8.5

Recensione Xiaomi Mijia 4K: action cam economica, originale e completa (foto e video)

Nicola Ligas




Recensione Xiaomi Mijia 4K

Xiaomi, tramite il brand Mijia, è entrata in un segmento che sembrava un po’ abbandonato a sé stesso, e che da qualche mese è invece sempre più affollato: quello delle action cam economiche. Questa Xiaomi Mijia 4K, in vendita per la verità da diversi mesi, si distingue per vari motivi dalla massa: alcuni positivi, altri meno. Procediamo quindi per gradi, come sempre, e vediamo co

LEGGI ANCHE: Migliori action cam

7.0

Confezione

Confezione con pochi fronzoli, che include solo la Xiaomi Mijia 4K ed un cavetto (molto corto) USB-micro USB. A parte un piccolo manuale in cinese non c’è nient’altro. Una custodia impermeabile è sempre gradita in questi casi, ma per fortuna è disponibile come accessorio separato, e non costa una fortuna.

8.0

Costruzione

La qualità costruttiva di questa Xiaomi Mijia 4K è piuttosto elevata, al punto che l’unico rimpianto è che non sia impermeabile. Questo avrebbe sopperito in parte all’assenza della custodia dedicata, ma ovviamente avrebbe complicato le cose sia dal punto di vista costruttivo che del prezzo.

Bello il design, che mostra un po’ di originalità in un mondo, quello delle action cam, che è piuttosto piatto al riguardo. Sembra davvero una piccola macchina fotografica, soprattutto la parte dell’obiettivo. Davanti è invece completamente liscia, mentre il profilo è ruvido, zigrinato, ed un po’ incline ai graffi, quindi stateci attenti. Sul fianco sinistro troviamo la porta micro USB, coperta da un sportellino rigido a scorrimento, e non uno di quelli in gomma che magari si staccano facilmente: bel tocco di classe.

Sul retro troviamo poi un ampio display touch da 2,4”, molto reattivo, che va ad occupare quasi tutto lo spazio a sua disposizione. Difficile trovarne di così grandi, anche perché Mijia 4K si prende un po’ di larghezza in più di molti rivali, ma finché serve al display non ci lamenteremo troppo.

Sul fondo abbiamo invece il vano per la generosa batteria, ed una vite per agganciare la Mijia 4K ad un treppiedi o altri accessori a vite. Altro bel tocco, che semplifica l’uso di accessori di terze parti. In effetti, proprio la forma particolare ed originale della action cam che fin qui abbiamo solo lodato, rende praticamente impossibile utilizzare accessori generici, e per lo più avrete bisogno di qualcosa di specifico per lei, a meno che non vi basti appunto solo l’attacco a vite.

8.0

Hardware

Xiaomi Mijia 4K utilizza l’ormai collaudato processore d’immagine Ambarella A12S75. Il sensore è invece un Sony IMX317 da 1/2,5” con 8 megapixel. Le ottiche sono a 7 lenti, con campo visivo (FOV) di 145° e apertura f/2,8. Non c’è stabilizzazione ottica, ma elettronica “a 6 assi” grazie a giroscopio ed accelerometro. Quest’ultima è però disponibile solo in 1080p a 30 o 60 fps, per altre risoluzioni o framerate più elevati non c’è alcuna stabilizzazione.

Presenti sia Wi-Fi (a 2,4 GHz) che Bluetooth, rispettivamente per interfacciarsi con l’app per smartphone e per connettere accessori esterni, come un telecomando per lo scatto. Data la forma non “standard” della action cam c’è infatti bisogno di una custodia dedicata per renderla impermeabile. Sul retro troviamo un display touch da 2,4 pollici, mentre la batteria è da 1.450 mAh.

Ci sono 9 modalità di utilizzo, ciascuna con le sue relative impostazioni e limitazioni, che andremo brevemente a riassumere:

Video

  • 4K (3.840 x 2.160 pixel) a 30 fps
  • 2.5K (2.560 x 1.440 pixel) a 30 fps
  • 1080p (1.920 x 1.080 pixel) a 100 / 60 / 30 fps
  • 720p (1.280 x 720 pixel) a 200 fps

Nota bene: i framerate sono indicati nel valore massimo, con standard NTSC. Utilizzando lo standard PAL i 30 fps diventano 25 ed i 60 diventano 50.

Time lapse video

  • 4K, 2.5K e 1080p a 30 fps con intervalli di 0,5/1/2/5/10/30/60 secondi

Slow motion

  • 8x in 720p oppure 4x o 2x in full HD – sono i framerate indicati nel paragrafo “video”

Loop record

  • Le risoluzioni sono tutte quelle indicate in “video”, con loop di 1/2/5 minuti

Video + Foto

  • Risoluzione video 1080p (1.920 x 1.080 pixel) a 60 o 30 fps, con intervalli di scatto di 5/10/30/60 secondi

Foto

  • 6 megapixel (2.880 x 2.160 pixel) 4:3
  • 8 megapixel (3.840 x 2.160 pixel) 16.9

Output in jpg o jpg+dng (RAW)

Timer

  • Autoscatto a 3/5/10/15 secondi
  • Risoluzione: le stesse due indicate nel paragrafo “Foto”

Burst

  • 3/5/10 pose al secondo; 10 pose in 2 secondi; 10 pose in 3 secondi; 30 pose in 6 secondi
  • Risoluzione: le stesse due indicate nel paragrafo “Foto”

Time lapse foto

  • Stessa risoluzione indicata in “Foto” con intervalli di 0,5/1/2/5/10/30/60 secondi

Nel complesso avrete insomma di che sbizzarrirvi con questa action cam, che non rinuncia nemmeno alle foto in RAW, rivelandosi completa al pari di modelli di fascia ben superiore.

8.5

Qualità ed esperienza d'uso

Xiaomi Mijia 4K vi mette a vostro agio. Il touchscreen è sempre reattivo e pronto a rispondere ai vostri comandi. L’interfaccia, per quanto in inglese, non presenta problemi di navigazione, e le opzioni sono numerose ma non ridondanti. La qualità del display non è eccelsa, ma era difficile pretendere di più. La luminosità è piuttosto buona, anche se con pieno sole lo schermo non risulta comunque facilmente leggibile. Vi consigliamo però di abilitare la luminosità massima solo nel caso di giornate davvero di cielo terso e soleggiato, perché falsa un po’ i colori ed appesantisce la lettura in un ambiente più ombroso.

La qualità dei video in 4K c’è. Sono ben definiti e presentano dei colori abbastanza naturali, forse fin troppo. Se non vi dovesse piacere questa resa, tramite le impostazioni potete selezionare “vivid”, che in effetti aumenta un po’ la saturazione, ma non in modo eccessivo. I video in full HD perdono invece più definizione di quella che avremmo pensato. Non è una cosa tragica, ma si nota nel confronto tra i due.

L’intervallo dinamico è in linea con la concorrenza, ma Mijia 4K gestisce comunque molto rapidamente i cambi di luminosità, e cerca di non scurire troppo le ombre né di accentuare troppo le luci. Il risultato è che, anche in presenza di aeree a forte contrasto, dovreste comunque riuscire a tirare fuori dei video godibili.

Fa un buon lavoro anche la stabilizzazione elettronica, sebbene sia disponibile solo in full HD e non a 100 fps. In generale, le generose dimensioni della action cam aiutano a tenerla abbastanza ferma, ma soprattutto nelle foto con poca luce è facile che notiate almeno del micro-mosso. L’assenza di uno stabilizzatore ottico si fa insomma sentire in questi casi, ma del resto nessuna action cam di questa fascia ne ha mai montato uno.

Sempre riguardo alle foto, valgono considerazioni analoghe ai video. Colori non pompati, ma buon dettaglio (mosso a parte), ed un discreto intervallo dinamico,  quindi generalmente valide. Di sera, sia foto che video, vedono dei bei picchi di rumore e la gestione delle alte luci non è ottimale. Si potrebbe obiettare che era dura pretendere di più, ma vista la qualità generale ci saremmo davvero aspettati una resa migliore. A seguire alcuni esempi di foto.

8.0

App

L’app per smartphone per gestire Xiaomi Mijia 4K si chiama Mi Home. Si tratta dell’hub per molti servizi di Xiaomi, quindi magari la conoscerete da altri prodotti. L’interfaccia, come potete vedere dagli screenshot seguenti, è molto pulita e facilmente utilizzabile. Richiama un po’ la grafica presente sulla action cam, con tutti quei cerchi per le varie modalità, e nel complesso ne abbiamo apprezzato pulizia e semplicità.

A volte abbiamo però avuto dei problemi a collegare smartphone ed action cam. Per fortuna l’app non è affatto indispensabile per l’uso della Mijia 4K, che bene o male può operare in completa autonomia, ma è fastidioso magari in quei casi in cui vorreste scaricare le foto ed i video sul telefono per una rapida condivisione, ed invece dovrete riavviare il tutto più volte, sperando che la situazione si sblocchi. Non è però mai facile capire quanto problemi di questo tipo siano generici o limitati alla combinazione di telefono/action cam usata in quel momento.

9.0

Autonomia

2 ore di video in 4K a 30 fps, 3 ore in full HD a 60 fps. Più o meno sono questi i valori ideali che abbiamo tirato fuori senza andare spesso ad interagire con lo schermo della Mijia 4K, ma sono comunque notevoli. Ciò è possibile grazie alla generosa batteria da 1.450 mAh, tendenzialmente superiore alla maggior parte della concorrenza. Peccato solo che l’indicatore di carica visibile a schermo non sia troppo preciso, e passi in modo piuttosto repentino da quella che sembra una discreta carica residua, alla “zona rossa”.

8.5

Prezzo

Xiaomi Mijia 4K oscilla intorno ai 100€. È senz’altro un buon prezzo, che vede come concorrente diretta la Yi Lite che abbiamo già recensito, che vanta una custodia impermeabile inclusa, ma si ferma al 4K@20fps. All fin fine, in un modo o nell’altro, cascherete in piedi; dipende anche dalle vostre esigenze, come sempre.

Immagini Xiaomi Mijia 4K

Giudizio Finale

Xiaomi Mijia 4K

8.5

Xiaomi Mijia 4K

Xiaomi Mijia 4K è il prototipo della action cam economica, ed anche di più. Non le manca praticamente nulla, incluso un ampio schermo touch, e la qualità generale è in linea con le aspettative, ed anche di più. Non ci sono purtroppo accessori inclusi in confezione, ma il prezzo rimane concorrenziale, ed in grado di impensierire i rivali di pari fascia, ed anche di più.

di Nicola Ligas
Pro
  • 4K@30fps di buona qualità
  • Buona stabilizzazione elettronica
  • Display touch ampio e reattivo
  • Prezzo
Contro
  • I video in full HD sono meno definiti del previsto
  • Stabilizzazione solo in 1080p@30/60fps
  • Schermo non sempre ben visibile
  • Accessori tutti a parte
  • Tiwi

    niente male