8.0

Nintendo Switch Pro Controller, la recensione (foto e video)

Lorenzo Delli -




Recensione Nintendo Switch Pro Controller

Nintendo Switch è un prodotto particolare. I due Joy-Con permettono di giocare comodamente in configurazione tablet o nelle modalitàtavolo” e dock grazie al Joy-Con Grip, un sostegno in plastica che trasforma i due mini-controller in un più classico pad da console domestica. Non a tutti però può piacere il feeling del Grip, ecco perché sin dall’uscita della console era disponibile Nintendo Switch Pro Controller. Andiamo a scoprire insieme di che pasta è fatto!

7.5

Confezione

La confezione di Nintendo Switch Pro Controller non riserva grandi sorprese. Oltre al controller troviamo un cavo USB Type-C per la ricarica e la manualistica del caso. Non che servisse altro, intendiamoci.

Recensione Pro Controller – Confezione di vendita e il suo contenuto.

9.0

Costruzione e comodità

Pro Controller, a differenza del Joy-Con Grip, assume le forme di un più classico controller dedicato a console domestiche. Le levette analogiche utilizzano il medesimo assetto dei due Joy-Con, sfasate quindi sulla falsa riga quindi del controller Xbox e non di quello PlayStation. Troviamo poi la classica croce direzionale, i pulsante A, B, X, Y e altri quattro pulsanti: uno per tornare alla home, quello dedicato agli screenshot e i due pulsanti + e – per i menu di gioco. In definitiva avrete a disposizione tutti i pulsanti in dotazione ai classici Joy-Con. Sulla parte frontale troviamo gli altrettanto classici pulsanti dorsali più un altro pulsante da premere in caso di perdita di sincronizzazione del controller. Durante le nostre sessioni di gioco non abbiamo mai avuto la necessità di usarlo.

Recensione Pro Controller – Ottimo il feedback dei pulsanti, un po’ corta la corsa dei pulsanti dorsali.

Il controller pesa 249 grammi e risulta perfettamente bilanciato in mano. Il peso è concentrato maggiormente sulla parte frontale, facendo sì che l’impugnatura risulti il più naturale possibile. Per aumentare il grip, Nintendo ha rivestito le due estremità di plastica gommata non liscia, diversa dalla plastica utilizzata per le altre superfici del dispositivo. Ottimo il feedback di praticamente tutti i pulsanti. La croce direzionale è particolarmente solida, la corsa dei pulsanti dorsali non è particolarmente lunga, ma il feedback è migliore di quello offerto dai Joy-Con. Le dimensioni non sono poi così diverse da quelle di un Grip con i due Joy-Con inseriti. Gli spazi però sono sfruttati in maniera più ottimale, visto che i quattro pulsanti di azione sono leggermente spostati sulla destra. A fare la differenza sono anche il peso complessivo e le estremità, più ergonomiche del Grip in dotazione con la console.

  • Dimensioni: 106 x 152 x 60 mm
  • Peso: 249 g
  • Connettività: Bluetooth 3.0, NFC (per gli Amiibo). USB Type-C (ricarica)
  • Sensori: accelerometro, giroscopio, Rumble HD
  • Batteria: 1.300 mAh
  • Autonomia: 40 ore circa (dipende dall’utilizzo)
  • Tempo di ricarica completa: 6 ore (collegata alla dock)

Non mancano poi tutti i sensori del caso, compreso accelerometro, giroscopiofeedback aptico e l’NFC per l’utilizzo degli amiibo. L’unico vero difetto del controller è l’assenza di un jack audio dedicato, presenza fissa sugli ultimi controller prodotti da Sony e Microsoft per le rispettive console. Chi acquista Pro Controller lo fa per godersi Switch in modalità dock soprattutto, e un jack audio avrebbe davvero fatto comodo. Assente anche uno speaker sulla falsa riga del DualShock di Sony. Concludiamo segnalando la presenza di 5 led, uno che indica la ricarica del dispositivo a fianco del pulsante per la sincronizzazione, gli altri quattro per indicare il numero giocatore che ci è stato assegnato.

9.0

Prestazioni e autonomia

Per quanto riguarda le prestazioni c’è ben poco da dire. Il controller si comporta egregiamente in praticamente ogni occasione. Lo abbiamo usato ampiamente con The Legend of Zelda: Breath of the Wild, Super Bomberman R e LEGO City Undercover con la console in varie configurazioni, non riscontrando mai problemi di alcun genere. Già in occasione della recensione di Nintendo Switch ve lo avevamo mostrato in azione più volte.

Recensione Pro Controller – Le estremità in plastica gommata garantiscono una presa salda.

Ottima l’autonomia: sulla carta garantisce 40 ore, anche se ovviamente dipende dall’utilizzo che ne fate. Si tratta di una classica batteria al litio da 1.300 mAh. La ricarica, in caso colleghiate il controller alla dock, è ovviamente più lenta. Potete anche sfruttare l’alimentatore in dotazione con la Switch.

6.5

Prezzo

Il prezzo di listino, a nostro avviso, è forse un po’ troppo elevato. I controller aggiuntivi dedicati a Xbox e PlayStation possono essere acquistati a cifre che si aggirano intorno ai 50€. Pro Controller richiede ben 20€ in più (69,99€ per la precisione). È vero, prestazioni e costruzione sono a dir poco ottimi, e non mancano sensori aggiuntivi quali giroscopio e accelerometro, ma stiamo pur sempre parlando di un controller aggiuntivo tra l’altro privo di jack audio.

Acquisto

Potete acquistare Nintendo Switch Pro Controller su ePRICE al prezzo di listino, pari a 69,99€.

Foto

Giudizio Finale

Nintendo Switch Pro Controller

8.0

Nintendo Switch Pro Controller

Il Pro Controller dedicato a Nintendo Switch è un ottimo prodotto con soli due grandi difetti: l'assenza di un jack audio e un prezzo forse un po' troppo elevato. Bisogna però ammettere che, anche grazie alla dotazione di sensori, riesce a sostituire alla perfezione i Joy-Con, offrendovi una valida alternativa a questi ultimi o uno strumento per godersi al meglio Switch comodamente seduti sul divano di salotto. Difficile quindi non consigliarne l'acquisto, considerato anche che il costo di una coppia di Joy-Con aggiuntivi più un Joy-Con Grip viene attualmente a costarvi quasi 100€.

di Lorenzo Delli
Pro
  • Perfettamente bilanciato
  • Ergonomico al punto giusto
  • Tutti i sensori del caso, compreso l'NFC
  • Buona autonomia
Contro
  • Manca il jack audio
  • Prezzo un tantino elevato
  • Pakisan

    È possibile collegarlo a un Android?

    • Tecnicamente sì, è Bluetooth (anche i Joy-Con possono essere collegati ad Android). Però c’è un sacco di latenza.