Deadpool Copertina

5 cose da sapere su Deadpool (che altrimenti si arrabbia!)

Lorenzo Delli Da un grande potere derivano grandi irresponsabilità...wait, what?

Deadpool non è il solito film di supereroi. Non abbiamo a che fare con eroi senza macchia e senza paura come Batman, squadre di mutanti pronte a tutto per salvare il mondo come in X-Men, o eccentrici miliardari che costruiscono esoscheletri in lega oro-titanio per salvare il mondo (strano!) e riqualificare la propria immagine come in Iron Man.

Deadpool è un vero e proprio antieroe, un ex-agente operativo delle Forze Speciali che si sottopone ad un esperimento che gli permetterà di acquisire un eccezionale potere rigenerante che però, a causa del suo pungente senso dell’umorismo e dei suoi modi di fare non certo da supereroe convenzionale, si diversifica appunto dai canoni imposti dal genere.

LEGGI ANCHE: La seconda stagione di Marvel’s Daredevil dal 18 marzo su Netflix

Essendo un eroe piuttosto giovane (ora vi spiegheremo il perché) potreste non conoscerlo o conoscere molto poco di ciò che Deadpool rappresenta per il mondo dei fumetti e di ciò che ha da offrire al grande pubblico. Ecco quindi 5 cose da sapere su uno degli eroi-antieroi più apprezzati del mondo dei fumetti!

Deadpool è un supereroe…giovane!

Sì, Deadpool è un supereroe piuttosto giovane. Non nel senso che il personaggio in sé è particolarmente giovane nella storia. Il personaggio dei fumetti fa infatti la sua prima comparsa nel febbraio del 1991, nel primo volume di New Mutants. Appena 25 anni di età (da pochi giorni!) per il così detto Mercenario Chiacchierone (The Merc with a Mouth), età che impallidisce di fronte a quella di supereroi o saghe più famosi. Basti pensare a Batman, che fece il suo debutto nel 1939, ad Iron Man, che fece la sua prima apparizione nel 1963, o agli X-Men, che risalgono al medesimo anno di Iron Man.

Deadpool 1

Deadpool e la quarta parete

Avete mai sentito parlare della quarta parete? La quarta parete è un “muro” immaginario posto di fronte al palco di un teatro attraverso il quale il pubblico osserva lo svolgimento delle azioni nel mondo dell’opera rappresentata. Niente di particolare, eppure proprio la presenza di questa immaginaria quarta parete ha fatto sì che si sviluppasse una tecnica, che potremmo definire come “Rottura della quarta parete“, usata nel cinema, a teatro, in televisione, nelle opere letterarie e anche nei fumetti, che fa si che il personaggio si possa rivolgere direttamente al pubblico o che si possa rendere conto che i personaggi e l’azione coinvolti non sono reali. Un esempio? Frank Underwood in House of Cards quando parla direttamente allo spettatore.

Deadpool, già a partire dai fumetti, è un personaggio che rompe la quarta parete, rivolgendosi direttamente al lettore e facendosi beffe di sé stesso e di ciò che lo circonda. È un supereroe che possiede quindi l’autoconsapevolezza di essere il personaggio di un fumetto, tanto che le nuvolette e i box con le battute di Deadpool vengono solitamente colorati in giallo. Ovviamente anche nella pellicola non mancheranno frequenti “rotture della quarta parete“.

Deadpool 2

Ma quali sono i suoi superpoteri?

Che sia un supereroe o un antieroe poco importa. Ma quali sono i suoi superpoteri e perché è forse uno dei personaggi più forti (in senso letterale) dell’universo Marvel? Senza procurare troppi spoiler sulla trama del film (e del fumetto), vi basti sapere che Deadpool è dotato del fattore rigenerante più efficace dell’universo Marvel. Ciò significa che anche se provaste a tagliarli un arto o la testa, avrebbe la possibilità di rigenerarli in breve tempo.

Tutto qui? No: è anche dotato di forza, resistenza, velocità, agilità e riflessi sovraumani, è immune alla telepatia, è un esperto di arti marziali, di esplosivi e di armi da fuoco, è un ottimo spadaccino, conosce molte lingue, è tecnicamente immortale e, almeno nel fumetto, è anche in grado di teletrasportarsi per brevi distanze grazie ad un particolare dispositivo presente nella sua cintura.

Deadpool 3

È già apparso al cinema…

Ebbene sì, non è la prima volta che Deadpool appare al cinema. Probabilmente però preferirebbe scordarsi del triste avvenimento, visto che il Deadpool che è apparso nella pellicola X-Men: le origini – Wolverine del 2009 è piuttosto snaturato rispetto all’originale. L’attore è il medesimo che interpreta Deadpool nella nuova pellicola, Ryan Reynolds, ma il personaggio (almeno nella scena finale) è estremamente diverso. Date un’occhiata al filmato qui di seguito!

…ed è già previsto un sequel!

Sì, avete capito bene. Il film è uscito da pochissimi giorni negli Stati Uniti (l’Italia insieme a Grecia, Spagna, Giappone e Corea del Sud sarà tra gli ultimi paesi a vederlo) eppure Fox sta già pianificando un sequel con lo stesso regista al timone, Tim Miller, e ovviamente con Ryan Reynolds che ha già espresso più volte l’intenzione di voler continuare a interpretare Deadpool per il resto della sua carriera cinematografica. Non hanno tutti i torti: se pensate che solo nel weekend di apertura ha guadagnato 65 milioni di dollari, il Mercenario Chiacchierone promette davvero bene!

Deadpool Locandina

Per concludere

C’è tanto altro da sapere su Deadpool ma se non conoscete a sufficienza il personaggio non vogliamo certo rovinarvi la sorpresa! Il film sbarcherà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 18 febbraio. Nel frattempo, se siete ancora indecisi se dargli una chance, non vi rimane che guardarvi qualche trailer!

Deadpool | Trailer ufficiale Redband

Deadpool | Trailer Ufficiale Redband #2