9.0

ASUS ProArt PA329Q, la recensione del monitor 4K professionale (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione ASUS ProArt PA329Q

ASUS ha confezionato un monitor dedicato ai professionisti del settore, con un solo difetto: se per caso lo doveste provare, lo vorrete anche voi.

8.0

Confezione

Nella confezione del monitor, ASUS ha incluso la sua base d’appoggio dedicata, un cavo DisplayPort – mini DisplayPort (qualcuno ha detto Mac?), uno HDMI, uno USB, e la solita manualistica del caso. Alla fin fine non manca nulla di particolare, anche se volendo essere esigenti, vista la tipologia di prodotto, si poteva sperare in qualche accessorio in più.

8.5

Costruzione

ASUS PA329Q non passa inosservato, non solo per le dimensioni oggettive (è pur sempre un 32”), ma anche per la sua imponente base d’appoggio, che non è troppo elegante e realizzata interamente in plastica, ma che permette di regolare il monitor in altezza ed inclinazione, e di farlo ruotare su sé stesso (fino ad averlo in visuale portrait) e lungo il suo asse.

ASUS PA329Q foto -6

Lo spessore non è contenuto come quello di altri monitor, ma non stentiamo a capirne le ragioni, ed all’interno della scocca, nella parte superiore sul retro, è incluso anche uno speaker di buona qualità, senz’altro superiore alla media di quelli inclusi nei monitor consumer.

Tantissime le porte presenti: 4 HDMI 2.0, una DisplayPort 1.2, una mini DisplayPort, 5 USB 3.0 (3 sul fianco sinistro e le altre dietro) ed anche un lettore di schede SD ed il jack audio (fastidiosamente sul retro anziché su un fianco).

L’unica cosa che fa storcere il naso sono i 6+1 pulsanti posti sul retro, cui dovrete un po’ fare l’abitudine perché non sempre ben allineati con i controlli on-screen e forse fin troppo numerosi, complicandone un po’ la gestione, ed alcune lievi incertezze costruttive, come la cornice attorno al display che, se premuta in alcuni punti, rientra un po’ nel resto della scocca.

10.0

Qualità e comodità

Potremmo dilungarci a lungo sulle qualità visive di questo monitor, ma la realtà è che dovreste vederlo per capirla, e non è solo un fatto di numeri. Iniziando comunque da questi, abbiamo 3.840 x 2.160 pixel su 32” (138 ppi) , ma soprattutto 1,07 miliardi di colori visualizzabili, con uno spettro del 100% sRGB e del 99,5% dell’Adobe RGB ed una visione davvero pari all’angolo piatto, grazie anche alla tecnologia IPS.

La fedeltà dei colori è quindi impressionante ed ampiamente personalizzabile con vari profili, mentre la luminosità è spalmata in maniera omogenea su tutta la superficie, senza visibili zone più ombrose, e la finitura opaca riesce piuttosto efficacemente a combattere i riflessi, sebbene una superficie così ampia non possa esserne immune.

Abbiamo poi tante funzioni “extra”, come QuickFit, che mette in sovraimpressione su schermo alcuni formati predefiniti (es. A4), oppure il filtro per la luce blu integrato, regolabile su vari livelli di intensità, o ancora il Picture-by-Picture, che vi consente di affiancare fino a 4 sorgenti diverse, ciascuna con la sua porzione di monitor dedicata, o il Picture-in-Picture, che inserisce una sorgente secondaria all’interno di una principale. Ed il bello è che ciascuna di queste sorgenti può avere le sue impostazioni per il colore, indipendenti da quelle delle altre.

ASUS PA329Q foto -3

Non mancano poi i software di calibrazione dedicati, in particolare ASUS ProArt Calibration (al momento solo per Windows), per configurare in modo ancor più preciso il monitor, che comunque non si fa davvero mancare le possibilità di personalizzazione.

Le parole comunque non bastano, pertanto, se già non lo aveste fatto, vi invitiamo a guardare il video a inizio articolo o a provarlo di persona, se ne aveste la possibilità.

7.5

Prezzo

Il prezzo di listino è di 1.459€, ma Amazon riesce a togliergli almeno 200€. Si tratta senz’altro di una cifra elevata, ma se consideriamo il tipo di prodotto che è questo PA329Q, in fondo è anche abbastanza commisurata alle sue qualità. Certo non è un monitor per tutti, ma questo non solo per il prezzo.

ASUS annuncia il monitor ProArt PA329Q dedicato ai professionisti della grafica e del video editing

Un monitor professionale 4K UHD con tecnologia ASUS ProArt Calibration e gamma cromatica 99.5% Adobe RGB 

Cernusco sul Naviglio, 20 Aprile 2016. Progettato per i professionisti della grafica e del video editing, ASUS ProArt PA329Q è il nuovo monitor 4K UHD (3840 x 2160) da 32 pollici che offre un’ampia gamma cromatica per una fedeltà straordinaria nella riproduzioni dei colori e supporta la riproduzione di contenuti 4K UHD fino a 60 Hz contemporaneamente da più sorgenti. Questa caratteristica, unitamente alla tecnologia ASUS ProArt Calibration che offre le funzioni Color Accuracy Tuning e Uniformity Compensation per garantire colori eccezionalmente realistici, lo rende particolarmente adatto all’editing video professionale del video.

Il monitor spicca per il profilo sottile e il piedestallo ergonomico con ampie possibilità di inclinazione, rotazione e regolazione dell’altezza, in modo che l’utente possa trovare sempre la posizione di visualizzazione ideale. La funzione auto-rotate regola automaticamente l’orientamento dei contenuti quando il display viene usato in modalità verticale, semplificando il lavoro con i siti web o con le immagini a sviluppo verticale.

La tecnologia 3M QDEF (Quantum Dot Enhancement Film) assicura un’ampia gamma cromatica con supporto degli spazi colore 99,5% Adobe RGB, 100% Rec. 709, 100% sRGB, 90% DCI-P3, 100% Rec. 709 e Rec. 2020 per la produzione ed editing di video. Il monitor è pre-calibrato per garantire una precisione dei colori ai massimi livelli nel settore — con delta-E (∆E) <  2 — affinché le immagini risultino sempre perfette e possano offrire una perfetta anteprima del risultato finale.

Il monitor PA329Q riproduce i colori a 10 bit per un totale di oltre 1,07 miliardi di colori, utilizza una LUT (LookUp Table ) interna a 14 bit e supporta i valori Gamma di 2,4, 2,2, 2,0 e 1,8 per immagini dall’aspetto naturale e transizioni più omogenee tra diverse tonalità. La tecnologia IPS (In-Plane Switching) garantisce ampi angoli di visualizzazione, assicurando immagini perfette senza alcuna distorsione nei colori anche da posizioni estreme.

ASUS ProArt Calibration include le funzioni Color Accuracy Tuning e Uniformity Compensation per ricalibrare con facilità il monitor e offre complete funzionalità di data mapping, correlazione e calibrazione. I profili dei parametri cromatici vengono salvati nel chip IC scaler interno al monitor invece che nel PC, in modo che l’utente non debba ricalibrare le impostazioni ogni volta che il monitor venga collegato a un computer diverso. Questa tecnologia, che è compatibile con tutti i principali calibratori hardware, come X-rite® i1 Display Pro e Datacolor® Spyder, riduce la distorsione del segnale tra IC e lo spettro ottico LCD: inoltre, l’utente può attivare con facilità i profili cromatici usando un hotkey presente sul monitor.

Il monitor ProArt PA329Q adotta un pannello 4K UHD da 32 pollici con densità di pixel pari a 138 ppi per assicurare una densità di pixel quadrupla e uno spazio su schermo più ampio del 300% rispetto ai display Full HD con dimensioni simili, offrendo immagini nitide e brillanti e maggiore spazio sullo schermo per il multitasking. ProArt PA329Q offre anche una serie di opzioni di connettività e supporta la riproduzione dei contenuti 4K UHD a 60 Hz tramite DisplayPort 1.2, mini DisplayPort 1.2 o le quattro porte HDMI (v2.0) disponibili. Sono disponibili anche cinque porte USB 3.0 e un lettore di schede 9-in-1 per memory card, periferiche e vari dispositivi.

Il supporto per le funzionalità PiP (Picture in Picture) e PbP (Picture by Picture) consente di visualizzare contemporaneamente i contenuti 4K UHD provenienti da molteplici sorgenti, passando con facilità tra diverse sorgenti e configurando le impostazioni cromatiche di ogni finestra usando le modalità Adobe RGB, sRGB, User Pre-set 1 e User Pre-set 2 per esaminare le differenze con la funzione PbP. ASUS QuickFit Virtual Scale sovrappone invece allo schermo una griglia per allineare e visualizzare in anteprima i documenti nelle dimensioni reali prima della stampa.

Infine, per contribuire al massimo comfort di utilizzo, ProArt PA329Q utilizza le tecnologie ASUS Ultra-Low Blue Light e Flicker-Free certificate da TÜV Rheinland, che evitano l’affaticamento degli occhi e proteggono l’utente dalle emissioni di luce blu. Le quattro impostazioni dei filtri sono accessibili direttamente tramite hotkey oppure usando le impostazioni del menu OSD (On Screen Display).

ASUS ProArt PA329Q è disponibile a un prezzo consigliato di Euro 1459,00 IVA inclusa.

Foto

Giudizio Finale

ASUS ProArt PA329Q

9.0

ASUS ProArt PA329Q

ASUS ProArt PA329Q è il monitor professionale in 4K che qualsiasi utente vorrebbe: ampio, con i suoi 32 pollici, capace di immagini praticamente perfette e senza sbavature nemmeno negli angoli, ben visibile anche lateralmente, e ampiamente personalizzabile nella resa cromatica. Completo di tante funzioni extra, come picture in/by picture, e di altri accorgimenti dedicati ai professionisti del settore, vede il suo ostacolo principale nel prezzo non contenuto, ma in fondo anche "meritato".

Pro
  • Immagini eccezionali e ampiamente personalizzabili
  • 6 ingressi video e fino a 4 visualizzabili contemporaneamente
  • Versatile base d'appoggio
  • Anche lo speaker è sopra la media
Contro
  • Richiede un PC (molto) potente
  • Pulsanti sul retro non sempre intuitivi
  • Minime sbavature costruttive
  • Prezzo
  • sasci93

    aprendo la notizia pensavo di vedere un notebook e invece un monitor
    ma perche non lo scrivete nel titolo?

    • ProArt è la linea di monitor professionali di ASUS, davo per scontato che fosse un po’ un marchio di riconoscimento, ma in effetti per chiarezza si può aggiungere

  • giancarlo sfocopoco

    Ho un portatile, il nuovo Dell XPS 15 con schermo 4k e i7 6° gen. , è abbastanza potente per questo monitor? Grazie