8.5

Recensione Acer Revo Cube RN76: un mini PC nemmeno troppo “mini” ma molto determinato (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Acer Revo Cube

Acer Revo Cube è un mini PC. Che poi tanto mini non è, ma questo è un bene, perché significa espandibilità. Acer Revo Cube è un po’ “tozzo”, ma ha anche tante porte, e volendo pure la ricarica induttiva. Acer Revo Cube non è un centometrista, ma un maratoneta. Acer Revo Cube è fatto come si deve, e ora vediamo perché.

9.0

Confezione

Acer ha fatto una cosa non comune nel mercato dei mini PC: ha incluso tastiera e mouse all’interno della confezione. Revo Cube è insomma un prodotto completo, pronto all’uso. L’unica cosa che manca è un monitor, ma pretendere anche quello sarebbe stato troppo. (A quel punto tanto vale farsi un all-in-one.) Non mancano invece cavo HDMI e DisplayPort, giusto per avere tutto l’occorrente alla connessione, oltre ovviamente all’alimentatore.

Chiariamo che parliamo di tastiera e mouse così basilari che non ha nemmeno un senso provare a dar loro un voto. I tasti hanno una corsa molto ampia, flettono sensibilmente ai bordi ed hanno un feddback scarso. La tastiera non è retroilluminata, ed ha anche troppi controlli assieme ai tasti funzione, tanto che rischiano di essere un po’ confusionari. C’è anche il tastierino numerico, ma questo al prezzo di collassare page up/down e inizio/fine sulle frecce direzionali. Il mouse ha clic destro, sinistro e centrale sulla rotellina, dalla quale filtra chiaramente la luce rossa del sensore posto sotto. Non sono sicuro se sia un bug o una feature.

Realizzati interamente in plastica, entrambi cablati, vanno così ad occupare 2 delle 3 porte USB del Revo Cube. Insomma, forse nemmeno acer stessa pensa che li utilizzerete a lungo, ma in caso di necessità sono lì, e per l’utente con zero pretese possono anche bastare.

Da notare che in confezione è presenta anche la placca VESA per agganciare il Revo Cube ad un monitor, e trasformarlo così in un all-in-one. Non tornerà utile a tutti, ma è un altro segno di quanto sia stato ben pensato.

7.5

Hardware e benchmark

Al momento ci sono 5 SKU diversi di Revo Cube sul sito di Acer. La differenza principale riguarda il processore: Celeron o Core -i3. La RAM è di base a 4 GB, mentre sul fronte storage abbiamo due opzioni: SSD da 64 GB o HDD da 500 GB. Noi abbiamo provato il seguente modello:

  • CPU: Intel Celeron 3865U
  • GPU: Intel HD Graphics 610
  • RAM: 4 GB DDR4
  • Memoria interna: 64GB SSD SATA
  • Connettività wireless: Wi-Fi ac (2,4 e 5 GHz), Bluetooth 4.1
  • Porte: 3x USB 3.0, HDMI, mini DisplayPort, USB type-C, Gigabit Ethernet, jack audio
  • OS: Windows 10 Home

Il Core i3-7130U avrebbe senz’altro offerte una spinta in più. Proprio per questo motivo non abbiamo voluto rinunciare all’SSD, per lasciarvi un po’ più margine di I/O e non ritrovarci davvero con il modello più basilare. Si è rivelata una scelta vincente, perché in certi contesti questo Revo Cube è “perfetto”. Per capire come mai, e quali siano questi contesti, vediamo qualche benchmark comparativo.

  Acer Revo Cube Minix Neo Z83-4 Pro Chuwi Surbook
PCMark 10 1.303 774  1.004
GeekBench single-core 2.190 1.440  1.560
GeekBench multi-core 3.650 4.250  4.500
GeekBench GPU 10.700 7.650  11.400
Crystal Disk lettura 372 155  300
Crystal Disk scrittura 151 108  85

Per capire questi risultati, dobbiamo ricordarvi che il mini PC di Minix (qui la recensione) utilizza un Pentium N4200 quad-core, mentre il Surbook (qui la recensione) impiega un Celeron N3450, sempre quad-core. Il vantaggio del primo è però in una maggiore frequenza di clock, e questo si vede. In generale infatti i benchmark lo premiano, ed è solo GeekBench che lascia intuire perché, evidenziando la disparità fra i test single-core e quelli multi-core. Non è un gran male però, perché i mini PC non sono certo pensati per il multitasking spinto.

Il consiglio quindi è, a maggior ragione: “fate una cosa alla volta“, e la farete probabilmente meglio che altrove. Questo anche perché l’SSD vi aiuta, con una velocità superiore alle eMMC utilizzate dai concorrenti qui sopra, ma anche ad un tradizionale disco meccanico. Vi sconsigliamo infatti l’abbinata Celeron+HDD, anche perché lo spazio di storage è facilmente espandibile (idem dicasi per la RAM), grazie ad un slot SATA libero, dove potrete alloggiare un nuovo disco in caso di necessità, senza andare ad intaccare quello originario. Basta svitare le quattro viti sul fondo di Acer Revo, ed il gioco è fatto: non dovrete nemmeno collegare cavi extra.

Nota a margine: La ricarica wireless Qi sulla parte superiore, che potete trovare sul sito Acer, non è presente in nessuno degli SKU in vendita in Italia.

8.5

Esperienza d'uso

Acer Revo Cube sa fare bene il suo mestiere. La navigazione, anche con Chrome, che è notoriamente pesante, procede liscia come l’olio fino a circa 5 tab. Andando oltre il contenuto dei tab stessi inizia ad influenzare l’esperienza. Abbiamo tenuto 3 video player in riproduzione simultanea (il nostro, quello di Gazzetta.it, e YouTube in 4K), ed il sistema ce la faceva a malapena. Nessun problema invece nel riprodurre soltanto YouTube, anche in 4K. Lasciando da parte i contenuti multimediali, potete arrivare fino a circa 10 tab con relativa tranquillità. Non è solo un fatto di processore, ma anche di RAM, che magari vorrete espandere se aveste bisogno di qualcosa di più.

Bene Netflix, o Prime Video: riproduzione fluida sia tramite browser che con l’app di Netflix. Playback e skip avanti e indietro non sono un problema. A volte sono un po’ lenti i caricamenti, anche se non è sempre facile capire se la colpa sia del sistema o dei servizi in questione, che anche su macchine ben più potenti non sono sempre impeccabili in questo senso.

Bene anche la riproduzione video in generale. Siamo riusciti a vedere qualche perdita di frame solo con un 4K HEVC a 140 Mbps, ma giusto all’inizio. Vengono riprodotti anche contenuti in HDR senza problemi, ed anche 4K in VP9, sempre senza perdita di fluidità. Acer Revo Cube è insomma il prototipo del box multimediale, che vi darà soddisfazioni anche in tal senso.

Potete “giochicchiarci” un po’, ma ovviamente nulla di che. Se avete un top di gamma Android o iOS, probabilmente godrete di una grafica migliore. Questo non significa che non possiate fare una corsa con Asphalt Extreme o simili. Non è certo una macchina da gioco, al più da svago.

Personalmente l’ho usato anche per scrivere, sia su Word che Excel, ed i corrispettivi sul cloud di Google. Nulla di particolare da segnalare, anche se non stiamo parlando di file particolarmente elaborati. I PDF un po’ più complessi, magari con molte firme digitali, possono invece diventare un po’ difficili da gestire.

Revo Cube è un muletto. Non conosce throttling, anche con stress test prolungati, e le temperature sono sempre sotto scacco. Ovviamente non è un sistema fulmineo, ma un maratoneta. Però potrete tenerlo anche sempre acceso, praticamente senza pensieri.

Non sarà il più discreto dei mini PC, con i suoi quasi 12 cm di altezza, però è costruito bene, con il profilo in metallo e la parte superiore lucida. Non dovrebbe essere un problema trovargli una buona collocazione, e sul davanti avrete anche una porta USB Type-A per la ricarica, una Type-C future proof ed un jack audio. Se penso al target ideale, mi vengono in mente i miei genitori, ovvero l’utente che ad un PC chiede solo di navigare, vedere film, ascoltare musica e poco altro. Questo Revo Cube lo fa bene, anche meglio di tanta concorrenza che abbiamo provato.

7.5

Prezzo

Il prezzo di listino dell’Acer Revo Cube in prova è di 329€. È a questa cifra che lo troverete da Amazon, ma ci sono offerte più interessanti, come quella di Monclick (282€). Tutto considerato è una buona cifra, ma valutate anche la versione i3, in particolare con SSD. Peccato che quest’ultimo al momento sembri introvabile, ma le cose dovrebbero cambiare col tempo.

Foto

Giudizio Finale

Acer Revo Cube

8.5

Acer Revo Cube

Acer Revo Cube è un mini PC che non si fa impensierire. Navigazione? Ok. Multimedia? Ok. Lavoro d'ufficio? Ok. Relax? Ok. Certo, ciascuno di questi ambiti ha i suoi limiti, ma nessuna criticità, e questo non è scontato. Se volete il prototipo del mini PC, che faccia un po' di tutto, senza farvi spendere troppo, l'avete trovato. Magari non sarà il sogno di voi giovani nerd, ma i vostri genitori apprezzeranno senz'altro.

di Nicola Ligas
Pro
  • Confezione completa
  • Se la cava anche con video in 4K
  • Espandibile con facilità
  • Non ha lacune critiche
Contro
  • Non adatto al multitasking
  • Con 64GB lo spazio finisce velocemente
  • Tastiera e mouse basilari a dir poco
  • Un po' tozzo