7.9

Nikon Coolpix P900: recensione della bridge che vi porta sulla Luna (foto e video)

Cosimo Alfredo Pina -




Recensione Nikon Coolpix P900

Non più recentissima la Nikon Coolpix P900 ha comunque colto la nostra attenzione per il suo comparto ottico estremo. Questa “compatta” infatti monta uno zoom 24-2000 mm, un 83x che letteralmente la rende una tuttofare. Scoprite se questa fotocamera può fare al caso vostro nella nostra recensione.

7.0

Confezione

Le dimensioni della confezione della Nikon Coolpix P900 ci anticipano già che la compatta di questo concetto ha poco, se non il fatto di offrire obiettivo fisso. Oltre al P900 stessa, all’interno ci troviamo la cinghia a tracolla, caricabatterie e batteria, tappo per l’obiettivo ed il cavo USB-micro USB per alimentazione e trasferimento dati. Completa il tutto il manuale d’uso.

8.0

Costruzione e design

Ad un primo sguardo la Nikon Coolpix P900 sembra una reflex vera e propria. Infatti l’appellativo bridge, ovvero ponte tra compatta e DSLR, è più adatto che mai per questa fotocamera.

Il corpo è generoso ed importante nel peso, fattori palesemente legati dal potente zoom 83x. L’obiettivo in posizione grandangolo protrude poco, ma zoomando fino a 2.000 mm le dimensioni della cam si allungano di 8 cm. Difficile passare inosservati. Due zone zigrinate intorno all’obiettivo aiutano molto il grip, anche se in certi casi l’assenza di una ghiera manuale per lo zoom si fa sentire.

Sempre ai lati dell’obiettivo, a portata di pollice sinistro, c’è una levetta per controllare lo zoom o la messa a fuoco e un pulsante che, quando l’obiettivo non è sui 24 mm, alla pressione allarga temporaneamente l’inquadratura; perfetto per avere una visione di insieme sulle zoomate più spinte.

Sullo stesso lato, il sinistro, c’è il pulsante per far saltare fuori il flash. Su quello opposto troviamo la porta USB, per ricarica e scambio dati, quella mini HDMI e la zona NFC. Sotto invece l’attacco a vite per il cavalletto, decentrato rispetto all’obiettivo, e lo sportello che cela la batteria e lo slot singolo per la scheda SD.

Sul lato superiore iniziamo a trovare i primi comandi veri e propri, ovvero la ghiera per la selezione delle modalità di scatto, un’altra per regolare certi parametri (es. apertura del diaframma in modalità “A”), pulsante Fn (non personalizzabile), quello di accensione/spegnimento e quello di scatto, circondato dalla classica levetta per lo zoom. Oltre a questo i due microfoni stereo.

Sul retro, zona più ricca, trovate il display da 3″ orientabile, il mirino elettronico con regolazione delle diottrie e sensore di prossimità, vari pulsanti, tra cui quello di avvio diretto della registrazione video, oltre che l’altra ghiera.

Nel complesso la costruzione è buona e il peso sbilanciato sul obiettivo è compensato dall’ottima ergonomia data dall’impugnatura pronunciata e dalle gommature della scocca posizionate strategicamente.

Foto Nikon Coolpix P900

8.0

Hardware

  • Sensore: 1/2,3” da 16 megapixel (BSI-CMOS)
  • Obiettivo: 24-2000 mm f/2,8-6,5 equivalenti (83x)
  • Processore d’immagine: Expeed C2
  • Sensibilità: 100-6400 ISO, espandibili a 12.800 (solo bianco e nero)
  • Tempi di scatto: fino a 1/4.000 sec
  • Raffiche: 7 fps
  • Flash: pop-up fino a 11.50 metri
  • LCD: 3” da 921.000 punti, orientabile e mirino elettronico da 921.000 punti
  • Video: fino a full HD (1080p) 60 fps
  • Connettività: Wi-Fi ed NFC
  • Batteria: EN-EL23, 1.850 mAh, 350 scatti dichiarati
  • Peso: 899 grammi

Display e mirino

La Nikon Coolpix P900 è fornita sia di display (non touch) sia di mirino elettronico, tra l’altro fornito di correzione delle diottrie. Questa combo si rivela ottima e permette di scattare anche quando il sole rende difficile la lettura dell’LCD. Peccato per il sensore di prossimità fin troppo sensibile: ci è capitato più volte di doverlo disattivare per poter utilizzare la fotocamera a tracolla ad altezza mezzo busto e display rivolto verso l’alto.

Obiettivo

L’obiettivo è il centro di gravità di questa Nikon Coolpix P900. Infatti è proprio con questo zoom 83x che la fotocamera attira l’attenzione promettendo un’enorme versatilità. Nel mondo fotocamere ad obiettivi intercambiabili coprire tutte queste focali richiederebbe solitamente almeno 2 obiettivi.

Dalla sua quello della P900 ha ovviamente l’escursione e una nitidezza discreta, che però decade sulle focali più lunghe. Buona l’apertura 2,8 a 24 mm, che aiuta quando l’illuminazione scarseggia; allo stesso tempo usare lo zoom quando c’è poca luce è più difficile sia per l’apertura che sale a f/6,5 sia per fattori come il micromosso, anche se in questo la buona stabilizzazione ottica aiuta non poco.

Connettività

La P900, come ogni fotocamera relativamente recente offre la sua app, denominata Wireless Mobile Utility, disponibile sia per Android che per iPhone. Noi abbiamo avuto modo di provare quella per Android, e siamo riusciti a controllare la fotocamera e scaricare gli scatti fatti direttamente da smartphone senza troppi problemi.

Abbiamo avuto invece più problemi (sono stati necessari diversi tentativi) nello scaricare le foto già presenti sulla SD. In compenso potete scegliere di scaricare le immagini anche in “qualità originale”. Il GPS è un discreto plus, soprattutto se avete intenzione di caricare le vostro foto sui social.

Autonomia

L’autonomia dichiarata di questa bridge è di 350 scatti. Utilizzando senza troppe attenzioni lo zoom, componente avara di energia con GPS accesso  e affidandoci perlopiù al display per controllare inquadratura e scatti, siamo riusciti comunque ad ottenere autonomie nell’ordine dei 250-300 scatti.

8.0

Software e performance

Il software della P900 può essere definito piuttosto completo. La navigazione nei menu è veloce e precisa. Diciamo da subito che non c’è modo di scattare in RAW, ma le possibilità creative certo non mancano. Oltre ai classici effetti, come gli immancabili filtri colore, sono presenti molte opzioni di bracketing e raffica, tra cui cui una denominata BSS che sceglierà automaticamente lo scatto migliore.

Una scelta in particolare non c’è però piaciuta, ossia l’impossibilità di impostare l’autoscatto nelle modalità manuali o semi-manuali (M, A, S, P).

In termini di performance, grazie anche alle suddette accortezze software, la P900 si comporta molto bene. Entro i limiti fisici dell’ottica l’autofocus è rapido e preciso, anche quando la luce non è ottimale; in questi casi potete comunque fare affidamento all’illuminatore AF. Interessante il tracking del punto di messa a fuoco, che si attiva con il tasto OK e che proverà a tenere agganciato il soggetto inizialmente al centro dell’inquadratura. Degna di nota la velocità dello zoom non impostabile (a volte risulta troppo lento).

7.5

Foto: qualità d’immagine e sample

La Nikon Coolpix P900 non punta certamente a chi cerca la qualità d’immagine assoluta. Le dimensioni del sensore e la luminosità dell’obiettivo che si riduce velocemente sulle focali più spinte la rendono votata alle situazioni ben illuminate.

In compenso il processore Expeed C2 fa un ottimo lavoro nella gestione del colore e nel calcolo dell’esposizione, restituendo foto fedeli e favorendo le ombre nei controluce. Buona anche la gestione del rumore, almeno fino al valore di 800 ISO oltre il quale la qualità decade vistosamente. A seguire una galleria con alcuni scatti (leggermente compressi) che abbiamo realizzato con questa P900. Se volete sperimentare con questi file vi lasciamo con link ai sample originali (zip da 207 MB).

7.5

Video: qualità e sample

Questa Nikon, proprio per il suo zoom, ben si presta a fungere anche da videocamera. In termini di risoluzione si arriva al full HD a 60 fps mentre i concetti espressi nel precedente sono validi anche per i video.

La doppia stabilizzazione (ottica ed elettronica), oltre che il buon autofocus sono dei fattori che rendono ancor più piacevole girare video, anche di soggetti lontani. Inoltre il microfono stereo con funzione “zoom” funziona bene ed il rumore del motore dello zoom è piuttosto contenuto. In città però motori e sottofondo sono forse un po’ troppo presenti.

8.0

Prezzo

Nikon Coolpix P900 viene proposta dai vari store online a circa 600€. Un prezzo non basso per una compatta, ma che va rapportato alla sua polivalenza e soprattutto al suo generoso comparto ottico. Il bonus dei buoni video che si riesce ad ottenere con la fotocamera, rende ancora più interessante l’offerta della P900.

Acquisto

Nikon Coolpix P900 la si trova facilmente nei principali shop online e nei siti delle catene di elettronica. A seguire i link ad Amazon ed ePRICE.

Giudizio Finale

Nikon Coolpix P900

7.9

Nikon Coolpix P900

La Nikon Coolpix P900 con il suo zoom 83x porta le vostre inquadrature dove nessun smartphone e pochi corredi fotografici possono farlo. La qualità d’immagine non è sempre al top così come la portabilità, ma in rapporto al prezzo la P900 offre un pacchetto decisamente tuttofare. Perfetta per chi vuole viaggiare senza troppi pensieri o da affiancare ad un'altra fotocamera con focali più standard.

di Cosimo Alfredo Pina
Pro
  • Ottica tuttofare, dal grandangolo al supertele
  • Autofocus rapido e preciso
  • Stabilizzazione efficace
Contro
  • Qualità non sempre al top
  • Ingombro e peso non per tutti