8.2

DS216 Play, il NAS che vi farà amare i NAS: la recensione (foto e video)

Nicola Ligas -




Recensione Synology DS216 Play

DS216 Play è un NAS a 2 vani col supporto al transcoding di file video fino in 4K, per godere di tutti i contenuti multimediali che volete, su qualsiasi dispositivo. Non pensate comunque che si tratti solo di un dispositivo pensato alla multimedialità, perché è comunque un “ordinario” NAS in tutto e per tutto, con il pluri-premiato sistema operativo DSM di Synology, che in quanto a semplicità e flessibilità non teme rivali.

6.0

Confezione

La confezione del DS216 Play è alquanto scarna, e comprende il solo NAS. Questo significa niente hard-disk, ovvero, se non ne aveste già uno, lo dovrete acquistare assieme al NAS, o quest’ultimo sarà inservibile. Nella confezione, oltre all’alimentatore, non c’è nient’altro. Un po’ poco, considerando anche il prezzo, come vedremo dopo.

8.0

Hardware

DS216 Play è dotato di una CPU ARM STM STiH412 dual-core a 1,5 GHz, con 1 GB di RAM DDR3. I due vani a disposizione possono contenere dischi da 3,5” o 2,5” in RAID 0, 1 oppure JBOD, ovvero le configurazioni più classiche e “casalinghe”. Il supporto nativo è presente per codec H.265 (HEVC), H.264, MPEG-4 Part 2, MPEG-2, VC-1, fino in 4K a 30 fps. Sul retro troviamo porta Ethernet, USB 2.0 ed USB 3.0, utili per collegare pendrive esterne, che possono poi essere facilmente condivise in rete.

Si tratta di caratteristiche di buon livello per un NAS casalingo / da piccolo ufficio, che gli permettono di essere un buon media center ed anche un piccolo server, anche se è proprio quest’ultimo compito che, a seconda del carico, potrebbe metterlo un po’ più in crisi.

8.5

Funzioni e Prestazioni

Il punto di forza dei NAS Synology è da sempre il software, con Disk Station Manager che è uno dei sistemi più completi che si possano pensare, ed al contempo relativamente semplice da usare.

DSM si utilizza infatti tramite browser, con un’interfaccia a finestre che richiama quella di un classico sistema operativo desktop, e che pertanto risulterà immediatamente familiare. Interamente localizzato in italiano, DSM dispone di tutta una serie di pacchetti aggiuntivi che potrete installare a piacimento e che andranno a riempirlo di funzionalità diverse: dalla creazione di un server apache, al supporto PHP, da CMS come WordPress e Drupal, alla gestione dei download da bittorrent ed eDonkey.

Che vogliate trasformarlo in un media center o in un server, DSM vi saprà venire incontro in modo efficace, con la transcodifica dei video/audio in formati particolari (rm, rmvb, mkv, flac, ogg ecc.), in modo che siano comunque utilizzabili via DLNA (non è una scienza esatta però, e qualche errore rimane comunque possibile, soprattutto con file ad elevata risoluzione), o con la facile gestione del DDNS in modo che siate sempre raggiungibili. E con QuickConnect è facilissimo collegarsi direttamente alla Disk Station ovunque voi siate nel mondo (a patto ovviamente che il NAS sia in rete).

A parte questo, abbiamo tante applicazioni volte alla multimedialità, che potete trovare anche su dispositivi mobili (Android ed iOS, ma anche Android TV), in modo da poter fruire dei loro contenuti con semplicità. Tra queste spiccano Video Station (DS Video su mobile), che cataloga film e serie TV come un vero media center, con tanto di trame ed episodi, e Photo Station (DS Photo su mobile), che potete usare o come editor/visualizzatore di foto, ma soprattutto per creare delle gallerie online, con album, miniature personalizzabili, funzioni per la privacy, e tutte le opzioni tipiche del caso, ed in estrema semplicità. Inutile dire che c’è anche Audio Station, che cataloga e riproduce i file musicali presenti sul NAS.

Da notare inoltre la possibilità di eseguire periodici backup dei PC in rete, anche con supporto al Time Machine di Apple, ma la descrizione del DSM potrebbe continuare a lungo, ed in parte esula dagli scopi specifici di questa recensione, pertanto vi rimandiamo al sito ufficiale se foste interessati ad approfondire il numero di funzioni a disposizione, ed ovviamente alla video recensione.

Nel complesso, DS216play si rivela una macchina in grado di sfruttare tutta la versatilità del Disk Station Manager, e che nelle nostre prove ha presentato solo impuntamenti davvero sporadici. Che cerchiate un media-center, un piccolo server, uno strumento di backup, un gestore di download, uno spazio per il vostro CMS e per sviluppare e testare applicazioni per il web, un… come già detto, l’elenco è lungo, ed è probabile che abbiate appunto trovato ciò che stavate cercando.

7.0

Prezzo

DS216 Play si trova su Amazon a circa 250€, anche se il prezzo ufficiale è superiore, per di più senza disco incluso. Non è la più economica delle soluzioni, e se quello che volete è solo un media center o simili, probabilmente vi conviene cercare altrove. Tenete però conto che DS216 Play è molto più di questo, ed allora capirete che il prezzo è maggiormente giustificato.

Foto

Giudizio Finale

Synology DS216 Play

8.2

Synology DS216 Play

DS216play è un NAS semplice da usare, ma altrettanto potente, forte di tutta la flessibilità ed affidabilità raggiunta negli anni dal Disk Station Manager, il software di Synology. Non è una soluzione all-in-one, dato che l'hard disk non è integrato, e che per sfruttare a pieno le sue potenzialità dovrete avere un minimo di conoscenze ed esigenze; non scambiatelo solo per un media-center insomma, ma se cercate questo, un server personale, uno strumento di backup e molto altro, sappiate che sono tutti concentrati al suo interno. E non è poco (come il suo prezzo).

di Nicola Ligas
Pro
  • Software versatile e personalizzabile
  • Semplice da configurare
  • 2 vani e fino a 20TB di spazio
  • Silenzioso e "potente"
Contro
  • Prezzo non contenutissimo
  • Disco assente
  • Confezione scarna
  • Qualche piccola incertezza con video ad elevata risoluzione
  • GattoMorbido

    quante uscite hdmi presenti?
    di solito la linea play si differenzia dagli altri modelli proprio per la presenza di questa porta perché la transcodifica la fa anche il mio ds214 (anche se non fino al 4k, ovviamente) ma non ha la porta hdmi…

    • Nessuna HDMI. Il “play” è sinonimo di multimedialità, ma non necessariamente di HDMI, anche su altri NAS Synology.
      Dietro c’è solo l’ethernet e due USB (di cui una sola USB 3.0)

      • GattoMorbido

        …che se ci si pensa è una grossa mancanza per un uso prettamente home dove, con un cavo hdmi verso il televisore, si godrebbe al meglio il flusso audio/video.
        alla fin fine basano tutto sul trasferimento tramite lan o wifi… peccato, ma non è irrimediabile (ovviamente)

    • Gianluca

      Ti confondi con il video recorder. la serie play non ha mai avute le porte hdmi. Inoltre il tuo/mio ds214 non è in grado di transcodificare un bel niente di video. Questo 216play supporta l’h265 fino al 4K il che significa che può convertire al volo un video HEVC o AVC in qualcosa di più “leggero” per dispositivi che non ne supportano la decodifica tipo vecchie tv o smartphone collegati a wifi con poca banda.

  • May I Survive

    mi è passato sottomano un DS216 e dico una cosa: ok, funziona.. ma veramente troppo giocoso.
    hanno cercato di rendere il software usabile per tutti, strutturato ad “app”… qualsiasi opzione più avanzata di “clicca e va” è ingestibile, purtroppo

    • perché ingestibile? Secondo me è un grande merito aver reso tutto semplice, che poi è solo apparenza, le opzioni più complesse sono comunque appannaggio solo di chi le sa usare

      • May I Survive

        si, sono d’accordo che è un merito!
        e le cose più consumer sono molto più facili: permette di configurare dallo streaming video, gallerie di foto, persino server mail e directory in pochi click.
        però tutte le cose avanzate (e.g. la scelta del tipo di raid) è nascosta e te la fa fare dopo la fine dell’installazione…

  • Gianluca

    no, su gruppo 2 è tutto N/D e con Plex non si riesce minimamente a fare la transcodifica.

  • Max B

    Secondo voi è meglio questo 216play o il 216j? Per un uso casalingo, quindi archivio di film, video, foto, documenti e per usarlo come “cloud” con le app di synology da android, quindi backup di foto scattate, video registrati ecc. Tipo dropbox insomma?

    • io andrei di play e vai sul sicuro

      • Max B

        Grazie Nicola!

  • Ansem The Seeker Of Darkness

    Sono l’unico per cui una nas debba avere almeno 4 dischi, meglio se 6?

  • Kinder Gnomburlone

    Buonasera. Desidero porre una domanda: se io conservo sul nas dei video in vari formati (avi, wmv, mkv ed altro), posso visualizzarli sul televisore utilizzando chromecast con un’app dello smartphone android senza bisogno di accendere il pc? Scendo ancora più nel dettaglio. Attualmente ho fatto la prova a collegare un hd o una penna usb direttamente al router (a pc spento) e, uilizzando sullo smatphone “localhost” e qualcosa di simile, sono riuscito a visualizzare alcuni filmati, ma non tutti, proprio perché manca la transcodifica. Il tutto, ovviamente, si risolve mandando i video direttamente dal pc. Quindi, per essere sicurissimo, posso vedere i filmati col pc spento, utilizzando lo smartphone che “comanda” il nas come fosse un telecomando? Lo stesso vale per le foto? (ma mi sembra di capire che questo sia fattibilissimo). Grazie in anticipo per la risposta. Cordiali saluti.