Sherlock - L'abominevole sposa

Sherlock – L’abominevole sposa: un (gradito) tuffo nel passato, tra pochi giorni anche al cinema (video)

Lorenzo Delli

Possiamo dire senza troppi timori che l’attore Benedict Cumberbatch deve buona parte del suo successo a Sherlock, serie TV britannica, proprio come lui, creata da Steven Moffat e Mark Gatiss (il fratello di Sherlock nella serie) e andata in onda per la prima volta nel 2010.

La prima stagione, composta da tre episodi di 90 minuti ciascuno (una scelta piuttosto peculiare per una serie TV) è stata trasmessa in Italia a partire dal 18 febbraio 2011 su Joi (Mediaset Premium), in chiaro quasi un anno dopo (il 22 dicembre) su Italia 1.

LEGGI ANCHE: Non avete più scuse: Breaking Bad e Better Call Saul disponibili su Netflix in Italia!

Proprio grazie a Mediaset la serie ha avuto un buon riscontro anche nel Bel Paese, tanto da permettere il lancio nei negozi fisici e virtuali del cofanetto Blu Ray delle prime tre serie tradotte e dell’arrivo nelle sale cinematografiche italiane dell’episodio speciale ambientato nella Londra vittoriana intitolato Sherlock – L’abominevole sposa. È davvero peculiare che una serie TV sbarchi nei cinema italiani, ed è ancora più peculiare che si tratti di un episodio natalizio, tradizione annuale per le serie britanniche e non (vedi ad esempio Doctor Who).

Sherlock - L'abominevole sposa locandinaVedere Cumberbatch nei panni di Sherlock e Martin Freeman nei panni dell’immancabile Dottor Watson su grande schermo è un’emozione davvero unica per gli appassionati della serie, ma l’opportunità di godersi l’episodio speciale al cinema è offerta solo per due giorni: il 12 ed il 13 gennaio.

Ovviamente l’episodio in questione sarà proiettato con il doppiaggio italiano, una scelta che potrebbe far storcere il naso a chi ha optato per guardarlo in lingua originale e che potrebbe invece raccogliere il favore di chi lo ha visto proprio grazie alle trasmissioni in chiaro di Mediaset.

Sherlock – L’abominevole sposa non sarà stavolta distribuito da Mediaset, bensì da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY e MYmovies.it e, per l’occasione, la versione cinematografica potrà vantare dei contenuti speciali che non saranno presenti nella versione “standard” dell’episodio.

Difficile fare previsioni su come verrà distribuito successivamente: vista la disponibilità delle tre precedenti serie, è molto probabile che Netflix cerchi di accaparrarsi, anche per l’Italia, la disponibilità dell’episodio. Altrettanto probabile che Nexo Digital lanci lo speciale in versione DVD e Blu Ray. E per concluder qualche SPOILER (non troppi in verità) sulla ciò che vi aspetta al cinema, sempre che non lo abbiate già visto sfruttando “vie traverse“.

I primi quaranta minuti di visione proiettano lo spettatore e l’intera serie nel 1890, in una Londra vittoriana carica di fascino riprodotta con cura certosina dagli autori della serie. È davvero divertente vedere l’incontro tra Sherlock Holmes e John Watson più di un secolo prima, ovvero nel periodo in cui è ambientato il romanzo originale di Conan Doyle, e le dinamiche della coppia contemporaneamente diverse ed uguali a quelle della serie originale.

Ciò che lo spettatore proprio non si aspetta è che in realtà l’episodio, nonostante sia ambientato appunto nel 1890, è un anello di congiunzione tra la fine della terza stagione, che vede Sherlock esiliato per pochi minuti richiamato a Londra a causa dell’inaspettato ritorno dell’acerrimo nemico Moriarty (interpretato da un incredibile Andrew Scott), e la quarta stagione che, ahinoi, non potremo vedere prima del 2017. I personaggi del passato si alterneranno quindi a quelli del presente nel tentativo di risolvere un mistero antico, quello de L’abominevole sposa, e uno tutto nuovo, quello della morte apparente di Moriarty.

Si tratta di una scelta stilistica che verrà sicuramente apprezzata da chi ha seguito attivamente le precedenti serie, e che invece disorienterà sicuramente gli spettatori che andranno a vederlo al cinema aspettandosi una classica storia di Sherlock Holmes. Come avrà fatto Jim Moriarty a sopravvivere ad un colpo diretto in piena faccia nell’episodio Le cascate di Reichenbach che, almeno nel romanzo originale, sono teatro della “battaglia finale” tra il celebre investigatore e il suo arcinemico? La risposta vi aspetta nelle sale cinematografiche di tutta Italia!