Microsoft regala (ancora una volta) per errore i seriali di Windows 8

La versione finale di Windows 8 era stata messa in rete dai pirati già nei primi giorni di agosto, anticipando di diversi mesi l’uscita ufficiale del nuovo sistema operativo Microsoft.

A partire da agosto i pirati di tutto il mondo si sono cimentati nella realizzazione di crack, principalmente sfruttando il sistema che permette alla versione di prova di funzionare su un sistema anche dopo la sua scadenza.

Questo stratagema, tutt’altro che nuovo, ha permesso fino ad ora la circolazione di copie piratate di Windows 8 funzionanti però per un tempo limitato ad alcuni mesi, ma un recente annuncio di Microsoft, apparentemente innocuo, ha semplificato le cose per i pirati.

Microsoft ha iniziato a distribuire gratuitamente e fino alla fine di gennaio un upgrade di Media Center per Windows 8 Pro.

I pirati a questo punto si sono resi conto che la key fornita in questo modo (da questo link), è valida anche per attivare una versione di prova di Windows 8, rendendola a tutti gli effetti originale a patto di aver attivato la versione di valutazione tramite un server KMS non ufficiale.

Non è chiaro cosa abbia intenzione di fare Microsoft in merito, voci di corridoio dicono addirittura che la cosa sia voluta da Microsoft per far sì che anche chi in ogni caso utilizzerebbe una versione pirata del sistema operativo, ne possieda una copia legittima.

Per ora i canali ufficiali di Microsoft tacciono.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
30 settembre 2014

Wolfram Alpha introduce il supporto ai tweet con Tweet-a-Program

Wolfram ha introdotto una nuova interessante funzione che permette ai conoscitori del Wolfram Language di realizzare delle funzioni da 140 caratteri. Per inviare il proprio algoritmo basterà inviare un tweet al profilo Tweet-a-Program... continua>
30 settembre 2014

Lo skateboard che vi ricarica il cellulare (foto e video)

Le nuove tecnologie colpiscono, prima o poi, tutti gli oggetti che siamo abituati a considerare come i più “tradizionali”: dopo gli smartphone, le biciclette e una lunga lista di dispositivi indossabili che... continua>