peach social vine twitter final

La versione web di Peach, basterà ad evitarne il tracollo?

Cosimo Alfredo Pina

Nato dai creatori di Vine, a sua volta voluto da Twitter, Peach è il nuovo social network che da qualche settimana cerca successo sulla rete. Esordito su iOS e portato su web con un client non ufficiale, adesso Peach arriva anche con un sito del suo creatore.

Si tratta dell’interfaccia web del “social magico”, non ufficiale ma comunque realizzata dal creatore Hoffman, che richiede la registrazione attraverso l’app iOS e non permette di utilizzare le funzioni più interessanti come le parole magiche o i disegni.

LEGGI ANCHE: Provate la “messaggistica magica” di Peach su qualsiasi dispositivo, anche Android!

Per il momento potete usare il sito di Peach, solo se siete già utenti, per caricare GIF e link. Il fatto che il codice del sito sia stato pubblicato su GitHub fa ben sperare per l’arrivo di nuove funzioni.

peach app annie

Mentre il colosso Facebook continua a crescere sotto in ogni aspetto, sia come funzionalità sia come utenza, e altri social si trovano in crisi, Twitter incluso, sembra davvero difficile che Peach, per quanto innovativo e votato alla semplicità, possa trovare il suo spazio in questo mercato saturo, soprattutto dando un’occhiata ai primi dati sui download che dopo pochi giorni stanno già registrando una brusca discesa. Voi avete provato il social? Pensate possa competere con le altre realtà assodate?

Via: Tech Crunch
  • Alessandro Fiorito

    Non so se non ho capito io l’immagine o se non l’abbiate capita voi: a me sembra che i download siano in aumento. L’asse verticale va dall’alto verso il basso. Senza malizia, se non ho capito spiegatemi che sono curioso

    • Cosimo Alfredo Pina

      Ciao Alessandro,
      In effetti l’asse ha un’indice decrescente e può essere fuorviante, ma non indica il numero dei download, almeno in maniera diretta. Quello è il “Rank” ovvero la posizione nella classifica nell’App Store, che è comunque correlato al numero di scaricamenti, in questo caso in calo 🙂

      • Alessandro Fiorito

        Ah ecco, chiaro. Grazie 🙂