Windows 8, parte l’offerta Microsoft “Upgrade Offer”

Windows 8 Consumer PreviewMicrosoft comunica oggi l’avvio del programma Windows Upgrade Offer dedicato a coloro che acquisteranno da questo momento uno dei PC basati sul sistema operativo Windows 7 inclusi nell’offerta. L’iniziativa Windows Upgrade Offer permette ai consumatori di sottoscrivere l’aggiornamento a Pro, scaricabile dal momento in cui inizierà ufficialmente il suo lancio, pagando soltanto 14.99 euro.

Si tratta soltanto della prima di numerose offerte dedicate all’utenza che saranno rese disponibili in occasione della distribuzione di Windows 8. L’offerta è ufficialmente iniziata lo scorso 2 giugno in 131 Paesi, inclusa l’Italia, ed è disponibile per tutti gli acquirenti di PC Windows 7 con versione pre-installata di Windows 7 Home Basic, Home Premium, Professional o Ultimate.

APPROFONDIMENTO: Windows 8, uscita in autunno?

Il nuovo PC basato su Windows 7 dovrà essere comprato tra il 2 giugno 2012 e il 31 gennaio 2013 e il codice dovà essere riscattato entro il limite massimo previsto dall’iniziativa di aggiornamento, ossia febbraio 2013.

I consumatori che sottoscriveranno la Windows Upgrade Offer avranno la possibilità di scaricare Windows 8 a partire dal giorno in cui verrà effettivamente lanciato.

Un’iniziativa sicuramente interessante che in parte stimolerà gli utenti all’acquisto di versioni originali e non delle copie pirata.

Foto Windows 8 Consumer Preview Clicca le foto per ingrandirle

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
31 agosto 2014

L’ingegnoso metodo con cui gli antichi egizi costruivano le piramidi

Le piramidi, migliaia di anni dopo la loro realizzazione, rimangono ancora uno dei misteri più difficili da spiegare per gli archeologi: come poteva un gruppo di uomini, per quanto numeroso, trasportare senza... continua>
30 agosto 2014

MSN Messenger chiude i battenti dopo 15 anni di storia (foto)

Si tratta di una notizia già nell’aria da tempo, e che dato l’inarrestabile avanzamento della nuova generazione di servizi di messaggistica istantanea era più che prevedibile, ma l’annuncio ufficiale della chiusura completa... continua>