Mr. Robot

5 motivi per vedere Mr. Robot (che potrebbero anche spingervi a non vederlo)

Nicola Ligas -

Mr.Robot è una serie televisiva trasmessa da USA Network, la cui prima stagione è andata in onda in America la scorsa estate, e la seconda è prevista per il mese di giugno di quest’anno. Arriva da questa sera in Italia, esclusiva di Mediaset Premium, che ne parla come una delle migliori serie di sempre.

Mr. Robot è la serie tv che ha stupito Hollywood e nel 2016 si è meritata sette riconoscimenti di prima grandezza: due Golden Globes, tre Critics Choice Awards, il WGA Award e l’AFI Award. Siamo orgogliosi di presentarla in esclusiva ai clienti Premium. Sarà in onda sia in modalità lineare sul canale Premium Stories, sia on demand sul servizio streaming Premium Play, disponibile gratuitamente per tutti gli abbonati.

Franco Ricci, amministratore delegato di Mediaset Premium

Potremmo definire Mr. Robot con una sola parola: “nerd,” e questo farà forse la gioia di molti lettori, ma non necessariamente di tutto il pubblico. Ecco quindi 5 valide ragioni per vedere Mr. Robot, che potrebbero però convincere i meno nerd di voi ad evitarlo con cura.

Mr. Robot è una “vera” serie hacker

flexispy-3

Mr. Robot è una delle pochissime produzioni televisivo-cinematografiche che affrontino temi informatici con una certa cognizione di causa. Quando il protagonista (e non solo lui) si lancia in spiegazioni tecniche, queste sono nella maggior parte dei casi accurate e soprattutto veritiere, tanto che anche l’hacking di uno smartphone Android in una delle prime puntate, viene ricostruito piuttosto fedelmente. Dopo anni di schermi finti e sistemi operativi montati in post-produzione, ha un che di anacronistico sentir parlare di Linux o di protocollo Tor senza che siano usati a caso. Se siete sempre stati invidiosi di tutte le serie su medici, pompieri, poliziotti e via dicendo, e sentivate sempre un po’ bistrattato l’informatico che è in voi, avrete di che gioire con Mr. Robot.

Rami Malek è (quasi) impeccabile

rami malek mr. robot

Rami Malek è l’attore che presta il volto ad Elliot Alderson, il protagonista della serie, ma tra gli altri ci sono anche il più famoso Christian Slater che ha un ruolo chiave nella vicenda (ma di questo non potremmo discutere molto senza spoilerare, quindi lasciamo perdere). Malek è perfetto nel ruolo che gli è stato assegnato, sia come fisicità che come interpretazione. Si tratta di un personaggio “difficile”, tormentato, con problemi di dipendenza e non solo, ma questo lo si capisce fin dalla prima puntata. La bravura di Malek sta però nel seguire l’evoluzione (o involuzione) di Elliot, che attraversa varie fasi, risultando quasi sempre credibile. È il contorno che a volte un po’ stona, e quando il colpo di scena inizia a diventare prevedibile, sono gli stessi comprimari, oltre ad Elliot, a cercare di deviare un po’ l’attenzione, riuscendoci solo in parte. In ogni caso è indubbiamente un personaggio che cattura lo spettatore, anche se rientra nel genere ormai stereotipato del “genio-sociopatico.” Il carisma del protagonista è stato tale che nel giro di poco tempo Elliot è diventato una sorta di icona, e passeggiando per New York non è difficile imbattersi in murales che lo raffigurino, come quello in apertura.

F per Vendetta

mr-robot-fsociety

Il gruppo hacker “protagonista” della serie, Fsociety, dovrebbe richiamare il non troppo elegante “fuck society“, ma non è affatto difficile scorgere nei loro messaggi un rimando a V per Vendetta, il celebre film del 2005. In realtà il tema della ribellione contro la società capitalista e oppressiva e conto poteri occulti domina un po’ tutta la serie, ma non in modo così preponderante e stereotipato come i primi minuti della stessa potrebbero farvi pensare (per fortuna). Gli amanti del “complottismo” sono insomma accontentati, ma senza eccessi, e se anche voi vi sentiste un po’ schiacciati dalla società occidentale, Mr. Robot è lì per darvi ragione.

Fotografia e colonna sonora di spessore

g8bw9gnnek7a3yofz5b7

Mr. Robot valorizza due elementi spesso fin troppo trascurati, soprattutto nelle produzioni televisive: la fotografia e la colonna sonora. Scura, ma non eccessivamente, e con tagli particolari la prima; perfettamente a tema ed “immersiva” la seconda. Anche in chi non dovesse notarle spontaneamente, fotografia e colonna sonora contribuiscono a dare una marcia in più a questa serie ed a calarvi meglio nelle sue atmosfere particolari, nei suoi personaggi portati all’eccesso, nella criminalità, nella violenza, anche psicologica, che diventano sempre più palpabili. New York non è la città che magari ricordavate da una bella vacanza, ma è comunque lei, ed è “vera”.

More than meets the eye

mr. robot occhi

Mr. Robot inizia come un drama-thriller a tema tecnologico, ma poi diventa qualcosa di più. La psicologia dei personaggi riveste un ruolo sempre più chiave e le relazioni tra di loro diventano sempre più (im)prevedibili. Questo è forse il vero nodo gordiano della serie, quello che divide i fan dai detrattori. Sì perché da una parte si perdono alcuni dei tanti e validi spunti che c’erano all’inizio, e dall’altra, per rendere più inattesi certi eventi, altre situazioni/personaggi vengono un po’ forzati, soprattutto proprio nel finale, che rimane logicamente aperto in attesa della seconda stagione. Mr.Robot è un po’ come le montagne russe di Coney Island in cui è in parte ambientato: sale e scende, ma rimane sempre in quota.

Nel complesso è una serie che raccomandiamo, in particolare agli appassionati del genere (sì, a voi “nerd”!) ma non solo, e che raggiunge senz’altro vette molto elevate, anche se non la annovereremmo tra i capolavori assoluti, almeno non in ogni suo aspetto. Buona visione, e fateci sapere nei commenti cosa ne pensate (magari evitando spoiler, se l’aveste già vista).

  • mikeb90

    bella serie, con ottimo potenziale ma diverse pecche. In primis la tanto acclamata parte di hacking… che nella storia praticamente si vede solo nella prima puntata degnamente (reputo da 9 quell’episodio), poi diventa “solo” una serie psicologica con un finale non tanto a sorpresa. ha un calo pauroso verso la metà, alla fine si riprende ovviamente, ma più di 7 o al limite 7.5 non le do.

    • Solo nella prima puntata no, però è vero che la parte hacking lascia poi spazio a quella psicologica, come ho chiaramente scritto, idem per i sali e scendi e le “non” sorprese.

      • mikeb90

        intendevo cmq dire che le vicende hanno avuto un taglio troppo netto, cioè magari così è lo stesso verosimile, ma è come se la parte di hacking tanto ben raffigurata nella prima puntata, vada a quel paese.

    • Pincha96

      Beh il finale non vuole essere a sorpresa, lo si capisce chiaramente quando Elliot rompe la quarta parete.

  • Psyco98

    Si potrebbe spendere parecchio tempo a parlare dei motivi per cui vederlo, ma tutti questi vengono oscurati da un grosso MA:
    MA è trasmesso dalla Mediaset… Quindi va visto in streaming in lingua originale (con o senza sottotitoli)

    • marco

      Perché siete così fissati con la lingua originale? I doppiatori italiani sono bravissimi, a detta di molti tra i migliori al mondo! Se devo seguire una serie, preferisco seguirla doppiata piuttosto che passare il tempo a leggere sottotitoli, togliendo lo sguardo alle scene!!

      • Pincha96

        I doppiatori italiani sono i migliori al mondo, ma l’originale è un altra cosa. Poi ho sentito la voce di Elliot e devo dire che è completamente fupriluogo.

      • Psyco98

        Abbiamo dei doppiatori eccelsi, il punto è che se i dialoghi vengono stravolti dai traduttori e dalle censure varie (e in Italia è Mediaset a fare le cose peggiori) stai guardando un’opera tagliata.
        Dopo un po’ uno si abitua a leggere i sottotitoli e inizia a diventare automatico. Tralascio il vantaggio linguistico (soprattutto allenare l’ascolto), perché è una cosa che tange solo alcuni, e la recitazione originale, che interessa solo se vuoi avere un’idea più precisa della bravura dei singoli attori.

        • marco

          ti do ragione sul fatto dei dialoghi stravolti.. hanno questa brutta abitudine solitamente sui cartoni animati, ad esempio futurama, dove lela viene chiamata a volte turanga (suo vero nome), a volte sora lela (quando lo sento mi vergogno per loro), oppure personaggi doppiati prima normalmente, poi dopo parecchie puntate diventano tutti napoletani, siciliani, calabresi… questo si che fa veramente schifo!

      • Livio Kokthi

        Si ma non sono i doppiatori il problema. (ed è quello che ha anche scritto Psyco98) il problema è mediaset che fa pagare per una servizio di merda dove il 90 % delle cose che trasmettono sono merda e il restante 10 % è trasmesso a 720p

    • Guido Foxs
  • Killgus

    Spero lo mettano su Netflix, perché una serie del genere non me la voglio guardare in Streaming a 144p ripresa con un Galaxy Ace su un Grundig a tubo catodico da 14″

    • Pincha96

      Dipende tutto da che tipo di accordo ha Mediaset con USAN. Se si stratta di una sola anteprima, potrebbe arrivare su netflix, se sono accordi di esclusiva non ci sono speranze, e visto la pubblicità che sta facendo Mediaset propenderei per la seconda ipotesi. Comunque se non si vuole usare Mediaset ci sono molti modi per vederla in una buona qualità.

      • Guido Foxs
      • Killgus

        Al limite aspetto che escono i DVD, almeno ricompenso l’ottimo lavoro sperando che lo sia davvero, ma ho fiducia!

        • Pincha96

          Fai bene, anche se con tutti questi servizi di streaming non so se i cofanetti DVD continueranno ad uscire.

          • Killgus

            Secondo me si, i collezionisti appassionati ci saranno sempre e poi data l’irregolarità della possessione dei diritti avere l’home video è meglio, senza contare i contenuti extra

          • Pincha96

            Si i collezionisti ci sono e ci saranno sempre, ma stiamo andando verso un mercato in cui l’esclusività è tutto. Per questo mi sa che produttori e distributori saranno sempre più restii a creare versioni Home Video, poi spero di sbagliarmi.

    • Guido Foxs
    • Federico Giatti
  • Guido Foxs
  • Enrico Cammarata

    Anche person of interest e’ allo stesso livello

  • talme94

    Ok, non ho una vasta cultura cinematografica e di serie tv, ma solo a me è venuto in mente fight club, soprattutto nel finale?
    Non vorrei fare spoiler, ma chi l’ha già visto penso abbia capito di cosa parlo.

    • Pincha96

      in realtà già solo nominando quel film hai fatto spoiler. Comunque si, la cosa tra l’altro non è neanche nascosta basta pensare alla cover di where is my main? alla fine del penulimo episodio.

    • riccardo1991

      Complimenti, già citando un libro/film così famoso hai spoilerato. Ma attivare il cervello prima di mettere in moto le dita?

      • talme94

        Se non ti va bene il mio commento mi faccio un blog tutto mio con recensioni e spoiler di lusso… Anzi, senza blog e senza recensioni