8.5

ASUS ROG SWIFT PG348Q, la recensione del monitor da 34” gaming 21:9 (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione ASUS ROG SWIFT PG348Q

Abbiamo recentemente recensito un monitor, proprio di ASUS, dedicato ai professionisti dell’immagine, ma siccome “mestieri” diversi richiedono tool diversi, ecco che ora parliamo di un altro monitor, sempre di fascia molto alta, pensato per i videogiocatori più esigenti, tanto da ricadere sotto il brand ROG.

7.0

Confezione

Nella confezione del monitor non troviamo granché, eccezion fatta per la sua base d’appoggio molto particolare e aggressiva, costituita da tre aste di lunghezza diversa, che all’apparenza possono sembrare poco stabili, ma che in realtà si rivelano molto più efficaci di una classica base squadrata nel garantire stabilità al monitor, anche se qualcuno facesse un po’ traballare la scrivania su cui è appoggiato. Qualche cavo in più però non ci sarebbe dispiaciuto.

8.5

Costruzione

ASUS PG348Q non può passare inosservato, sia per le dimensioni considerevoli (34 pollici curvo), sia perché ASUS ha fatto di tutto per farlo notare. Il design è aggressivo anche nella parte posteriore, piena di “pattern tecnologici”, e la base stessa è di quelle che non passano inosservate. La ciliegina sulla torta è il logo ROG proiettato sulla scrivania quando il monitor è acceso. A dirla tutta, quest’ultimo poteva essere più curato, ed osservandolo da vicino ci si accorge che è solo l’effetto prodotto da una sorta di lampada rossa incastonata nella base, ma l’effetto è comunque scenico.

Il monitor è regolabile in altezza con una buona corsa (115 mm), lo potrete lievemente inclinare lateralmente (5°), ed anche verso di voi, con discreta angolazione (circa 50°). Il meccanismo che permette tutti questi movimenti è comunque solido ed ancora bene il monitor nella posizione prescelta.

ASUS ROG SWIFT PG348Q -1

Gli speaker inclusi non ci hanno invece elettrizzato, e forse ASUS poteva del tutto risparmiarseli perché difficilmente soddisferanno le esigenze dei gamer e non, mentre invece sono gradite le numerose porte presenti sul retro, che potrete coprire con un opportuno sportellino in perfetta tinta col resto della “scocca”. Abbiamo 4 USB 3.0, una HDMI 2.0, una DisplayPort 1.2. Non ci hanno entusiasmato nemmeno in questo caso i pulsanti posti sul retro, che però sono più grandi e meglio allineati con i simboli posti sul fianco, rispetto ad altri monitor ASUS.

9.0

Qualità e comodità

Il formato 21:9 scelto da ASUS si presta particolarmente all’uso con giochi in cui il campo visivo rivesta un ruolo chiave, ovvero FPS ed altri action. 3.440 x 1.440 pixel è poi un risoluzione molto elevata, che richiede quindi un PC di un certo calibro per essere gestita correttamente.

La curvatura dello schermo, ben visibile e pronunciata, assicura che la distanza dagli occhi rimanga la stessa anche per gli elementi ai lati dello schermo stesso, garantendo un più rapido colpo d’occhio; o almeno così dice ASUS. La realtà dei fatti è che il monitor curvo lo si apprezza davvero solo nei giochi più calmi e nei film, perché quando l’azione è concitata la vostra attenzione sarà focalizzata al centro. Inoltre la curvatura favorisce un po’ i riflessi, ostacolati però dall’opacità del pannello, che risulta molto visibile anche ad angolature pronunciate, essendo un IPS.

Sono supportate tutte le moderne tecnologie che i giocatori esigenti vorrebbero: G-Sync per eliminare lo screen tearing, riducendo i ritardi di visualizzazione e le imperfezioni in particolare nei titoli più movimentati; refresh di 100 Hz (via DisplayPort) con switch in tempo reale tra 60/100, in modo da scegliere la frequenza in base al gioco; tecnologia flicker-free per ridurre lo sfarfallio e quindi l’affaticamento degli occhi.

Non manca la calibrazione del colore in base ad alcuni scenari preimpostati, tra cui FPS, RTS, per giochi di corse; ma anche cinema, paesaggio ed sRGB, per contenuti non prettamente ludici, che risultano comunque estremamente godibili..

ASUS ha poi aggiunto alcuni extra, facilmente raggiungibili con la semplice pressione di uno dei pulsanti sul retro: il conteggio del framerate, visualizzato in alto a destra; un timer preimpostato su alcuni valori, visualizzato in alto a sinistra; ed infine anche un crosshair, che comparirà al centro dello schermo e la cui forma potrete scegliere tra 4 predefinite, casomai aveste bisogno di un mirino fisso.

ASUS ROG SWIFT PG348Q -6

Non manca nemmeno il filtro luce blu, sempre più un must-have di questi tempi, regolabile su quattro livelli: fa il suo dovere, anche se nemmeno al livello massimo ci è sembrato così intenso come avremmo pensato; in ogni caso il suo impiego è molto soggettivo ed esula dal fattore gaming, ed è bene che l’opzione ci sia.

ASUS ha insomma fatto i compiti a casa, promettendo anche tempi di risposta nell’ordine dei 5 millisecondi. Forse i giocatori più esigenti avrebbero sperato in una frequenza di refresh ancora superiore, e lo switch di quest’ultima non è sempre impeccabile (a volte ci sono apparenti freeze di qualche secondo e non è comunque una modalità sempre disponibile), ma nel complesso giocare sul e guardare il PG348Q è sempre un piacere. Non aspettatevi però colori “sparati”.

7.5

Prezzo

Il prezzo di listino è di 1.318€ nel momento in cui vi stiamo scrivendo. Cifra senz’altro elevata ma in linea con il tipo di prodotto e la concorrenza. Per fortuna su Amazon è già sceso un po’ ed ePRICE ha fatto ancora meglio.

Foto

Giudizio Finale

ASUS ROG SWIFT PG348Q

8.5

ASUS ROG SWIFT PG348Q

ASUS ROG SWIFT PG348Q è un monitor gaming che non passa inosservato. L'ampia curvatura lo fa sembrare ancora più grande di quanto non sia, e grazie al formato panoramico da 21:9 vi sembrerà di avere due schermi affiancati. Il refresh a 100Hz è un must-have per i giochi più frenetici, ed il design in generale ha quel che basta per distinguerlo dalla massa, e non tradire la sua natura da gioco, ma non per questo sarà meno piacevole guardare un film sui suoi ampi 34'' di diagonale (se chiuderete un occhio sull'audio di scarsa qualità).

Pro
  • 100 Hz di refresh
  • Formato ottimo per FPS
  • Curvatura pronunciata e godibile
  • Base d'appoggio sicura
Contro
  • Richiede un PC potente
  • Prezzo
  • Speaker
  • A volte un po' lento nel cambio modalità