8.3

Recensione Sony DSC-HX90, fotocamera tascabile con zoom 30x

Cosimo Alfredo Pina -




Recensione Sony DSC-HX90

Sony DSC-HX90 è una fotocamera che ci ha abbastanza stupiti per quello che riesce ad offrire occupando così poco spazio in mano e soprattutto in tasca. Se state valutando una compatta con un bello zoom (30x in questo caso) e che non rinunci ai comandi manuali, continuate pure a leggere.

7.0

Confezione

La confezione è di quelle più classiche della categoria. Al suo interno ovviamente la fotocamera accompagnata da ricca manualistica, batteria, alimentatore e relativo cavo USB, laccio per assicurare la fotocamera al polso.

8.5

Costruzione

Il design della Sony DSC-HX90 è ripreso espressamente dall’apprezzatissima RX-100, la compatta top gamma della casa giapponese. Il design è moderno e i comandi sono stati scalati proporzionalmente alle piccole dimensioni. Sta sul palmo della mano in qualsiasi modo la si orienti e anche lo spessore è contenuto. Non la potrete mettere nella tasca dei jeans, ma entrerà senza problemi in quella di una giacca, un cappotto e, ovviamente, dentro una borsa. Il peso non affatica mai.

Sul lato superiore, si trova la ghiera per la selezione della modalità di scatto (10 in tutto), il pulsante di scatto, corredato di levetta per controllare lo zoom, pulsante di accensione e switch per far uscire il flash, anche questo appunto sul lato superiore al centro, di fianco al mirino elettronico (richiuso) che si trova all’estrema destra.

Sul lato destro la levetta che fa scattare fuori il mirino elettronico e il simbolo dell’NFC. Qui si può poggiare uno smartphone con questa tecnologia per avviare subito controllo remoto e trasferimento file. Sul lato opposto, a sinistra, il connettore microUSB, per ricarica e trasferimento file.

Sotto invece il connettore micro HDMI, il vano che contiene batteria e scheda SD (full size) e l’immancabile attacco a vite per il cavalletto. Dietro il generoso, rispetto alle dimensioni della macchina, schermo LCD da 3”, ribaltabile fino 180° (ottimo per selfie ed inquadrature sopra la testa). Di fianco a questo diversi pulsanti, di cui uno dedicato alla registrazione video, e una ghiera.

Di fronte ovviamente l’obiettivo, circondato da una comodissima ghiera che può essere usata, in base alla modalità di scatto e alle impostazioni dell’utente, per cambiare parametri di scatto, per lo zoom o la messa a fuoco. Tutto molto comodo, ma tenete a mente che chi ha mani grandi avrà difficoltà a premere i tasti senza prendere bene la mira. Ci teniamo inoltre a far notare che la fotocamera non è in alcun modo certificata per resistere a polvere o acqua.

Foto Sony DSC-HX90

8.0

Hardware

La Sony DSC-HX90 è una fotocamera che punta tutto sulla portabilità, eppure nonostante questo ricorda in molti aspetti una compatta bridge superzoom, con un obiettivo con zoom generoso e tutti i comandi adatti ad accontentare anche chi cerca il massimo controllo. Prima di entrare nel dettaglio diamo però un’occhiata cosa si nasconde dentro questo piccolo corpo, con una panoramica sulle principali caratteristiche tecniche.

  • Sensore: 1/2,3″ BSI-CMOS 18,2 megapixel
  • Obiettivo: 24–720 mm f/3,5–6,4 (30x)
  • Processore d’immagine: Bionz X
  • Sensibilità: 80-12.800 ISO
  • Tempi di scatto: 30 sec-1/2.000 sec
  • Raffiche: fino a 10 fps (massimo 10 scatti)
  • Flash: fino a 5,4 metri
  • LCD: 3″ 921.000 punti ribaltabile fino a 180°
  • Mirino: elettronico 638.400 punti
  • Video: fino a 1080p a 30 fps (AVCHD, XAVC S fino a 50 Mbps)
  • Connettività: Wi-Fi, NFC,
  • Batteria: 1.240 mAh, fino a 390 scatti / 195 minuti dichiarati
  • Dimensioni: 102,0 x 58,1 x 35,5 mm
  • Peso: 245 g

Display e mirino elettronico

Il display della fotocamera è più che sufficiente per accederne alle sue funzioni e vedere al volo se uno scatto è riuscito. Manca il touch, ma in questa fotocamera è un vantaggio, le piccole dimensioni porterebbero fin troppo spesso a pressioni accidentali.

Purtroppo la luminosità mostra dei limiti; il giorno potreste avere difficoltà, anche aumentando dal valore di default (cosa che poi consumerà la batteria più rapidamente). Il mirino elettronico aiuta in questi casi ed inoltre vi permette di essere più discreti in ambienti poco luminosi, permettendo di tenere spento il display.

Per farlo uscire si deve tirare l’apposita levetta e poi estrarlo completamente; un passaggio in due step. Così come la DSC-HX90 è piccola, anche il mirino lo è. Chi porta gli occhiali farà fatica ad usarlo senza toglierli (è presente il correttore di diottrie) ma bisogna ammettere che Sony è stata brava ad inserire anche questo componente.

Obiettivo

Può sembrare strano ma dentro alla DSC-HX90 c’è uno zoom ottico 30x, un equivalente 24-720 mm f/3,5-6,4. Purtroppo la luminosità è sotto tono, ma in buone condizioni di luce risulta nitido. La zoomata è fluida e veloce (anche troppo con se si aumenta quella di default dalle impostazioni), ma un po’ rumorosa cosa che si fa sentire nei video. In compenso il sistema di stabilizzazione a cinque assi è ottimo, aiuta molto a manovrare e tenere stabile l’inquadratura quando andiamo sul tele spinto.

Connettività

YI DIGITAL CAMERA

Ottimo il comparto connettività di questa fotocamera con Wi-Fi (WPS) ed NFC. Accoppiare uno smartphone è un attimo. Basta infatti scaricare l’app Play Memories sul proprio dispositivo e avvicinarlo alla fotocamera (alternativamente si ricorre alla procedura manuale) per instaurare un collegamento Wi-Fi che permette di controllare la fotocamera o di scaricare le foto. Per avere anche il GPS si deve passare al modello DSC-HX90V, più costoso.

Autonomia

Con la batteria di questa DSC-HX90 siamo riusciti a tirare fuori mediamente 200 scatti abbondanti (circa 100 minuti di ripresa), alternando display e mirino elettronico, ma prediligendo il primo. Per una giornata intensa potreste dover ricorrere ad una batteria aggiuntiva. In compenso sappiate che la fotocamera si può usarla quando è alimentata, volendo anche da un power bank.

8.5

Software e performance (interfaccia, autofocus, raffiche…)

YI DIGITAL CAMERA

Il software a bordo della DSC-HX90 è piuttosto completo e abbastanza articolato. I comandi principali, come parametri di scatto (ISO, esposizione, filtri creativi), modalità di misurazione dell’esposizione o flash, sono tutti raggiungibili al volo con l’uso combinato dei pulsanti posteriori e la ghiera posteriore.

Il resto si trova tutto nei menu:

  • Impostazioni di scatto: qualità, bracketing, ISO, HDR, rilevamento volti…
  • Parametri fotocamera: velocità zoom, passaggio automatico tra mirino e display, assegnazione funzioni ai singoli tasti…
  • Connettività: per impostare Wi-Fi e casting
  • App: dove potrete scaricare (previo login con account Sony) funzioni aggiuntive, come un particolare filtro bellezza
  • Riproduzione: modo di visione, rotazione automatica, protezione immagini
  • Impostazioni di sistema: luminosità monitor, lingua, suoni…

La navigazione non è subito immediata e ci si mette un po’ a memorizzare la posizione delle varie funzioni. Però a rendere il tutto più facile, anche per chi è alle prime armi, è il pulsante “?” che di default permette di visualizzare una breve guida sulla funzione evidenziata selezionata.

In termini di performance l’interfaccia della fotocamera è reattiva, e anche nelle normali operazioni si comporta bene. L’autofocus, automatico, a singolo punto o con riconoscimento facciale, è rapido e preciso, anche quando la luce scarseggia (salvo condizioni estreme), ma purtroppo quello continuo funziona solo durante la ripresa video. Ottimo il peak focusing (la funzione che evidenzia dove l’immagine è a fuoco) con la modalità manuale.

Presenti ovviamente le raffiche che tra l’altro raggiungono i 10 fps, ma solo per 10 scatti.

7.5

Foto: qualità d’immagine e sample

Il sensore di questa DSC-HX90 è un BSI-CMOS da 18,2 megapixel, nel classico formato della compatta entry level, ossia il 1/2,3”. Affiancato a questo c’è un processore d’immagine Bionz X, che in effetti aiuta a spremere a pieno il piccolo sensore.

Sul campo la DSC-HX90 si comporta sul campo mediamente più che bene, restituendo buoni JPEG fedeli nei colori e nitidi, quando la luce non manca. Purtroppo la sera o al chiuso i limiti di sensore e diaframma si fanno sentire e sebbene gli ISO si spingano fino a ben 12.800, già ad 800 ISO la riduzione del rumore è aggressiva, anche nella modalità che utilizza più scatti.

Inoltre anche la gamma non è sempre al top. Anche con DRO (Dynamic Range Optimization) od HDR attivi potrebbe essere necessario nelle condizioni con estreme variazioni di luce ricorrere a bracketing e post produzione.

Conoscendo i suoi limiti e non puntando a stampe di grandi dimensioni, la DSC-HX90 si è però rivelata una piacevole sorpresa come compagna quotidiana di scatti. La vediamo molto bene nelle tasche di chi viaggia molto e cerca un ottimo compromesso tra ingombro, qualità di immagine e libertà creativa.

Nota assolutamente negativa, compensata in parte da JPEG piuttosto malleabili in post-produzione, è l’assenza del formato RAW. A seguire una galleria con alcuni sample non ritoccati. Quelli qui sotto sono leggermente compressi ma rendono benissimo l’idea; ad ogni modo vi lasciamo un link ad un archivio con i file originali.

7.5

Video: qualità e sample

Relativamente alla categoria ottimo il comparto video se non si cerca il 4K. Lo stabilizzatore aiuta molto e i risultati sempre soddisfacenti, soprattutto per le riprese in diurno. La qualità massima offerta è 1080p a 60 fps, in MP4, AVCHD o XAVC S HD. Attenzione per usare quest’ultimo vi servirà una SD di adeguata velocità (Classe 10/UHS-1).

Cose però da tenere a mente sono lo zoom che, come indicato sopra, essendo motorizzato risulta un po’ rumoroso e l’assenza di jack e slitta per microfoni esterni. Fatevi un’idea con il sample qui sotto.

8.0

Prezzo ed acquisto

La Sony DSC-HX90 la trovate facilmente online, ad esempio su Amazon ed ePRICE la trovate sui 375€. Il prezzo non è certo da compattina, vicino piuttosto a quello di una reflex entry level, ma commisurato a quello che offre, ovvero tante funzioni e qualità discreta in un corpo molto compatto. In commercio trovate anche la Sony DSC-HX90V, che in più ha solo il GPS ma costa un po’ di più, 420€ abbondanti.

Giudizio Finale

Sony DSC-HX90

8.3

Sony DSC-HX90

La Sony DSC-HX90 è un’ottima compatta non pro, perfetta per chi si avvicina al mondo della fotografia e non se la sente di buttarsi subito su una sistema a lenti intercambiabili, o per chi cerca una compagna di viaggio discreta ma reattiva. I comandi fisici fanno faticare chi ha le mani grandi e la qualità d'immagine soffre nelle situazioni poco luminose. Nel complesso, come compatta tuttofare, questa DSC-HX90 è senz’altro consigliata.

di Cosimo Alfredo Pina
Pro
  • Dimensioni davvero contenute
  • Tante funzioni
  • Sistema di stabilizzazione
  • Zoom versatile…
Contro
  • Tasti e comandi sul retro un po' piccoli
  • Mirino non adatto a chi porta gli occhiali
  • Niente RAW
  • …ma poco luminoso
  • jack

    Innanzi tutto complimenti per la recensione. Volevo chiederti secondo te visto il prezzo simile (oggi è in offerta a 299€ su amazon) non conviene prendere la sony rx100 che seppure abbia meno escursione focale ha un’ottica molto più luminosa e permette di scattare in raw?

    • Cosimo Alfredo Pina

      Ciao e grazie mille. La RX100 a 300€ è presa senz’altro bene, ma la domanda che rivolgi è molto legata al tipo di fotocamera che cerchi. Proprio come hai detto tu la RX100 ha un’obiettivo più luminoso e permette di scattare in RAW, in più il sensore è più grande. Dipende quindi dal tipo di fotocamera che cerchi. La DSC-HX90 è forse un gradino sotto, ma è più recente e versatile, grazie proprio allo zoom 30x. Sei pronto a sacrificare questa componente per più luminosità e formato RAW?

  • sl3v1n89

    Vorrei stare sotto un budget di circa 250 € (più o meno) e stavo valutando l’acquisto della Son HX60, cosa ne pensate? Cosa consigliate con il mio budget?

    • Cosimo Alfredo Pina

      La HX60 non è più recentissima. Se riesci a risparmiare un po’ puoi puntare alla SX720 HS o se non ti interessa lo zoom a 960 mm c’è la SX620 HS, più economica.

      • sl3v1n89

        Grazie per la risposta. Lo zoom non è la mia priorità. Ho notato anche il modello SX710 HS, è migliore della SX620? Più i generale, meglio queste Canon o Sony?

  • Francesco

    Domanda rapida, tra questa e la Lumix TZ90 cosa consigliereste?Vorrei sfruttare lo sconto ebay del 20% per comprarla! La ringrazio!