A 200 milioni di utenti piacciono i giochi su Facebook

Aumentano costantemente gli appassionati dei giochi proposti da ; secondo il CEO del social network, Mark Zuckerberg, nell’arco di un mese sarebbero circa 200 milioni gli utenti che utilizzerebbero questa funzione. Si tratta di videogiochi quasi totalmente gratuiti, realizzati con tecnologia flash.

Tra i giochi più amati ci sono senz’altro Pet Society e . Questi e gli altri giochi presenti su Facebook permettono non soltanto un’esperienza di gioco individuale divertente, ma stimolano la sfida e in alcuni casi anche la cooperazione con gli altri iscritti. L’accesso alla top ten dei giochi presenti sul social network è quantificabile con oltre 12 milioni di persone, altro dato interessante indica che il 40% degli utenti effettuata l’accesso esclusivamente per giocare.

Secondo Zuckerberg, ci sarebbe un rapporto di amore e odio tra i giochi e gli utenti: nonostante i numeri di apprezzamento parlino chiaro, generano però anche il maggior numero delle lamentele che il social network complessivamente riceve. Il CEO di Facebook, durante l’ultima conferenza ha anche annunciato un’interessante novità che riguarderà proprio il mondo dei giochi: i giocatori potranno comunicare ai propri amici i progressi fatti nei videogiochi in modo selettivo, tramite il sistema delle notifiche senza disturbare coloro che non usano i giochi flash sul social network.

Condividi questa pagina con i tuoi amici
|

Commenti

Altre Notizie PianetaTech, news di tecnologia
30 luglio 2014

La foglia artificiale che respira (e potrebbe portarci nello spazio)

Uno dei maggiori problemi all’esplorazione dello spazio profondo quella fastidiosa mancanza di ossigeno che pervade la maggior parte dell’Universo. Fortunatamente qua sulla Terra ci pensano le piante a convertire la nostra anidride... continua>
30 luglio 2014

Xamaleón, il gelato che cambia colore

Cosa succede quando un fisico decide di applicare le proprie conoscenze in cucina? Se è bravo come Manuel Linares, aspettatevi una fusione di cibo e scienza decisamente singolare, come un gelato che... continua>