8.6

Lenovo ThinkPad X1 Carbon, la recensione

Nicola Ligas -




Recensione Lenovo ThinkPad X1 Carbon

Lenovo ThinkPad X1 Carbon è un portatile dedicato all’utenza business. Lo si capisce da tanti piccoli dettagli: dalla presenza di uno slot SIM per una perenne connettività, al lettore di impronte digitali, così inusuale ormai sugli ultrabook oggigiorno. Questo non significa che non possa compiacere anche l’utenza consumer, anzi, ma è comunque bene conoscere alcuni dettagli che potrebbero farvi desistere, come anche spronarvi di più, dall’acquisto.

9.5

Costruzione e portabilità

ThinkPad X1 Carbon è un 14”, misura insolita e stranamente snobbata, che Lenovo riesce invece a declinare in modo quasi perfetto. Leggero, robusto, ed al contempo grande. Realizzato con fibra di carbonio, X1 Carbon si vanta di aver superato undici test di tipo militare effettuati in condizioni estreme per verificarne la resistenza a caldo, freddo, polvere, vibrazioni, acqua, umidità, altitudine, radiazioni solari, e muffa. Insomma: non vi invitiamo a rovesciarci una lattina di Coca Cola sopra, ma rispetto alla media dei suoi fratelli si tratta di un prodotto realizzato con un’attenzione superiore.

La scocca trattiene inoltre pochissime impronte, soprattutto nella parte dove andrete a poggiare i polsi scrivendo (un pelo di più sul coperchio del monitor), ed alcune chicche come la “i” di ThinkPad sul dorso del notebook, o il fatto che il monitor sia inclinabile fino a ben 180° sono piacevoli ciliegine sulla torta.

Unica nota stonata: una confezione molto poco curata, “umile” a suo modo, con giusto il portatile avvolto in un paio di protezioni, l’alimentatore (abbastanza piccolo) ed un adattatore ethernet, ma davvero scarsa attenzione per il packaging.

9.0

Tastiera e touchpad

La tastiera ha ampi tasti ad isola, non troppo rigidi per la verità (avrei gradito un po’ più di solidità). Stondati in basso i pulsanti principali, squadrati i tasti funzione, che sono comunque in seconda battuta, a vantaggio dei tanti controlli presenti che vanno dal volume, al microfono, passando per luminosità, duplicazione dello schermo, modalità aereo, e link rapidi a pannello di controllo, ricerca, task switcher e gestione risorse. Nota un po’ stonata: il tasto Fn è scomodamente posto in basso a sinistra, dove ci si aspetterebbe il Ctrl: ci vuole un po’ di attenzione all’inizio, ma poi ci si abitua.

La scrittura è comoda, a patto di non insistere troppo sui bordi dei tasti, anche se il fatto che questi siano lievemente incavati facilita il naturale posizionamento delle dita, ed abbastanza silenziosa; la retroilluminazione è presente, efficace, ma non regolabile nell’intensità. La vera particolarità però, sta nel trackpoint di Lenovo. Per chi non lo conoscesse, si tratta di quel pallino rosso a metà tastiera, che può essere usato per spostare velocemente il mouse senza nemmeno alzare le mani dai tasti per arrivare al touchpad. Il trackpoint funziona in base alla pressione, quindi se lo sfiorerete a malapena vi muoverete appena, altrimenti percorrerete grandi distanze (su schermo) in poco tempo. Ci vuole un po’ per abituarsi al suo uso, ma che decidiate di avvalervene o meno, non vi darà fastidio averlo lì in mezzo, tanto che starà solo a voi fare uno sforzo per adattarvi a questo insolito strumento, che si rivela un prezioso salvatempo nei movimenti più semplici.

Lenovo ThinkPad X1 Carbon -15

Il touchpad dal canto suo non è affatto trascurato: reattivo sia al clic che al tap, ampio, buon feeling allo scorrimento e buono scrolling, senz’altro superiore alla media dei portatili Windows. I tasti del mouse sono posizionati in alto, per meglio usarli in combinazione col trackpoint, ma questo non penalizza l’esperienza del touchpad, che può comunque contare su clic destro e sinistro, su tap e gesture. Il pulsante centrale in particolare, se tenuto premuto, consente di effettuare lo scrolling delle pagine col trackpoint, una cosa alla quale, appena fatta l’abitudine, non riuscirete più a fare a meno.

8.5

Hardware

ThinkPad X1 Carbon è disponibile in varie configurazioni, che solo in parte trovate elencate sul sito del produttore. Online o nei negozi riuscirete facilmente a trovare anche altre varianti, rendendo molto facile scovarne una adatta alle vostre esigenze. Come sempre, qui riassumiamo le specifiche del modello in prova

  • Schermo: 14” WQHD (2.560 x 1.440 pixel)
  • CPU: Intel Core i5-5200U a 2,2 GHz
  • GPU: Intel HD Graphics 5500
  • RAM: 8 GB DDR3L a 1.600 MHz
  • Memoria interna: 256 GB SSD
  • Connettività wireless: Wi-Fi ac, Bluetooth 4.0, SIM GSM
  • Porte: 2 USB 3.0, HDMI, mini DisplayPort, Ethernet (tramite adattatore), jack audio
  • Webcam:
  • Batteria: 50 Whr
  • Peso: 1,3 Kg
  • OS: Windows 7 Professional (aggiornabile a Windows 10)

Dotazione completa per questo ThinkPad X1 Carbon, che se anche non include (nel modello da noi provato) la più potente CPU Intel in commercio o l’onnipresente touchscreen, non fa rimpiangere nulla, ed anzi conferma di essere stato progettato in modo davvero molto attento ed oculato.

Ci sono inoltre alcune caratteristiche inusuali da tenere in considerazione, come la connessione alla rete mobile, tramite micro SIM, ed il lettore biometrico a lato della tastiera, che consente di sostituire la password con l’impronta digitale. E sempre in materia di sicurezza, è presente anche la crittografia dei dati, grazie al TPM (Trusted Platform Module).

Manca però un lettore di schede SD, pecca un po’ grave soprattutto per l’utenza consumer, ma ribadiamo che questo notebook non è pensato in prima battuta per loro, che piaccia o meno.

8.5

Prestazioni e software

Le prestazioni di questa terza generazione di X1 Carbon sono davvero solide. Non soltanto in termini assoluti, comunque decisamente di fascia elevata, quanto in generale per l’affidabilità. Dopo un po’ di tempo imparerete a “prendere le misure” a questo notebook, e saprete sempre cosa aspettarvi, perché una delle migliori doti di X1 Carbon è proprio la costanza. L’hardware lavora come un’orchestra ben affiatata, senza mai mostrare sbavature inattese, portando a casa ogni compito in modo molto preciso e puntuale.

I benchmark si collocano dalle parti del Dell XPS 13, lievemente inferiori quelli sulla sola CPU (come del resto era lecito aspettarsi, essendo quello su ThinkPad un i5-5200U contro i7-5500U di Dell), e soprattutto sono straordinariamente costanti, con una variazione tra una ripetizione e l’altra davvero ai minimi storici, a conferma di quanto detto nel paragrafo precedente sull’affidabilità della soluzione di Lenovo. Migliori del previsto anche i test sulla grafica, nonostante la presenza di una scheda integrata Intel, ulteriore punto a favore “dell’armonia” con cui è stato realizzato il ThinkPad. In ogni caso quantomeno una variante con scheda dedicata sarebbe stata gradita.

La CPU è poi coadiuvata da un SSD con ottimi valori di lettura e scrittura, non da vertice assoluto della categoria, ma comunque di fascia molto alta, che poi è un po’ il leitmotiv di questo notebook, che non raggiunge il top del top, ma si difende ottimamente in ogni campo.

Lenovo ThinkPad X1 Carbon -20

Il sistema esce di fabbrica con Windows 7 Professional, che di per sé è un tuffo nel passato, ma testimonia comunque il fatto che Lenovo ha pensato a questo ThinkPad come un sistema che prima di tutto dovesse garantire l’assenza di sbavature, limate anche dal software preinstallato dal’azienda stessa; in ogni caso l’aggiornamento a Windows 10 è possibile in modo del tutto gratuito, quindi non è questo un aspetto su cui valga la pena soffermarsi troppo.

Tra i software Lenovo abbiamo: Lenovo Message Center Plus, che raccoglie notizie importanti (sicurezza e protezione), informazioni utili sullo stato del sistema (es. batteria o disco) e offerte esclusive da parte del produttore (non temete, non è invasivo); Lenovo QuickControl, un’app per PC che permette di utilizzare smartphone Android ed iOS come controller per la riproduzione di diapositive o per regolare altre opzioni del ThinkPad; Shareit (non di Lenovo), per la condivisione di contenuti con dispositivi mobili (Android, iOS e Windows Phone); Lenovo QuickDisplay, per collegarsi ad un display o ad un proiettore wireless; Lenovo Power Manager, per una gestione davvero avanzata e precisa del risparmio energetico, e infine Lenovo Fingerprint Manager Pro, per la gestione delle impronte digitali. Non tantissimi software insomma, ma tutti ben fatti e mirati, ed è facile capire come praticamente tutti questi possano tornare utili nella sfera lavorativa, piuttosto che privata.

La qualità della webcam HD è più che buona, e non incide in maniera drammatica sul consumo di energia (25% l’ora circa), mentre l’audio è molto potente, ed anche ad alti volumi non presenta distorsioni particolari, oltre ad essere ricco di contenuti, che potrete andare a personalizzare grazie al pannello Dolby incluso, con equalizzatore grafico e profili personalizzati e personalizzabili (musica, film, giochi, VoIP e altro)

  • PC Mark 8 Home accelerated: 2.859
  • PC Mark 8 Creative accelerated: 3.260
  • PC Mark 8 Work accelerated: 3.725
  • 3d Mark 11 P: 1.318
  • Geekbench 32-bit: 2.615 single-core / 5.355 multi-core

crystal2

8.0

Schermo

Schermo ad altissima risoluzione, opaco, non touch. Si legge bene in ogni condizione ed è regolabile su 15 livelli di luminosità, anche se il valore massimo avrebbe dovuto essere ancora più alto per riuscire a strappare un mezzo punto in più. I colori sono piuttosto fedeli ed i neri abbastanza intensi, anche se l’opacità del monitor rende sempre tutto un pelo meno brillante di come potrebbe essere. Riuscirete però a leggerne il contenuto bene ovunque, valorizzando così la portabilità dell’X1 Carbon, ed anche gli angoli di visione, sia laterali che dall’alto o in basso, non presentano assolutamente punti deboli.

7.0

Autonomia

L’autonomia è stata una piccola delusione, non perché sia scarsa in senso assoluto, ma perché avremmo comunque sperato qualcosa di più, considerando anche le tante attenzioni in ambito di risparmio energetico poste da Lenovo sia nell’hardware (“33 sensori per fornire una maggiore efficienza termica ed energetica, fino a 30 giorni di standby“) che nel software, con una personalizzazione delle opzioni di risparmio energetico davvero più ampia di praticamente tutta la concorrenza.

Lenovo ThinkPad X1 Carbon -23

C’è anche la ricarica rapida (80% in meno di un’ora), ma fatto sta che superare le fatidiche 8 ore non è facile, e per farlo dovrete scendere a notevoli compromessi sia sul carico di lavoro che sulla luminosità dello schermo. Con attività intensa si superano di poco le 3 ore, allentando arriverete a 5-6 ore miste tra lavorativo / multimedia / navigazione, ma, come già detto, andare oltre richiede molti compromessi. Peccato perché le temperature sono sempre sotto controllo, e la batteria è anche di generose dimensioni. Tenete conto che con il modello full HD le cose dovrebbero un po’ migliorare.

7.5

Prezzo

Il prezzo della versione base, da sito Lenovo, è di 1.088€, con schermo full HD, 4 GB di RAM e 128 GB di memoria interna. Ci sono poi varie configurazioni, fino ad i7-5600U, WQHD Touch, ed 8 GB RAM. Come già accennato, ci sono anche versioni intermedie, ma nel complesso il prezzo è abbastanza buono, in particolare se pensate davvero di sfruttare tutte le caratteristiche messe in campo da X1 Carbon, che si pagano ma non sempre si vedono (es. la conformità alle specifiche militari), altrimenti la concorrenza più attenta al mercato consumer offre probabilmente prezzi lievemente più bassi.

Foto

Giudizio Finale

Lenovo ThinkPad X1 Carbon

8.6

Lenovo ThinkPad X1 Carbon

Lenovo ThinkPad X1 Carbon ti conquista praticamente in ogni suo aspetto. È probabilmente il migliore portatile Windows da noi recensito fino ad oggi, nel complesso, con una qualità costruttiva da primo della classe, delle prestazioni solide ed affidabili in ogni situazione, segno di un ottimo lavoro di orchestrazione fatto da Lenovo, e degli extra come lettore di impronte e slot SIM (che non è detto vi servano). Il vero punto debole è l'autonomia, solo discreta, ma che potrebbe facilmente variare a seconda delle configurazioni. A questo proposito, attenzione anche al prezzo, perché pagherete cose "invisibili", come i suoi elevati standard di resistenza (che potrebbero sempre essere il miglior modo di salvaguardare il vostro investimento).

Pro
  • Grande qualità costruttiva
  • Il trackpoint richiede tempo, ma dà soddisfazioni
  • Prestazioni affidabili in ogni contesto
  • Monitor ad alta risoluzione e molto leggibile
Contro
  • Prezzo un po' superiore alla media
  • Autonomia migliorabile
  • Manca un lettore di schede SD
  • Pensato per utenti business
  • Davide Garofalo

    Proverete l’asus ux303ln? O magari l’ux303ub di prossima uscita con nuovi processori skylake?

    • Al momento ho in prova un HP ma gli skylake saranno senz’altro oggetto di prove, devo solo decidere chi sarà il primo.

      • Davide Garofalo

        Più che altro l’ho notato perché, nel panorama dei 13″, ho visto pochi ultrabook con gpu dedicata. Il modello che vi avevo segnalato presenta una geforce 940 ( evoluzione della 840 presenta nel vecchio ux303.. ) 8 gb di ram ssd e i7 dcore. Ero curioso di capire cosa ne pensavate. Prossimamente lo stesso identico modello dovrebbe essere aggiornato con i7 skylake.. Probabilmente 6500u.. Spero lo teniate in considerazione nel caso in cui proverete nuovi ultrabook con skylake. Posso chiederti che hp hai in prova?

        • HP pavilion x360. Cmq sì gli ultrabook con GPU dedicata sono molto pochi

  • Giuseppe Maggiore

    Recensione ben scritta e completa. Sarei curioso di vedere da voi una recensione per quello che secondo voi è il miglior laptop dedicato alla grafica 2d

    • Grazie per i complimenti! Stavo pensando ad una sorta di classifica per tipo di utilizzo, ma non sono ancora del tutto convinto, sia per ragioni di tempo che altro…

  • xRaska

    aspetto con ansia i nuovi acer predator 15 e 17. prezzo un po altino però per il lenovo vista la dotazione hardware

  • Claudio Antonetti

    Vista la sua resistenza, lo consigliereste per uno che ha un figlio come Crash Bandicoot? La versione base mi pare costi come l’asus ux305…