9.0

MSI GT83VR, il portatile gaming che non è un portatile: la recensione (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione MSI GT83VR

MSI GT83VR è un notebook insolito sotto molti punti di vista. Performance fuori scala, caratteristiche fuori scala, prezzo fuori scala. Potremmo liquidare il tutto dicendovi che se volete uno dei migliori portatili gaming che possiate acquistare, potete investire i vostri 5.000€ a scatola chiusa, ma in realtà non sarebbe vero. Gettiamoci quindi in questa insolita recensione di un insolito dispositivo.

LEGGI ANCHE: I Migliori Notebook sul mercato

8.0

Costruzione

Costruzione e portabilità vanno spesso insieme: se un notebook è realizzato con cura e con buon materiali, spesso risulta anche portatile. Non è questo il caso. La scocca è infatti quella di tanti altri MSI, con metallo spazzolato sul retro del monitor ed anche attorno alla tastiera, molto elegante (ed avido d’impronte), mentre le griglie di aerazione posteriori sono così imponenti che sembrano prese in prestito da una muscle car americana. Bello e tamarro.

Insolita la collocazione della tastiera, molto avanzata, con tastierino numerico/touchpad al suo fianco, in una posizione sacrificata rispetto al normale. Visivamente è una scelta che colpisce, ma c’è dietro un motivo tutt’altro che estetico, ovvero il bisogno di spazio per ospitare, e raffreddare, le due schede NVIDIA GTX 1080 in SLI. Il risultato è che in pratica non avrete un poggia polsi, come invece nella maggior parte degli altri portatili al mondo, anche se la posizione di scrittura non è affatto più alta di tante altre tastiere meccaniche in commercio, pertanto se vi trovate bene con queste ultime, non avrete di che lamentarvi.

4.0

Portabilità

GT83VR è un portatile da un punto di vista nominale, ma sfido chiunque a fargli lasciare le mura domestiche, data non solo la scomodità di dettata dai suoi 18,4 pollici di schermo per 5,5 Kg di peso, ma dovendo anche mettere in conto i due enormi alimentatori (con relativo hub per interconnetterli) necessari per tenerlo attivo (quasi 1,2 Kg cadauno). Non parliamo poi di autonomia, perché non è esattamente il tipo di dispositivo cui interessi stare lontano da una presa di corrente.

msi-gt83vr-14

8.0

Tastiera e touchpad

La scelta di una tastiera meccanica, con switch Cherry MX, è molto interessante per un portatile, in particolare per uno di tipo gaming. Come già accennato prima, la posizione di scrittura non è del tutto tipica, e le varie chiavi sono un po’ piccole rispetto ad altre tastiera meccaniche, ma indubbiamente il feeling è superiore ad una tastiera di tipo tradizionale, anche per l’utilizzo non ludico. Buona la retroilluminazione, ovviamente rossa, e piuttosto morbida la corsa degli switch Cherry MX brown, con il classico “scalino” a metà corsa, ed una rumorosità non troppo elevata, rispetto ad altre tastiere meccaniche.

Peccato che il touchpad sia invece molto sacrificato, sia per la posizione non usuale, che costringe a sollevare del tutto la mano destra dalla tastiera per utilizzarlo, sia per le proporzioni a sviluppo verticale, che sacrificano un po’ le operazioni di trascinamento e affini. Vero è che per giocare ci vuole un buon mouse (che sinceramente, visto il prezzo, doveva essere incluso nella confezione), e questo è indubbiamente un PC per soli gamer. Più efficace infatti è usare la parte touch come tastierino numerico, e adottare un mouse gaming dedicato.

9.5

Hardware

MSI punta al 10, ma non ci arriva solo per pignoleria e perché “si può sempre fare di meglio”. Guardate infatti quanta roba è riuscita ad infilare l’azienda in questo notebook:

  • Schermo: 18,4” full HD (1.920 x 1.080 pixel) IPS
  • CPU: Intel Core i7-6820HK
  • GPU: 2x NVIDIA GTX 1080 SLI con 8GB GDDR5X
  • RAM: 32 GB DDR4
  • Memoria interna: 512 GB SSD  + 1 TB (SATA) 7.200 rpm
  • Porte: HDMI, Thunderbolt Type-C, mini DisplayPort, 5x USB 3.0, jack cuffie, jack microfono, jack Hi-Fi, Ethernet, lettore SD, S/PDIF
  • Webcam: full HD
  • Unità ottica: masterizzatore Blu-ray
  • Peso: 5,5 Kg (senza i due alimentatori, da 1,2 Kg circa ciascuno)
  • Batteria: 76 Wh
  • OS: Windows 10

MSI non ha osato inserire un display a risoluzione superiore al full HD, anche solo per dire “l’ho fatto”. Forse ci poteva stare in un prodotto del genere, ma indubbiamente in questo modo le performance sono ancora più impeccabili. Per il resto ci sono ben poche obiezioni da fare, ed è anche inutile lamentarsi del fatto che, dato lo spazio, la batteria poteva essere più capiente, perché tanto non sarebbe cambiato molto. Lode al masterizzatore Blu-ray, ancora una rarità di questi tempi.

10.0

Software e prestazioni

  • PC Mark Home: 5.400
  • PC Mark Creative: 9.015
  • PC Mark Work: 5.636
  • 3D Mark: 38.300 (Sky Diver), 10.880 (Timespy), 22.870 (FireStrike)
  • GeekBench: 4.980 single-core, 16.270 multi-core
  • CrystalDisk: 3.000 MB/s lettura, 2.500 MB/s scrittura (SSD); 132 MB/s lettura, 126 MB/s scrittura (HDD)

I benchmark, che solitamente riportiamo alla fine, questa volta stanno in testa, giusto per chiarire che non c’è storia. Qualsiasi benchmark andiate a guardare, troverete valori che lasciano indietro la concorrenza. Oltre 9.000 punti in PC Mark Creative sono quasi ineguagliabili, ed il solo processore sta al vertice di GeekBench. Stupisce anche la velocità dell’ampio SSD in dotazione, che supera anche quello dei nuovi MacBook Pro, da sempre campioni in questo ambito. MSI GT83VR punta insomma al podio, e ci riesce abbastanza in scioltezza, consentendovi di giocare a qualsiasi titolo vogliate, anche il “mostruoso” Battlefield1, al pieno della risoluzione (in realtà in Battlefield abbiamo giocato addirittura al 200%: qualità massima con super campionamento), con tutti i dettagli al massimo, e senza cali di frame rate. Questo significa che, qualsiasi altro utilizzo abbiate in mente, dal montaggio video, alla grafica 3D, avrete a disposizione potenza da vendere.

Si tratta ovviamente anche di una macchina VR (più che) ready, in cima ai test di Steam, e del resto era ovvio che fosse così, dato l’impiego non di una ma di due delle GPU di punta di NVIDIA. Resta il nostro personale rammarico di non avere un Oculus Rift o un HTC Vive per verificarlo in pratica, ma i benchmark (e la logica) ci dicono che non avremmo avuto alcun problema.

La gestione delle temperature è altrettanto buona: anche dopo una lunga sessione di Battlefield 1 le temperature sui core della CPU sono salite poco oltre gli 80°, mentre sulle GPU si superano appena i 90°, ma è difficile che troviate un gioco in grado di sfruttarle a pieno entrambe (noi non ci siamo riusciti: qualsiasi titolo provassimo, una delle due schede NVIDIA rimaneva sempre al massimo al 20% circa di utilizzo, con temperature mai oltre i 50°, mentre l’altra arrivava al 99%). La scocca è poi sorprendentemente tiepida, tanto da non superare i 30° anche nella parte sopra alle GPU, con la tastiera particolarmente “fredda”, perché collocata più basso.

C’è però uno scotto da pagare: la forte rumorosità delle ventole, praticamente sempre accese. In un gioco denso di effetti sonori ve ne accorgerete di meno, ma camminando per i viali di Los Santos quello sventolio di sottofondo non vi ricorderà affatto quello delle palme, e sarà fastidioso (vedi video-recensione qui sopra), a meno che non giochiate in cuffia.

Nulla da eccepire poi sul fronte audio: potente, corposo e abbastanza personalizzabile con i software inclusi, con un effetto surround non privo di un eccesso di eco, ma senz’altro efficace. L’ascolto in cuffia è comunque da privilegiarsi, sia a causa delle già citate ventole, che per l’alta qualità dello stesso.

8.0

Schermo

msi-gt83vr-3

Il 18,4” full HD impiegato da MSI si lascia piacevolmente guardare. La sua finitura opaca lo rende quasi immune dai riflessi e la luminosità è buona, tanto da non farvi sentire il bisogno di alzarla di più. I neri non sono dei più profondi e nelle scene “all black” si nota che mancano un po’ di intensità, ma almeno la retroilluminazione è spalmata abbastanza bene attorno a tutto il pannello, senza zone eccessivamente più illuminate di altre.

Vivaci in generale i colori, sebbene dotati di uno spettro non dei più ampi (non al 100% sRGB), ma per i giochi è spesso meglio così. Grazie al software in dotazione inoltre, potrete calibrare facilmente i colori in base alle vostre esigenze, oppure affidarvi ai preset presenti, tra i quali non c’è solo la modalità gaming, ma anche quella cinema, ufficio e altre.

6.0

Autonomia

Non terrete a lungo questo GT83VR lontano dalla presa di corrente, ma era praticamente impossibile pretendere il contrario. I benchmark sulla batteria che di solito eseguiamo, GFXBench in particolare, hanno proprio difficoltà nel misurarne i tempi, giusto per farvi capire che giocare lontano dalla presa di corrente non è una buona idea. Mediamente un’oretta non alimentata la farete, ma abbiamo già discusso di come questo sia un portatile solo di nome, ed il fatto di non poter stare troppo lontano dall’alimentazione a muro ne è solo la riprova.

6.0

Prezzo

Il prezzo è “stellare”: 4.999€, tanti da renderlo praticamente fuori mercato, se non per una fetta molto particolare (e ristretta) di utenti. Considerando il solo hardware presente è forse un po’ eccessivo, ma dobbiamo mettere in conto anche i costi di ricerca e sviluppo nel progettare un dispositivo del genere, che è comunque piuttosto inusuale e che impiega un hardware molto moderno ed in parte non ancora maturo. Del resto nessuno si lamenta del prezzo di una Ferrari, e questo GT83VR ha tutti i muscoli necessari a sgommare con altrettanta veemenza.

Foto

Giudizio Finale

MSI GT83VR

9.0

MSI GT83VR

MSI GT83VR è la supercar dei portatili gaming. Uno di quelli dei quali non chiedi il prezzo, ma solo "quanto fa da zero a cento". E lui corre, corre come pochi, pochissimi riescono a fare, grazie alle sue due GTX 1080 (e non solo), che fanno turbinare anche le ventole di raffreddamento per tenerne il passo. Resta un portatile che di fatto portatile non è, con i suoi due gargantueschi alimentatori, e con una scocca ingombrante, ma anche bella da guardare nelle sue linee aggressive. Per pochi, forse per pochissimi, come ogni supercar che si rispetti.

di Nicola Ligas
Pro
  • Hardware al top
  • Prestazioni al top
  • Tastiera meccanica
  • Schermo
Contro
  • Trasportabilità quasi inesistente
  • Autonomia quasi inesistente
  • Prezzo
  • Rumorosità delle ventole
  • in effetti 2 gpu sono un pò troppine per quello che dovrebbe essere un notebook : ne bastava una !

  • Polez

    Mah! Non mi risulta che gli ssd Apple (Intel?) brillassero per performance. :

    • Apple ha sempre brillato per la velocità dei suoi SSD, particolarmente ottimizzata rispetto a buona parte della concorrenza, e questo MSI è al momento l’unica macchina provata che faccia meglio dei nuovi macbook pro

      • Polez

        File System diversi, non ho mai visto un mac ultra veloce, forse questi nuovi m2 fanno sicuramente faville anche su Windows 10. Beh, basta poco a fare la differenza, basterebbe già un raid0, ma anche un 950Pro su S-ataIII. 😉