Windows Store, prime app per Metro disponibili

Microsoft ha dato  il via alla pubblicazione delle prime applicazioni Metro a pagamento sul Windows Store, il negozio digitale di terze parti di Microsoft per Windows 8 e Windows RT. Realizzando anche sezioni ad hoc denominate “Paids apps for RTM” e “New apps for RTM”.

Come è risaputo, l’attuale Release Preview permette esclusivamente l’installazione di applicazioni gratuite. Gli sviluppatori che vorranno pubblicare le proprie proposte software sullo store online dovranno scegliere un prezzo di listino compreso tra 1,49 e 999,99 dollari. Microsoft effettuerà i pagamenti entro 30 giorni dal raggiungimento della soglia dei 200 dollari.

La trattenuta Microsoft è pari al 30% del prezzo dell’app fino ad un guadagno massimo di 25.000 dollari.

APPROFONDIMENTO: Arriva il Windows Store

Superata tale cifra, Microsoft applicherà una commissione del 20%

Da notare che prima di effettuare l’acquisto, l’utente può testare l’applic.azione per capire se è effettivamente in grado di soddisfare le proprie necessità. La versione trial può essere ”temporanea”, può quindi avere una durata ad esempio di 7 giorni, o con funzionalità ridotte.

Lo sviluppatore può decidere di inserire nella propria applicazione gratuita anche banner pubblicitari al fine di trarre un guadagno anche da queste ultime.

Il Windows Store sarà un successo? Staremo a vedere.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
1 agosto 2014

Tutto ciò che dovete sapere sul nuovo metodo di tracciamento online

“Il Web non dimentica mai”: questo era il titolo di un saggio nel quale alcuni ricercatori della Princeton University descrivevano a inizio anno il “Canvas fingerprinting”, un nuovo metodo di tracciamento online.... continua>
1 agosto 2014

In USA una mappa vi dice dove non far volare il vostro drone

La diffusione dei droni, anche tra i normali cittadini, sta sempre più aumentando e con questa anche i relativi problemi legati a privacy e sicurezza. In USA non c’è ancora una legislazione... continua>