Leica BW

Come userete la fotocamera B/W di Huawei P9? – 2 minuti con SmartWorld

Emanuele Cisotti

È ormai quasi certo che una delle funzionalità più peculiari del prossimo Huawei P9 sarà la possibilità di scattare particolari foto in bianco e nero grazie ad un sensore fotografico Leica capace di scattare solo in questo modo. È una funzione che riterreste interessante? Quale potrebbe essere una funzionalità fotografica che potrebbe convincervi a comprare Huawei P9 (o più in generale qualsiasi smartphone)?

Foto di Petapixel

  • Vyolence

    Leica: famosa produttrice di sensori, soprattutto per giocattoli come le fotocamere dei telefoni.

    • the

      Leica non fa sensori, se li fa fare da altri (solitamente su specifica). Solo canon se li fa da se, ed i risultati non sono i migliori, meglio che ciascuno si specializzi sul suo!
      Un po’ di know-how però penso ce l’abbiano, anche se logicamente non ci si può aspettare le stesse prestazioni di una leica-m con summilux 35 da un cellulare!

      • Come ho scritto qualche commento più in su, se c’è Leica, c’è anche qualità. Poco ma sicuro! 🙂

        • Vyolence

          A me sembra che Leica sia stato un marchio spesso usato in questi anni per rendere più appetibili certe fotocamere (Panasonic in primis), senza che ci fosse dietro anche sostanza.
          Se un banalissimo M 50mm f/2,8 Elmarit costa 800€, in una fotocamera Panasonic da 100€ o in questo telefono, cosa ci sarà mai di Leica? Secondo me ha dovuto scendere a compromessi e “vendere” l’immagine del marchio per sopravvivere.

          • the

            Esatto, non dobbiamo aspettarci più di quanto sia fisicamente possibile. Mi aspetto però la stessa cosa che è successa con i nokia-zeiss ai tempi di n95: zeiss aveva messo il nome perchè quella fotocamera era più o meno il massimo che ai tempi ci si poteva aspettare!

          • In realtà hai ragione: ho generalizzato troppo…
            Diciamo che nelle compatte Panasonic, Leica collabora nella progettazione e lì si ferma (no beh mette anche l’etichetta in basso a destra xD), ma se ci pensiamo, su 100-200 euri di macchinetta del tubo, cosa ci si può aspettare…? Diciamo anche che nelle bridge un po’ più costose (per quanto comunque non le sopporti), le lenti Leica hanno sicuramente fatto la differenza. Per citarne una, rimanendo su Panasonic, la DMC-FZ18, che fra l’altro ho anche avuto modo di provare a suo tempo.
            Innegabile che Leica e Panasonic producano anche ottiche di qualità, come il 17mm micro4/3…
            A mio parere quindi è sbagliato fare di tutta l’erba un fascio: probabilmente la qualità dipende molto dalla fascia di prezzo in cui si trova il “prodotto con etichettina Leica”, che detta senz’altro la qualità della fotocamera/lenti.

          • Vyolence

            Sono d’accordo. E’ un problema di fascia di prezzo. Quando si parla comunque di ottiche Leica, o si fa riferimento alla serie M ed S, oppure di Leica c’è sempre e solo lo schema ottico. Tra l’altro ci sono anche compatte ed altre fotocamere Leica che sono palesemente delle Panasonic rimarchiate vendute a prezzo gonfiato.

          • A questo punto mi viene un dubbio… se Leica fa solo le ottiche (o almeno le progetta, ahimè xD), com’è che le mirrorless (parlo delle Panasonic serie G, GX e GH) hanno l’etichettina Leica?? L’obiettivo è intercambiabile!!

          • Vyolence

            Davvero? A me non sembra di averlo visto su questo genere di macchine. Vista la collaborazione dei due marchi, inserire il bollino rosso Leica ad cazzum comunque fa bene al marketing.

          • Di’ “ciao”… xD

          • Vyolence

            Quello è il logo del marchio Lumix, ovvero il nome delle fotocamere Panasonic. Il logo Leica è diverso;)

          • Noooo!!! XD mamma mia è da anni che sono convinto sia il logo Leica sulle Panasonic! La L è anche quasi (quasi) identica!
            Ho imparato una cosa nuova 😉 non si finisce mai!
            Quindi anche Lumix ha un logo… Wow! 🙂

          • Vyolence

            Ahah! E’ tua quella macchina?

          • yes… è una… 😉

      • Vyolence

        Ma infatti, ero ironico. Poi c’è Leica e Leica. C’è la serie M inaugurata nel ’54 e che ha fatto la storia e ci sono le compatte Panasonic da 100€ con obiettivi “Leica” (nel senso che hanno schema ottico Leica).

  • Eletto Papino

    Buonasera Emanuele, è da settimane che cerco e mi scervello ed effettivamente ora credo di essere abbastanza certo su quello che ti dirò. Allora l’utilizzo del sensore senza filtro colore quindi in b/w sarà utilizzato per catturare tutte le lunghezze d’onda possibili, in modo tale da ridurre il rumore e guadagnare dettaglio e luminosità con scarsa illuminazione, cosa che appunto fa la Leica M monochrom poi verranno uniti i dati raccolti da questo sensore con l’altro dotato del normale filtro a dare colore. La risultante sarebbe una foto meno rumorosa e con più dettaglio. Questa sarà una delle applicazioni. Poi per quanto riguarda le lenti Leica asferiche vedremo la qualità. Altra cosa che mi interessa particolarmente da questa collaborazione sarà il processore d’immagine e software fotografico che spero siano stati studiati appunto assieme a Leica stessa.
    Per il resto vedremo domani sera. Grazie e buona serata

    • Alessandro

      Grazie, non sapevo che servisse anche a questo il sensore b/w

    • concordo con la tua idea…
      Senz’altro quello del P9 sarà un sensore di qualità, considerata la collaborazione con Leica che, diciamocelo, è un punto di riferimento per la fotografia e ha fatto la storia. Sono davvero curioso di vedere la qualità degli scatti! 🙂

    • Vyolence

      D’accordo con quanto dici. Poi farsi tutte queste pare mentali con quel sensore piccolo piccolo mi fa sorridere. La vera innovazione è quella portata avanti in passato da Nokia, con telefoni come il Lumia 1020 con sensore grande.

    • Lonza

      non ne so una mazza, ma sta cosa che un obiettivo in B/N abbia meno rumore perché cattura tutte le lunghezza d’onda non mi torna molto…

      • the

        E’ quello che succede sulla M-Monochrom, i fotositi non hanno un filtrino colorato che taglia tutta la luce tranne alternativamente rosso, verde e blu, quindi alla fine ci entra circa 3 volte più luce! Un altro vantaggio è l’aumento di nitidezza, dato che per fare un pixel su un sensore a colori si prendono 4 fotositi. Difficile spiegarlo bene in due parole, se vuoi approfondire cerca demosaicizzazione bayer. Grosso modo comunque a parità di megapixel la nitidezza di un sensore in bianco e nero è doppia!

      • Eletto Papino

        Beh perché non analizzi, se catturò più luce posso abbassare la sensibilità diminuendo il rumore

  • TheAlabek

    Se ben ricordo, LG per prima, non HTC

  • Claudio Faggella

    parlate un po del light painting????

  • Anders Ge (f.k.a.”usagisan”)

    Per me si: l’ottanta per cento delle mie foto sono in B/N, che io prediligo al colore.
    Sono molto curioso ed interessato a questo P9, speriamo ne venga fuori qualcosa di veramente meritevole.

    • the

      Ok per la m-monochrom e per la trasformazione in b/n di fotografie a colori, ma il bianco e nero senza la possibilità di mettere un filtro davanti per contrastare (o in post partendo da una foto a colori) la vedo una cosa molto limitata!