film girati con iphone e gopro

I prossimi kolossal di Hollywood potrebbero essere girati con iPhone e GoPro

Leonardo Banchi

D’accordo, il titolo di questo articolo è un po’ esagerato: non siamo ancora giunti al momento in cui questi piccoli dispositivi potranno sostituire le macchine da presa professionali nel girare i maggiori blockbuster del cinema, ma la rivoluzione che essi potrebbero portare nel mondo dello spettacolo è più grande e più vicina di quanto si possa immaginare. Parola di John Lasseter, co-fondatore di Pixar.

“Vi diranno che non funzionerà, ma si sbagliano”

Lasseter ha infatti recentemente rilasciato un’intervista nella quale, toccando il tema dell’adozione di queste nuove tecnologie da parte del mondo dello spettacolo, egli ha dichiarato di aspettarsi perfino di veder premiato, un giorno, un film realizzato con iPhone e GoPro: “Le persone vi diranno che non potrà funzionare, e invece funzionerà. La ragione per cui lo dicono è solo che non ci sono abituati”.

LEGGI ANCHE: Puzlook, il case per iPhone che integra 5 obbiettivi fotografici

Ciò che si nasconde dietro a queste parole, però, è un cambiamento ben più radicale di quanto ci si possa aspettare: gli iPhone non si limiteranno a sostituire la pellicola da 35mm, oppure le videocamere digitali professionali: sarà piuttosto il cinema, e gli espedienti narrativi utilizzati fino a questo momento, che si adatteranno a tali nuovi strumenti, andando così a comporre una vera e propria “nuova grammatica cinematografica”.

Per spiegare il modo in cui i produttori dovranno adattarsi ai nuovi mezzi disponibili, Lasseter ha portato l’esempio di Toy Story, di cui lui stesso fu il regista, raccontando di come l’aspetto “plasticoso” dei personaggi generati al computer abbia giocato un ruolo fondamentale nella decisione di Pixar di creare un lungometraggio basato proprio su giocattoli fatti di plastica, portandolo poi al successo che tutti abbiamo conosciuto.

I primi cambiamenti

Non è comunque una novità che qualcuno stia già sperimentando nuovi linguaggi narrativi, basati proprio sull’utilizzo di dispositivi portatili: Tangerine, uno dei film più discussi presentati al Sundance film festival di quest’anno, è stato girato quasi interamente con un iPhone 5S, e Chan-wook, regista dell’originale Oldboy, nel 2011 aveva realizzato un breve film girandolo con un iPhone 4. Inoltre, questi dispositivi sono chiaramente sempre più utilizzati dai film-makers emergenti, che non potendo affrontare i costi proibitivi delle apparecchiature professionali sopperiscono a tale mancanza sviluppando le proprie creazioni con inquadrature e realizzazioni più adatte ai sistemi di ripresa in loro dotazione.

Quanto dovrà passare, dunque, prima che i cinema siano realmente inondati dalle inquadrature in prima persona tipiche delle videocamere GoPro? Nessuno è in grado di fare una previsione specifica, ma il cambiamento sembra essere più alle porte di quanto si possa credere. E voi, invece, quali innovazioni credete che questi dispositivi possano portare al mondo del cinema? Fatecelo sapere nei commenti!

Via: TheVerge
  • Fabri

    Bhe, basta ricordare progetti innovativi come “che Blair witch project” o “Cloverfield”.