8.5

Logitech MX Anywhere 2, la recensione (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Logitech MX Anywhere 2

Il mouse è un’invenzione antica come il mondo (più o meno), di quelle che ormai fanno così parte della quotidianità che possiamo pensare non ci sia più nulla di nuovo da scoprire. Ci prova Logitech con il suo MX Anywhere 2, che si cimenta nel non semplice compito di reinventare appunto la ruota. Ci riuscirà?

8.0

Confezione

Partiamo bene con la confezione, che oltre a presentarsi bene facendoci dare uno sguardo al mouse ancor prima di aprirla, include anche il cavo USB – micro USB per la ricarica (tra l’altro piuttosto curato, con una fascetta a “strap” per legarlo), ma soprattutto c’è un mini-dongle USB che Logitech chiama Pico Unifying.

Logitech MX Anywhere 2 - 9

Si tratta di un ricevitore da collegare a quei dispositivi che non siano provvisti di Bluetooth (ma che abbiano una porta USB libera), in modo da poter comunque utilizzare il mouse, o comunque se siete alla ricerca di una connessione più affidabile. Pico Unifying è infatti una tecnologia wireless a 2,4 GHz, che necessita di apposito software e che dovrebbe offrire un’affidabilità superiore al Bluetooth Smart (che comunque nelle nostre prove non ci ha dato alcun problema).

8.0

Costruzione e comodità

Il mouse è quasi perfettamente simmetrico, tanto che potremmo definirlo ambidestro, se non fosse per i due pulsanti presenti sul fianco sinistro, praticamente impossibili da usare se siete mancini. A parte questi però, le forme e le simmetrie permettono di utilizzarlo comodamente con entrambe le mani.

MX Anywhere 2 è ben sagomato, forse un pelo più corto di quanto poteva essere, ma abbastanza alto da potervi poggiare comodamente la mano sopra, cosa che apprezzerete in particolar modo nell’utilizzo prolungato.

Clic destro e sinistro, gli unici due non rimappabili, sono leggeri e veloci, ma anche lo spostamento laterale della rotellina è una cosa a cui vi abituerete in pochissimo tempo e potrete personalizzarne il comportamento come volete (vedi paragrafo successivo). Anche i due pulsanti laterali sono comodi, sebbene solitamente il pollice starà subito sotto a questi ultimi, e non essendo leggeri a premersi come gli altri, dovrete fare un minimo di resistenza col resto della mano.

 

Logitech MX Anywhere 2 -2

Oltre ai due pulsanti laterali abbiamo ovviamente clic destro e sinistro, mentre la rotellina centrale può essere inclinata in entrambe le direzioni laterali in modo da eseguire due distinte azioni. Premendola invece verticalmente, commuterete tra le due modalità di scrolling disponibili: quella classica, in cui sentirete un “clic-clic” scorrendo la rotellina, ed una completamente afona, in cui la rotella scorre quasi senza attrito.

Purtroppo in questo modo, al clic della rotella del mouse non è assegnabile ad alcuna funzione, ma considerando che al di sopra di questa è stato inserito un ulteriore tasto, questo porta a 7 i pulsanti cliccabili complessivi presenti sul mouse, quindi non sarete di certo a corto di azioni.

9.0

Funzioni

Cosa si può fare quindi con 7 pulsanti? Tantissime cose, soprattutto grazie all’ottimo software Logitech, per Windows e OS X, che vi consentirà di personalizzarli. Oltre infatti alle classiche impostazioni per decidere velocità del puntatore e di scrolling, potrete modificare il comportamento di tutti i tasti ad eccezione di clic destro e sinistro.

Potrete ad esempio scorrere orizzontalmente le pagine, andare avanti e indietro nella cronologia del browser, acquisire lo schermo, aprire file, cartelle, applicazioni o pagine web, regolare volume e luminosità, assegnare delle combinazioni da tastiera alla pressione di un tasto, e tanto altro; anche con personalizzazioni diverse a seconda del sistema operativo.

Ci sono anche le gesture: assegnando questa funzione ad un pulsante, e tenendolo premuto mentre spostate il mouse in su, in giù, a destra o a sinistra, per ciascuna di queste direzioni avrete un comportamento diverso. Su OS X potrete ad esempio avviare Mission Control ed App Exposé, oppure passare da un desktop all’altro, come illustrato dagli screenshot qui sotto.

I cambiamenti sono apportati immediatamente, le opzioni sono tantissime, e dopo aver speso un po’ di tempo a personalizzarlo, questo mouse Logitech sarà davvero “vostro”.

MX Anywhere 2 può inoltre tenere in memoria fino a 3 dispositivi diversi: per effettuare lo switch rapido da uno all’altro è sufficiente premere l’apposito pulsantino posto sotto al mouse, dove si trovano anche il tasto di accensione e quello per forzare l’accoppiamento Bluetooth.

A questo riguardo, non abbiamo mai avuto alcun problema né di connessione né di fluidità: il mouse si collega praticamente all’istante, appena acceso, all’ultimo dispositivo cui era collegato, e la risposta all’input è precisa e immediata, anche senza ricorrere al dongle incluso, tramite il quale la connessione dovrebbe essere ancora più stabile (ma ripeto: è difficile fare un paragone, perché già in Bluetooth Smart non ci sono stati problemi).

Sul fronte autonomia non abbiamo dati troppo precisi: Logitech parla di 2 mesi con 6 ore di utilizzo giornaliere, ma non avendolo ancora provato per tanto tempo è difficile capire se la stia sia realistica. In ogni caso la porta micro USB per la ricarica è saggiamente posta davanti, e potrete tranquillamente continuare ad utilizzare il mouse mentre è in ricarica, trasformandolo in pratica in un dispositivo cablato, quindi difficilmente l’autonomia sarà mai un problema.

7.0

Prezzo

Il prezzo di Logitech MX Anywhere non è contenuto: sono 82€ sul sito ufficiale, anche se online è già possibile trovate qualche buona offerta. Siamo al pari con altri modelli di fascia alta della concorrenza, ma la qualità in questo caso è elevata ed anche il marchio può avere il suo prezzo.

Foto

Giudizio Finale

Logitech MX Anywhere 2

8.5

Logitech MX Anywhere 2

Logitech MX Anywhere 2 è la quintessenza del mouse: 7 pulsanti, 5 configurabili con molte più opzioni di quante potreste immaginare, e tutti precisi e comodi. La rotellina centrale scorre che è un piacere, la connessione è rapida e precisa, e l'autonomia non è un problema. Il solo difetto è che i mancini dovranno in pratica sacrificare l'uso dei due tasti laterali. E poi c'è il prezzo, ma chi lavora tanto al PC e con il mouse, può vederlo più come un investimento, che come una spesa.

Pro
  • Tante personalizzazioni per tutti i pulsanti
  • Comodo e preciso
  • Fino a 3 dispositivi memorizzati
Contro
  • Non perfetto per mancini
  • La rotella non funziona da pulsante centrale
  • Prezzo non basso
  • Stefano Caliò

    A quel prezzo ha davvero poco senso, IMHO
    Se non si ha assoluto bisogno di un mouse così piccolo tanto vale spendere qualche Euro in più e prendere Mx Master, sicuramente più comodo e completo

    • Sono 20€ in più e di funzioni diverse non è che ci sia chissà cosa, a parte la rotellina per lo scrolling orizzontale. Secondo me sono entrambi validi, dipende anche dall’uso che uno deve farne

    • Beh già il fatto che sia piccolo e costi meno mi sembrano dei buoni “plus”.

    • Stefano Caliò

      @NicolaLigas:disqus e @ciso:disqus ciò che intendo è che se uno non ha assolutamente bisogno di un mouse “portatile” probabilmente vorrà preferire il “fratellone”. Funzioni aggiuntive a parte, immagino l’ergonomia sia ben differente, se si deve lavorare per diverse ore con la mano sul mouse, e questo IMHO sposta decisamente la bilancia sul prodotto più grande.
      Tra l’altro, ad oggi, li separano una manciata di Euro, su Amazon! Capisco che anche questo Anywhere sia un prodotto di fascia alta, ma forse costa un pelo troppo. A meno che alla Logitech non abbiano pensato la stessa cosa che ho pensato io…

      • In linea di massima mi baso sempre sui prezzi di listino perché lo street price è molto variabile, comunque è anche questione di abitudine. Personalmente, anche per l’utilizzo da ufficio, preferisco un mouse più leggero e agile possibile, e con questo mi sto trovando ottimamente

    • Fabio Padovani

      …cavolo, anch’io sono estremamente incerto tra questo e il Mx Master…
      D’accordo il prezzo…ma è più la comodità e l’usabilità a frenarmi…

  • simone liessi

    Qualcuno potrebbe consigliarmi un mouse fino e leggero e un masterizzatore esterno per il mio notebook??

  • HabemusFerdo

    Mi sembra di averlo visto a 30€
    E gli ho preferito quello Microsoft bluetooth

  • Riccardo Laiolo

    80 euro per un mouse senza tasto centrale? o.O

    • ne ha 7 di tasti in tutto, alla fine puoi impostare il pulsante centrale a uno degli altri

      • Riccardo Laiolo

        credo e spero che il tasto dietro la rotellina sia bindato di default su mouse3 però credo che sia abbastanza scomodo, è tutto un altro movimento cliccarlo rispetto al click sulla rotellina e quindici anni di memoria muscolare è difficile cancellarli… per quanto possa valere il parere di un nessuno dell’internet io quel tasto, non potendo metterlo sulla rotellina perché già occupata dal meccanismo della “frizione”, l’avrei messo più avanti della rotellina piuttosto che dietro

        • non è blindato nulla, lo puoi abilitare come tasto centrale o come quello che vuoi, ci sono decine di funzioni diverse possibili

          • Nicola, una domanda: utilizzando l’adattatore fornito insieme al mouse, viene utilizzata una connessione WiFi o rimane in bluetooth? Se dovesse essere in WiFi, consumerebbe meno batteria?
            Grazie 🙂

        • Stefano Caliò

          ti dirò, ho comprato recentemente un M560, che ha, bene o male, lo stesso meccanismo di rotella precisione/free scroll.
          Ti assicuro che dopo qualche ora passa la paura e ci si adatta in fretta ad usare il tasto “sotto” la wheel come mouse3. In compenso, lo scrolling libero è una figata non da poco

  • vuole il bluetooth 4.0 o è compatibile con i mac dotati di bt 2.1+EDR?

  • Gark121

    provato poco fa, da possessore di mx master, mi mette solo tanta tristezza. davvero tanta. almeno la rotellina come quello serio potevano metterla. come l’anywhere 1 stava al performance mx (che avevo) così questo all’ mx master: vorrei essere il mouse perfetto fatto piccolo, ma invece non lo sono.