Il motore V8 di Google Chrome in beta: browser più veloce?

Chrome, il browser firmato Google ha già raggiunto non solo una vasta utenza, ma anche molti apprezzamenti dovuti alla sua semplicità e a una velocità di caricamento pagine invidiabile, caratteristiche raramente raggiunte dagli  altri browser.

Ora gli sviluppatori di Google stanno lavorando ad alcune funzioni che permetteranno un ulteriore incremento di velocità da parte del browser, a riportarlo sul blog di Chrome è Jakob Kummerow uno degli ingegneri del software che stanno lavorando a questo progetto.

Stando a quanto riportato sul blog, il motore Java V8, che è il nome del progetto ora in sviluppo, è in grado di incrementare la velocità di elaborazione dei dati (di compilazione in realtà) fino al 25%.

Per eseguire i codici Javascript di una pagina web, il motore V8 grazie a un compilatore veloce elabora tutto il necessario, andando però a non ottimizzare il codice, in un secondo tempo vengono selettivamente presi i Javascript ritenuti prioritari e vengono ricompilati in modo ottimizzato, il che richiede più tempo e risorse.

Contrariamente al passato V8 è in grado di “predire” cosa sarà richiesto al browser di fare, andando nella maggior parte dei casi a privilegiare i programmi Java che normalmente rimangono in esecuzione poco tempo piuttosto che quelli permanenti.

Per testare questa nuova tecnologia è possibile scaricare la versione beta di 19 direttamente dalla pagina ufficiale.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 luglio 2014

Come sfruttare al massimo l’infinito numero di indirizzi email forniti da Gmail

Una cosa della quale probabilmente non tutti sono a conoscenza, è che una volta iscritti a Gmail, avrete a disposizione un numero virtualmente illimitato di indirizzi: questo accade per due semplici ragioni:... continua>
31 luglio 2014

La NASA realizza una mappa delle acque per monitorare la siccità

Sulla Costa Ovest degli Stati Uniti si sta verificando in questo mese una siccità che si aggrava di giorno in giorno. Per comprendere l’entità della crisi la NASA ha deciso di realizzare... continua>