?

          • Kedryn

            E’ facile che anche al di fuori del Plex, la maggior parte degli account contenga materiale pirata. Sto cercando io stesso di capire se e’ vero che fanno scansioni sul materiale contenuto nel cloud drive, ma credo che se non espressamente specificato nell’EULA, tale pratica sia vietata.

          • RiccardoC

            sì chiaro, è che plex mi sembra un incentivo, o se preferisci una killer application; che te ne fai di TB di video pirata nel cloud se non hai un modo comodo per fruirne?