8.5

Netgear Arlo Q security cam, la recensione (foto e video)

Emanuele Cisotti -




Recensione Netgear Arlo Q

Il mondo della sicurezza smart è ormai esploso e sono tantissime le aziende che si sono lanciate in questo mercato. Fra queste troviamo anche Netgear che con la sua famiglia di prodotti Arlo si è da subito distinta. Oggi proviamo Arlo Q la versione cablata e con più funzioni della famiglia di prodotti di sicurezza Netgear.

Cos’è Arlo Q

Netgear Arlo Q - 3

Arlo Q è una telecamera smart di videosorveglianza. La piccola telecamera permette di riprendere quello che sta succedendo nell’ambiente in cui è stata posizionata e di vedere in tempo reale la situazione da remoto, ovviamente in questo caso da smartphone e tablet. Arlo Q si distingue per l’estrema flessibilità di utilizzo. Potrete infatti posizionarla sostanzialmente ovunque grazie alla sua testa mobile e alla base piatta con supporto per essere fissata sui muri (nella confezione troverete tutto il necessario).

Rispetto a molti altri prodotti visti sin’ora Arlo Q ha a tutti gli effetti l’aspetto di una telecamera di sicurezza e il suo led di stato potrebbe tradire la sua presenza. Se siete preoccupati che un ladro possa identificare e disattivare la telecamera forse fareste meglio a puntare su altri prodotti. Tenete però di conto che potrete anche posizionarla in un luogo difficilmente accessibile e che comunque i video vengono istantaneamente caricati sul cloud Netgear.

Arlo Q é poi dotato di un gran numero di illuminatori ad infrarossi che vi permetteranno di vedere nitidamente la scena anche nel buio più completo anche a molti metri e anche all’esterno (ma ricordatevi che non è impermeabile). Nella confezione è poi presente il lungo cavo collegato all’alimentatore.

L’applicazione

Screenshot Netgear Arlo Q 01Screenshot Netgear Arlo Q 03

L’applicazione gratuita per Android e iOS risulta forse un po’ macchinosa ad un primo utilizzo, ma capito poi dove ritrovare le varie impostazioni ed i vari menù vi sentirete rapidamente “a casa”. La prima cosa che vedrete aprendo l’applicazione è la lista delle telecamere, con l’ultimo fermo immagine che avete visualizzato e l’indicazione se la telecamera è correttamente connessa al Wi-Fi, alla corrente elettrica e se è in modalità di rilevamento di suoni e movimenti. Potrete aggiungere fino ad un massimo di 15 telecamere (5 gratuitamente). Premendo su una telecamera verrà avviato lo streaming live e potrete guardare, ascoltare e anche parlare verso l’ambiente registrato.

Avrete poi una libreria di tutti gli spezzoni registrati sul cloud negli ultimi sette giorni e la possibilità di riguardarli o di scaricarli. Molto comodo il menù con la date che vi permette di saltare rapidamente fra un giorno e l’altro. È però nella sezione Modalità che dovrete spendere un po’ di tempo a configurarlo a piacimento. È possibile semplicemente abilitare o disabilitare il controllo oppure programmarlo in modo dinamico. Potrete scegliere di attivarlo solo in base a degli orari o in base a chi è effettivamente in casa, grazie ad una funzionalità chiamata geofencing. Quest’ultima è particolarmente interessante perché vi permetterà di attivare il controllo solo quando nessuno dei componenti è effettivamente in casa.

Potrete poi anche programmare con modalità differenti sia la programmazione temporale che il geofencing. Potrete infatti creare nuove modalità che possono differire per il tipo di monitoraggio (audio / video), per la sensibilità di attivazione, per il tipo di notifica (app / mail) e anche per zona di monitoraggio. Quest’ultima funzionalità è particolarmente comoda perché vi permetterà di disegnare un’area all’interno dell’inquadratura da analizzare per il movimento, escludendo magari il pavimento dove durante la giornata gironzolerà il vostro gatto.

Come funziona Arlo Q

Arlo Q è capace di registrare ottimi filmati in Full HD con un buon audio e i tempi di connessione allo streaming live sono buoni anche se la telecamera è connessa ad una comune ADSL. Buona anche la velocità di download degli spezzioni video. Quello che più ci ha sorpreso è stata però la precisione con cui Arlo Q ha identificato solo e soltanto i movimenti sospetti, determinando con precisione (con il geofencing) se qualcuno era effettivamente in casa e donandogli la sua privacy. Fra tutti i dispositivi provati è l’unico che non ha mai notificato falsi positivi. Arlo Q fa quindi esattamente quanto promesso.

Considerate che l’attivazione del geofencing sullo smartphone implica un maggiore consumo di batteria durante la giornata. Questa quantità è molto variabile e varia da un 2% fino ad un 20% del consumo totale della batteria.

L’acquisto

Arlo Q è disponibile su Amazon a 208€ un prezzo in linea con la concorrenza, anche se non propriamente economico (sopratutto se ne volete acquistare più di una). Il servizio base permette di conservare sul cloud tutti i video registrati per 7 giorni. Il piano Premier offre 30 giorni di registrazione e fino a 10 videocamere per 8,99€/mese, quello Elite fino a 60 giorni di registrazione e fino a 15 videocamere per 13,99€/mese. Il piano opzionale per la registrazione continuativa dei video costa invece 8,99€ per 14 giorni e 17,99€ per 30 giorni. Sono quindi offerte riservate quasi esclusivamente a brevi periodi di lontananza da casa.

 

Giudizio Finale

Netgear Arlo Q

8.5

Netgear Arlo Q

Arlo Q di Netgear è senza ombra di dubbio la miglior security cam per possibilità di utilizzo e per precisione delle notifiche inviate. Il tema della sicurezza domestica è spesso strettamente dipendente dalle proprie esigenze, ma per molti Arlo Q potrebbe essere la risposta alla propria domanda.

Pro
  • Notifiche molto precise
  • Ottimo rilevamento geolocalizzato
  • Ampiamente configurabile
  • Posizionabile in molti contesti differenti
Contro
  • Per i servizi cloud aggiuntivi ci vuole un abbonamento
  • Si vede che è una telecamera
  • L'app potrebbe essere svecchiata
  • Stee

    Ma quanta banda consuma in upload?
    Nell’introduzione parlavate di videocamera cablata, ma poi l’avete dovuta connettere in wifi… quindi niente ethernet?

    • Niente ethernet, è cablata nel senso che ha bisogno di corrente, mentre le altre Arlo no. Non ho fatto un test sulla banda, ma a casa (dove era installata) ho 1 MB di upload, quindi tanta banda non deve consumare 🙂

  • Andrea Saba

    Proverete Netamo Welcome? Un paragone con questa sarebbe ottima, io sono indeciso tra un sistema di queste Netgear o la prima che ho elencato

      • Andrea Saba

        Oh cavolo, e il bello è che l’ avevo anche vista, segnata anche da YouTube #figuraccia
        Bene, facendo finta di niente, farete una sorta di comparazione ? 😀
        Grazie

        • In realtà su youtube non c’è perché non abbiamo fatto il video. No, non faremo una comparativa, ma se hai dubbi chiedi. Per le security cam la scelta dipende MOLTO dall’esigenza, ma in generale io sceglierei questa di Netgear.

          • Andrea Saba

            Bene lasciamo perdere, mi sono proprio confuso, era solo una menzione in un “2minuti con SmartSorld”… Comunque in realtà io trovo interessantissimo il sistema di riconoscimento della Welcome, però è estremamente utile una gestione di un sistema di telecamere come offre per esempio Netgear con altri componenti aggiuntivi, a conti fatti sembra meno utile la netamo, perché avere una tipica “ehi vedo tizio, si proprio lui che mi hai detto di segnalarti” è interessante anche per filtrare le persone segnalate, ma anche, per ciò che mi serve di più, secondario rispetto ad un sistema coordinato come altri. Sembra molto più interconnesso questo sistema anche per gestire più case e camere