selfie ogni giorno head

Una vita di selfie in uno spettacolare time-lapse (video)

Leonardo Banchi

Pensavate che i selfie, le fotografie che oramai spopolano tanto da portare alla creazione di speciali accessori ad esse dedicate, fossero un’invenzione recente? Se siete fra i fan di questo tipo di scatti non potrete fare a meno di ammirare Jonathan Keller, un ragazzo che da ben 16 anni si è fatto portabandiera di questa moda, scattandosi un selfie ogni giorno.

LEGGI ANCHE: I selfie diventano professionali con l’asta di Nikon

L’autore di questa idea ha poi deciso di raccogliere tutte le fotografie in un video, nel quale è possibile osservare l’evoluzione del suo volto giorno dopo giorno, dal lontano 1° Ottobre 1998 fino ai giorni nostri.

La pagina web personale di JK Keller, però, ci permette inoltre di conoscere alcune curiosità relative alla nascita e allo sviluppo del progetto, che rendono il lavoro ancora più interessante: prima fra tutte, la motivazione che ha avviato la cattura delle fotografie. Il ragazzo, all’epoca ventiduenne, era infatti stato biasimato dalla propria ragazza per il costoso acquisto di una Nikon Coolpix 900, che facendogli notare il prezzo della fotocamera gli chiese sarcasticamente: “Hai intenzione di usarla ogni giorno?”.

A seguire trovate il video nel quale sono racchiuse tutte le immagini, almeno fino al momento della sua realizzazione. Il progetto, tuttavia, continua ad andare avanti, poiché JK Keller ha intenzione di dimostrare ulteriormente la propria costanza continuando a scattarsi nuove fotografie.

Sul sito trovate tutti i dettagli e le curiosità, comprese un’immagine che mostra “il JK Keller medio” e una griglia contenente tutte le fotografie scattate, una di fianco all’altra. Fateci però sapere nei commenti cosa pensate dell’iniziativa: il suo autore è secondo voi un esempio di perseveranza, una persona interessante e originale o, come si autodefinisce nel titolo del video, “un idiota“?

Via: Phandroid
  • Marcos

    Fighissimo

  • Matteo Bottin

    Santa pazienza! 😀

  • a’ndre ‘ci

    autoscatti, si chiamano autoscatti