squali all'attaco

Squali all’attacco in una ripresa ravvicinata (video)

Cosimo Alfredo Pina -

Il Woods Hole Oceanographic Institution in Massachusetts, per condurre un esperimento di biologia marina ed ingegneria, ha realizzato e immerso nelle acque ad ovest del Messico, un rover subacqueo da 36 kg di peso e 1,5 metri di lunghezza equipaggiato con sei videocamere GoPro, dal nome di  REMUS SharkCam. Lo scopo preposto era di monitorare gli animali marcati della zona.

LEGGI ANCHE: La realtà virtuale per polli

Quando il team è andato a recuperare il piccolo sottomarino per analizzare le riprese hanno trovato un’inaspettata sorpresa. Probabilmente a causa del campo elettrico generato dai circuiti e propagato dal corpo in metallo della carena, alcuni squali hanno pensato che il REMUS fosse commestibile e nella speranza di poter consumare un pasto lo hanno azzannato più volte.

Il video è il primo che documenta così da vicino un attacco in assenza di umani ed ha dimostrato come alcuni esemplari abbiano presentato un comportamento, oltre a quello classico del predatore, territoriale, quasi di difesa. Vi lasciamo quindi alla visione di questo spettacolare spezzone di vita animale che riprende uno dei più potenti e temuti predatori del mondo dalla visuale che non vorremo mai vivere in prima persona.

 

Via