Windows 8, parte l’offerta Microsoft “Upgrade Offer”

Windows 8 Consumer PreviewMicrosoft comunica oggi l’avvio del programma Windows Upgrade Offer dedicato a coloro che acquisteranno da questo momento uno dei PC basati sul sistema operativo Windows 7 inclusi nell’offerta. L’iniziativa Windows Upgrade Offer permette ai consumatori di sottoscrivere l’aggiornamento a Pro, scaricabile dal momento in cui inizierà ufficialmente il suo lancio, pagando soltanto 14.99 euro.

Si tratta soltanto della prima di numerose offerte dedicate all’utenza che saranno rese disponibili in occasione della distribuzione di Windows 8. L’offerta è ufficialmente iniziata lo scorso 2 giugno in 131 Paesi, inclusa l’Italia, ed è disponibile per tutti gli acquirenti di PC Windows 7 con versione pre-installata di Windows 7 Home Basic, Home Premium, Professional o Ultimate.

APPROFONDIMENTO: Windows 8, uscita in autunno?

Il nuovo PC basato su Windows 7 dovrà essere comprato tra il 2 giugno 2012 e il 31 gennaio 2013 e il codice dovà essere riscattato entro il limite massimo previsto dall’iniziativa di aggiornamento, ossia febbraio 2013.

I consumatori che sottoscriveranno la Windows Upgrade Offer avranno la possibilità di scaricare Windows 8 a partire dal giorno in cui verrà effettivamente lanciato.

Un’iniziativa sicuramente interessante che in parte stimolerà gli utenti all’acquisto di versioni originali e non delle copie pirata.

Foto Windows 8 Consumer Preview Clicca le foto per ingrandirle

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
22 agosto 2014

La sedia indossabile che vi permette di sedervi ovunque vogliate

I dispositivi indossabili si stanno prepotentemente affermando come bandiere dell’ultima era tecnologica: se quando pensate ad essi, però, vi vengono in mente solo occhiali, braccialetti ed orologi smart, sappiate che la vostra... continua>
22 agosto 2014

Le auto sapranno quando utilizziamo il cellulare

Non utilizzare il telefono alla guida, oltre ad essere una regola imposta dalla legge, dovrebbe far parte del buon senso di tutti. Eppure una grande percentuale degli incidenti è legata ad una... continua>