google chrome final

SPDY il protocollo di Google presto sarà abbandonato… da Chrome!

Cosimo Alfredo Pina

Il protocollo SPDY, nato e sviluppato principalmente in casa Google, prometteva di manipolare e trasformare il traffico HTTP per rendere l’apertura delle pagine web più veloce e sicura.

Ai più attenti suonerà quindi strano che proprio Chrome, il browser di Google, abbandonerà SPDY il prossimo 15 maggio. Il tutto però non implica una marcia indietro, anzi.

Lo scopo dell’abbandono di SPDY è quello di promuovere il protocollo HTTP/2 che di “speedy” prende il meglio, con il beneficio di più compatibilità e diffusione. Ad oggi solo il 5% delle pagine aperte su Google Chrome utilizzano SPDY, contro il 25% di HTTP/2.

LEGGI ANCHE: Chrome si prepara a diventare in Material Design: ecco come provarlo subito

Il resto delle pagine web si appoggia principalmente al vecchio HTTP 1.1, ma sarà forse proprio questa “spinta” di Google a far decollare un web più veloce e sicuro basato sul nuovo Hypertext Transfer Protocol.

Fonte: Venture Beat