Confronto-iPhone-6s-6s-Plus-8

L’FBI ha craccato un iPhone: e quindi? – 2 minuti con SmartWorld

Nicola Ligas

L’FBI ha sbloccato l’iPhone di Syed Rizwan Farook, responsabile dell’uccisione di 14 persone, senza l’aiuto di Apple. Il proverbiale vaso di Pandora non è stato aperto, ma in un modo o nell’altro i federali sono riusciti ad accedere a dei dati che dovevano essere teoricamente inviolabili. Questo cosa cambia per l’utente comune? Ne parliamo nei 2 minuti di oggi.

  • Ugo

    ragazzi, scusate se ve lo dico, ma… per visualizzare il contenuto installa il player flash???
    su un sito che tratta tecnologia e dispositivi mobili?
    nel 2016??

    essù…

    • Mattia Favali

      Infetti non ha tutti i torti… Sarebbe ora di usare HTML…

  • Darth Vader

    a parer mio , una cosa gravissima, si è creto un “precedente”

    • eema

      Quale precedente? Perchè a me sembra un precedente piuttosto grave quello di un’autorità statale che vuole imporre una violazione della privacy a una ditta privata

  • cip93

    vaso di pandora..ridicolissimi…. poi tutelando dei terroristi..domani tuteleranno anche gli stupratori?

    • eema
      • cip93

        ironia esilarante americana unito all’humor british fa veramente tanta m3rda, poi si parla di cancro in paragone (risate in sottofondo) degna di un’ironia sottile…

        • eema

          Peccato che è uno dei più popolari al momento negli usa.. ma a parte l’ironia che può piacere o meno ci sono anche ottime argomentazioni..

  • ELIA

    Hanno fatto benissimo, porca trota quello ha ammazzato 14 persone e loro non vogliono sbloccargli il telefono

    • Casper

      Attenzione: è qui l’inghippo. Sono d’accordo con te sullo sbloccare il telefono del terrorista, ma se leggi bene i vecchi articoli l’FBI non chiede lo sblocco del solo telefono del terrorista, chiede una backdoor installata su qualsiasi iPhone prodotto ed un sistema operativo modificato che gli dia libero accesso. Questi strumenti possono benissimo essere trafugati dall’azienda e finire in mano a qualsiasi malintenzionato. Questo è inaccettabile. L’FBI ha sbagliato i modi di richiesta. Secondo me se la richiesta fosse stata “ci aiutate a sbloccare l’iPhone di Syed?” Apple avrebbe collaborato tranquillamente.

    • eema

      Ma non diciamo cavolate.. L’fbi non ha chiesto di sbloccare il telefono ma di creare una backdoor su tutti i suoi telefoni per ogni sblocco futuro..
      Questa è una cosa senza senso perchè come anche tu saprai le vulnerabilità vengono a galla prima o poi.. Se tu crei una backdoor universale questa prima o poi verrà fuori e tutti i telefoni del mondo saranno facilmente accessibili da tutti senza che si possa far qualcosa neanche con un aggiornamento…
      Se anche fossi in grado di tener nascosta questa backdoor non cambierebbe nulla.. Appena questa backdoor venisse creata i terroristi semplicemente passerebbero a una app di messaggistica criptata come una delle centinaia già esistenti.. E visto che la maggior parte di queste ha sede in Cina non potresti farci nulla comunque e non hai risolto nulla (se non render vulnerabile qualsiasi telefono)

  • magicblack

    Sarebbe interessante vedere un vostro editoriale. Magari con un “cosa ne penso” di ciascuno di voi 🙂

  • Superpetru

    Figuraccia Apple! Sono convinto che una backdoor ci sia solo che loro hanno voluto sfruttare anche questa tragedia per farsi pubblicità.. IPhone é talmente sicuro che neanche governo può sbloccarlo… È invece e e no!! In pieno stile Apple hanno voto fare i saccenti e so o stati sbugiardati. Facevano meglio ad usare un po’ di umiltà e autocraccarselo

    • Casper

      Non sono d’accordo. Qualsiasi dispositivo secondo me può essere violato dalle autorità in caso di indagini, hanno professionisti che sanno il fatto loro. Apple ha fatto ciò che doveva fare. Una backdoor non può esistere, in nessun modo. Al cellulare ormai sono legati dati personali, più che altro dati di pagamento, come carte di credito, account paypal magari password del conto corrente ecc. Non deve in alcun modo esserci in giro uno strumento che, in caso finisse in mano a delinquenti, permetta di accedere a queste informazioni di modo che tu possa tranquillamente essere derubato. Apple ha fatto bene, anzi più che bene. Ha tutto il mio appoggio e il mio sostegno. Se l’FBI vuole accedere a qualcosa ha i suoi mezzi, che lo faccia con quelli e non rompa i cog*lioni al resto del mondo, o che almeno non pubblicizzi tutto questo. Occhio! Non si venga a leggere questo mio commento come un voler difendere un terrorista. Lo condanno come il 100% della popolazione mondiale, ma un conto è accedere ai dati di un terrorista, un conto è creare uno strumento che potrebbe benissimo uscire dalle porte di apple o dell’FBI (come più e più volte è successo nel settore tecnologico) e finire in mano a qualsiasi criminale.

      • Pol Pastrello

        Sembra che lo sblocco sia stato realizzato dall’azienda israeliana Cellbrite con la tecnica del Nand mirroring.
        Personalmente se io fossi stato uno dei responsabili della FBI non avrei pubblicizzato la cosa; non avrei chiesto pubblicamente lo sblocco e non avrei fatto trapelare di esserci riuscito.
        Così facendo si fornisce un vantaggio a chi vuole occultare i propri dati …
        I pizzini non sono nati per caso …

      • Superpetru

        Il fatto è semplice Apple ha detto “no il mio dispositivo non può essere in alcun modo violato rinunciateci” e lo ha gridato ai 4 venti (con il chiaro intento di farsi pubblicità). Il governo (giustamente a mio parere) ha risposto ok allora mi arrangio e così ha fatto e c’è riuscito.
        Apple avrebbe dovuto essere più furba e dire (poiche lo hanno costruito in toto loro e lo conoscono meglio di chiunque altro) “ok visto che il caso particolare io e solo io sono in grado di entrare”. Facendo così avrebbero: 1)tenuto nascosto la cosa
        2)non dato spazio ai tentativi esterni di “crack”
        3)fatto capire che giustamente i dati personali sono al sicuro e inaccessibili ma per casi particolarissimi solo e soltanto la casa produttrice può accedervi.
        In questo modo invece hanno solo fatto capire che loro non ci hanno nemmeno provato e che i dati non sono al sicuro per nessuno

  • dgero83

    Io non capisco perché l’fbi abbia fatto tutto questo mulino. O davvero pensavano che non si potesse fare, il che è preoccupante perché a quanto pare non sanno usare la tecnologia, o come sono quasi sicuro, erano capaci e hanno fatto finta. Ma a che fine? Per creare un precedente? Per sondare l’opinione del pubblico? Non c’è un coordinamento al riguardo e non tutti nell’fbi sanno cosa si può fare? Boh