Gli Incredibili 2: dal primo film sono passati 14 anni. Anzi, solo pochi minuti

Edoardo Carlo Ceretti

Correva l’anno 2004, quando la più stravagante delle famiglie di supereroi invadeva i cinema di tutto il mondo, riuscendo a conquistare complessivamente più di mezzo miliardo di dollari di incasso. Tuttavia, per vedere un seguito del film si è dovuto attendere molto, ben 14 anni, dato che Gli Incredibili 2 è atteso per il 2018. Forse qualcuno di voi si chiederà quanto saranno cambiati gli amati membri della famiglia Parr in tutto questo tempo. La risposta si può ricavare da un’altra semplice domanda: voi quanto siete cambiati rispetto a quando avete iniziato a leggere questo articolo?

Eh già, Mr. Incredible e famiglia saranno esattamente come li ricordate, perché il secondo film riprenderà dal preciso punto in cui era terminato il primo, ovvero dall’arrivo del Minatore. A svelarlo è John Lasseter di Pixar:

Il film inizierà dal momento in cui era terminato il primo, ne sarà una naturale continuazione. Il momento sarà quello dell’arrivo del Minatore, quando si mostra per la prima volta dinnanzi alla famiglia vestita da supereroi. Ecco, abbiamo iniziato il secondo film proprio da lì.

LEGGI ANCHE: The Tick si mostra nel primo video trailer

Il Minatore sarà quindi l’antagonista principale del secondo film di quella che ormai possiamo definire a tutti gli effetti una saga. Nel doppiaggio originale, John Ratzenberger presterà la voce al Minatore, così come già avvenuto nel primo film. Probabile quindi che anche per il doppiaggio italiano Ambrogio Colombo venga riconfermato per lo stesso ruolo.

Il prossimo anno scopriremo quindi come la famiglia di supereroi sarà in grado di fronteggiare la nuova minaccia, ma anche di affrontare le problematiche comuni a tutte le famiglie normali, perché poi è proprio qui che risiede il successo di Gli Incredibili, come confermato da Lasseter:

La maggiore peculiarità del primo film Gli Incredibili è che si trattava davvero di dinamiche familiari, ambientate nel mondo dei supereroi. Il secondo film porta avanti questa stessa tematica.

Via: Cnet